Uber si allea con Kia per espandersi in Africa

Uber si allea con Kia per espandersi in Africa

Uber Technologies Inc. sta negoziando offerte speciali con la Kia Motors Corp. per aumentare il numero dei suoi autisti a Lagos, la città più grande dell’africa, arrivando così’ a 3.000 vetture entro la fine del prossimo anno, l’obiettivo e’ di quintuplicare il numero attuale di autisti UBER.

L’azienda americana ha firmato accordi con la casa automobilistica della Corea del Sud e con la nigeriana Access Bank Plc, al fine di ridurre l’acconto richiesto per i nuovi veicoli a 95.000 naira ($ 477) dagli attuali quasi 200.000 naira, ed il rimanente da pagarsi nel corso di quattro anni, ha dichiarato Alon Lits, general manager di Uber per sub-sahariana.

“Da quando abbiamo lanciato Uber a Lagos poco più di un anno fa, oltre 600 opportunità di lavoro sono stati create utilizzando l’applicazione”, ha detto Lits. “Questo è davvero solo l’inizio. Riteniamo che il numero può essere ben oltre 3.000 entro la fine del 2016. ”

Uber, che collega i conducenti con i passeggeri attraverso la sua applicazione per smartphone in più di 300 città, è alla ricerca di partnership in grado di ridurre i costi per i nuovi autisti, per poter accompagnare la crescita di Uber in Africa, Lits detto. Fondata nel 2009, Uber non possiede un veicolo e non impiega un solo autista. In varie città’ tra cui Parigi, Mosca e Johannesburg hanno protestato per quella che considerano essere una concorrenza sleale.

Le sfide  che Uber incontra a Lagos, la prima città africana sub-sahariana ad avere il servizio al di fuori del Sudafrica includono un traffico molto congestionato e la scarsa qualità delle mappe digitali. Un altro problema sembra essere che una percentuale relativamente piccola di nigeriani sanno sfruttare uno smartphone abbastanza bene per gestire i viaggi.

Uber si basa sull’utilizzo di un’applicazione per smart phone, ma la società lamenta che mentre gli abbonamenti di telefonia mobile sono aumentati di circa il 14 per cento raggiungendo quota 148,5 milioni, meno del 10 per cento sono per smartphone o dispositivi Internet-enabled. La Nigeria è il paese più popoloso dell’Africa, con oltre 170 milioni di persone, di cui circa 21 milioni vivono a Lagos.

Per affrontare il problema della mappatura, Uber sta lavorando con altre società tecnologiche per trovare modalità’ non convenzionali per guidare i propri autisti. In Kenya, a Nairobi, Uber sta effettuando test con una società locale che sta sviluppando un’applicazione di navigazione che si basa sull’invio di foto del luogo di destinazione, e non del solo indirizzo.

Per Uber il mercato appare come un’opportunità’ enorme, la crescita di Uber a Lagos può eguagliare la velocità di assorbimento in Sud Africa, secondo Lits. Gli autisti di Uber in Sud Africa hanno effettuato 2 milioni di viaggi nel 2015, contro un milione nel 2014.

In Sud Africa, oltre Johannesburg UBER opera anche a Durban e Città del Capo e la società prevede che gli autisti di UBER cresceranno a circa 15.000 entro l’inizio del 2017 dagli attuali  2.000, ma Lagos è tre volte più grande di  Johannesburg, e rappresenta un’opportunità enorme per UBER

Fonte: Uber Links With Kia to Expand Fivefold in Africa’s Biggest City

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Africa Orientale, verso divieto import abiti e auto usati e una nuova politica industria

La comunità EAC si appresta ad introdurre una nuova legge cerca di vietare l’importazione di vestiti e scarpe usate in Africa orientale L’importazione di vestiti e scarpe usati verrà messa al bando

Africa Orientale

Il 2015 in Africa, Bye-Bye Ebola, benvenuta Democrazia

Burkina Faso: il popolo si e’ espresso C’è stato un momento in settembre, quando sembrava che la rivoluzione popolare del Burkina Faso era alla fine. Il generale Gilbert Diendéré, capo della

Kenya

Kenya, introduzione del pedaggio autostradale per finanziare infrastrutture

Il governo ha difeso il piano di introdurre i pedaggi sulle principali autostrade, sostenendo che le risorse attuali non sono sufficienti per la manutenzione delle strade e l’espansione. Il Segretario