Nigeria – Opportunità  nella filiera del pomodoro

Nigeria – Opportunità  nella filiera del pomodoro

La Nigeria e’ il più grande produttore africano di pomodori, ma è anche il primo importatore di concentrato di pomodoro in Africa.
La produzione di concentrato di pomodoro in Nigeria potrebbe essere potenzialmente un’opportunità interessante, secondo una recente nota informativa emessa dalla banca Ecobank.
Nonostante il fatto che la Nigeria sia il più grande produttore di pomodori dell’africa sub sahariana, la produzione locale non soddisfa la domanda. Il deficit e’ stato inoltre acutizzato dalla crescente urbanizzazione, con consumatori che  mostrando una preferenza per cibi pronti come il concentrato di pomodoro.
La Nigeria ha importato concentrato di pomodoro per circa 151 milioni di dollari nel 2013, con circa il 75% del prodotto proveniente dalla Cina.
Ma un recente mossa da parte della Banca centrale della Nigeria (CBN) che impedisce gli importatori di concentrato di pomodoro di accedere al foreign exchange markets, potrebbe incentivare la produzione locale.
“E ‘diventato di primaria importanza impedire gli importatori di alcuni beni e servizi di accedere alla valuta estera nei mercati dei cambi nigeriani al fine di incoraggiare la produzione locale di questi prodotti. L’implementazione di questa politica aiuterà a preservare le riserve in valuta estera, nonché facilitare la rinascita delle industrie nazionali e migliorare la creazione di occupazione “, si legge una dichiarazione del CBN.
Il gruppo nigeriano Dangote ha recentemente investito in un impianto di produzione di concentrato di pomodoro nello Stato di Kano stato, produttore di pomodori. Tuttavia, secondo Ecobank, la fabbrica Dangote ha già incontrato difficoltà a causa dello scoppio di tuta absoluta, un parassita del pomodoro.
Un’altra società attiva nel settore è la Pomodoro Jos, un’impresa che sta cercando di produrre localmente un concentrato di pomodoro a marchio nigeriano. “La nostra missione è quella di fornire prodotti localmente, di alta qualità a valore aggiunto ai consumatori nigeriani in un modo che sia profittevole e sostenibile … Operiamo in tutta la catena del valore completa del pomodoro (agricoltura, logistica e trasformazione) e la fonte delle nostre materie prime proviene da piccoli agricoltori”. Ma nonostante le opportunità, il successo nella lavorazione del concentrato di pomodoro locale non è garantita.
Una delle maggiori sfide dell’industria è la instabile fornitura di pomodori. Negli ultimi anni la produzione è oscillata tra un massimo di 2.08m di tonnellate nel 2006 a un minimo di 1.49m di tonnellate nel 2011.
In Nigeria i pomodori sono per lo più coltivati da piccoli agricoltori, che in genere hanno accesso insufficiente a prodotti come fertilizzanti, pesticidi e sementi di qualità. inoltre la maggior parte di loro non usano l’irrigazione, cosa che li rende vulnerabili alle condizioni meteorologiche sfavorevoli.
Inoltre le perdite post-raccolto sono significativi a causa della mancanza di stoccaggio e di distribuzione, unite le carenti pratiche di imballaggio.

Un’altra minaccia e’ rappresentata dalle possibili importazioni illegali, spinte dalle restrizioni della banca centrale.

In conclusione il settore della trasformazione del pomodoro appare un settore maturo per gli investimenti, ma molto dipenderà’ dalla capacita’ dei produttori locali di aumentare la produzione al fine di soddisfare la presente domanda.

 

Sorgente: Nigeria: Tomato paste could prove a tasty investment

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 426 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Sub Sahariana

Obama “L’Africa è in movimento, corre: la povertà diminuisce, i redditi salgono e la classe media è in crescita”

“La cosa più urgente per l’Africa oggi e per i prossimi decenni è creare nuove opportunità di lavoro per le nuove generazioni“. Lo ha detto il presidente americano Barack Obama

Kenya

12 start up Africane da tenere d’occhio nel 2016

Il 2015 è stato un anno molto intenso nell’ecosistema Africano delle start-up, con il lancio du nuove imprese, nuovi finanziamenti, e l’acquisizione, o la definizione di deal su base giornaliera. Delle

Africa Centrale

Africa: 2020 un anno perso per le relazioni con la UE

C’era un senso di ottimismo sul rapporto dell’Unione Europea con il continente africano nel marzo 2020 quando il commissario allo sviluppo dell’UE Jutta Urpilainen e l’alto rappresentante dell’UE Josep Borrell