Rwanda – Scheda Paese

Rwanda – Scheda Paese

La crescita del PIL reale è aumentata dal 4,7% nel 2013 al 7,0% nel 2014, superando la programmata crescita del 6,0% e si prevede che salirà al 7,5% sia nel 2015 e 2016.
Venti anni dopo il genocidio ruandese, il paese è diventato una storia di successo di sviluppo e unità e riconciliazione si sono consolidate, così’ come il rafforzamento del buon governo a medio termine.
Gli sforzi per promuovere lo sviluppo rurale stanno dando buoni frutti, con la quota delle famiglie che vivono in insediamenti rurali integrati ed economicamente sostenibili sono passati dal 37,5% nel 2012 al 53,0% nel 2013/14.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 14,105 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 1,318 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente macchinari e altre macchine di impiego speciale e prodotti da forno e farinacei, mentre ha importato prodotti agricoli, e cuoio.

 

Link utili

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 453 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Rwanda

Indetto il bando di gara per i lavori di costruzione della diga Ruzizi III

La Repubblica democratica del Congo e il Ruanda stanno co-costruendo attraverso un partenariato pubblico-privato la diga Ruzizizi III (147 MW). L’impianto fornirà 30 milioni di persone in una regione in

Africa Sub Sahariana

Quale paese africano diventerà la nuova Estonia dell’africa?

Il 1° gennaio l’Africa ospiterà la più grande area di libero scambio del mondo. Anche se l’area di libero scambio continentale africana (AfCFTA), pur non arrivando a creare un mercato

Scheda Paese

Congo Brazzaville – Scheda Paese

La crescita ha raggiunto il 6,0% nel 2014, rispetto al 3,3% nel 2013, trainata dal rimbalzo della produzione di petrolio (il 60% del prodotto interno lordo PIL) e le ottime