Uganda – Gli obiettivi economici guidano la politica di sicurezza e difesa

Uganda – Gli obiettivi economici guidano la politica di sicurezza e difesa

 I paesi disposti a offrire truppe e fondi per contrastare le minacce alla sicurezza regionali tendono ad aumentare i loro profili politici.  Sotto il presidente Yoweri Museveni, l’Uganda ha sviluppato il tipo di programma di politica di difesa e sicurezza di cui ha bisogno per diventare un leader regionale, rendendo gli interventi militari limitati ma importanti, sostenendo iniziative di integrazione economica dell’Africa orientale. Più di recente, Museveni ha chiesto al Presidente del Sud Sudan Salva Kiir Mayardit adid di accettare un accordo di pace con fazioni ribelli, che preveda il ritiro delle forze ugandesi schierate a difesa del governo Kiir. L’Uganda è anche uno dei principali contribuenti al funzionamento di pace dell’Unione Africana in Somalia e ha schierato forze nella Repubblica centrafricana per le operazioni in corso contro Lord’s Resistance Army. L’Uganda ha anche svolto un ruolo attivo nel sostenere i gruppi ribelli nella Repubblica Democratica del Congo pure.

Il comportamento dell’Uganda nella regione – anche rispetto ai paesi più grandi, più popolosi e militarmente più forti – è in parte legato alla sua posizione geografica e al suo governo. Ma vi sono anche altri fattori. L’Uganda non è stato costretta ad adottare una politica di sicurezza regionale solamente a causa delle molte minacce che lo circondano, ma bisogna rilevare che la politica si intreccia con gli interessi economici e gli obiettivi politici nazionali e regionali.

In qualità di membro della Comunità dell’Africa orientale, l’Uganda ha sostenuto gli sforzi per integrare le economie regionali e lo sviluppo delle infrastrutture regionali. Per l’Uganda, le infrastrutture sono critiche, il paese che non ha sbocco sul mare, può avere accesso ai porti solo attraverso il Kenya.

I progetti per un nuovo corridoio di collegamento con il porto keniano di Lamu sono in cantiere, mentre Uganda e Kenya stanno cercando di costruire un oleodotto che permetta all’Uganda di esportare petrolio dai sui giacimenti, giacimenti che sono attualmente in fase di sviluppo. Altri progetti per espandere la connessione tra l’Uganda e il Kenya sono ancora nelle fasi iniziali, e i finanziamenti non sono stati ancora  assicurati per le nuove infrastrutture. Anche altri paesi dell’Africa orientale stanno perseguendo una politica volta ad una maggiore integrazione ed il Kenya guida gli sforzi di integrazione al fine di mantenere il suo status di leader diplomatico e commerciale della regione.

Considerando l’importanza di una forte leadership centralizzata in Uganda, l’ambizione personale di Museveni di rimanere presidente a vita guida anche la direzione politica del paese. In questo momento, Museveni è in grado di continuare a governare senza limitazioni sul numero di mandati. Tuttavia, una seria opposizione alle estensioni del mandato presidenziale in Burundi, Ruanda e Repubblica Democratica del Congo ha mostrato le debolezze di un governo autoritario sul lungo periodo. Museveni gode ancora un sostegno sostanziale in Uganda e non ha preoccupazioni immediate, ma quando un inevitabile cambio di leadership si verificherà, dovremo vedere se la nuova leadership continuerà’ nella direzione tracciata dall’attuale presidente, o le politiche regionali dell’Uganda cambieranno.

Per il momento, lo status del paese come leader regionale potrebbe aprire la porta ad un miglioramento delle infrastrutture e più possibilità  per esportare petrolio.

Sorgente: Economic Goals Drive Uganda’s Security Policy | Stratfor

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Il 2015 in Africa, Bye-Bye Ebola, benvenuta Democrazia

Burkina Faso: il popolo si e’ espresso C’è stato un momento in settembre, quando sembrava che la rivoluzione popolare del Burkina Faso era alla fine. Il generale Gilbert Diendéré, capo della

Economia

Kenya, trasformare Nairobi in un hub finanziario

Il segretario al tesoro, Henry Rotich ha detto il Financial Centre Nairobi International Bill getterà le basi per la creazione di un quartiere finanziario in linea con i centri finanziari esistenti

Africa Orientale

Che cosa porterà il 2016 all’Africa

La narrativa di un continente in crescita è stata bruscamente scossa negli ultimi tempi, con il calo dei prezzi del petrolio e delle materie prime che hanno danneggiando molte delle maggiori