Kenya – Uganda Pipeline, l’oleodotto riscaldato più lungo del mondo.

Kenya – Uganda Pipeline, l’oleodotto riscaldato più lungo del mondo.

Toyota Tsusho, il braccio commerciale della casa automobilistica giapponese, ha dichiarato che il progetto da 4 miliardi per la costruzione dell’oleodotto che collegherà i pozzi di petrolio in Uganda e Kenia con il nuovo terminal petrolifero di Lamu, e’ economicamente fattibile.

La dichiarazione della Toyota arriva dopo il completamente di uno studio di fattibilità preliminare per la progettazione di un oleodotto di 1.300 Km che collegherà  Hoima in Uganda attraverso il bacino Lokichar nel nord-ovest del Kenya a Lamu.

Il progetto includere’ anche la  costruzione di una pipeline di  9 km dal terminal di Lamu a una boa di carico ancorata al largo.

Il segretario keniota per l’Energia Joseph Njoroge ha detto che il governo inviterà le offerte per la costruzione del gasdotto nel corso dell’anno, con la costruzione del progetto  prevista per l’inizio del prossimo anno.

Le riserve stimati per i giacimenti in Kenya sono di circa 1 miliardo di barili dalla Rift Valley Bacino, mentre l’Uganda stima le sue riserve di greggio a 6,5 ​​miliardi di barili.

kenya-uganda-oil-pipeline-route-optionsLa fase iniziale del progetto prevede la costruzione di 864 km oleodotto da Lamu ai campi petroliferi in Lokichar – con il flusso del primo petrolio prevista entro la
fine del 2018. L’oleodotto dora’ essere continuamente riscaldato in quanto il greggio presente in Uganda e Kenya e’ molto viscoso e deve essere continuamente riscaldato. Questo particolare renderà’ il progetto l’oleodotto riscaldato più’ lungo del mondo.

L’oleodotto è parte di un più ampio progetto che prevede la costruzione del nuovo porto di Lamu, di una linea ferroviaria, l’autostrada, l’aeroporto e una raffineria di petrolio a un costo di Sh2.7 trilioni.

 

Sorgente: Toyota says Sh385bn Kenya-Uganda pipeline feasible

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 371 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Energia

Sierra Leone: Joule Africa ottiene 6 milioni di dollari da InfraCo per la diga Bumbuna II (143 MW)

In Sierra Leone, il progetto idroelettrico Bumbuna II ha ricevuto 6 milioni di dollari di sostegno finanziario da InfraCo. L’organizzazione sosterrà anche lo sviluppatore Joule Africa nella mobilitazione finanziaria del

Africa Sub Sahariana

Africa sub-sahariana: continua il 68% dei progetti alberghieri, nonostante le incertezze legate alla pandemia

Nonostante le incertezze legate alla crisi sanitaria, il 68% dei progetti alberghieri prosegue come previsto nell’Africa subsahariana, secondo un’indagine della società di consulenza HTI Consulting. In questo difficile contesto, 21

Africa Orientale

Tanzania, il primo parco eolico da 100 MW

International Finance Corporation sta sviluppando in Joint Venture con Aldwych international e six telecom il primo parco eolico del paese nella regione di Singida. Il progetto prevede di generare 100 megawatt di