La situazione della GDO in Africa

La situazione della GDO in Africa

Il panorama Africano sta lentamente ma inesorabilmente cambiando. FG-Retail-in-Africa-1Insieme alla crescita economica, emerge una cultura commerciale, dove le possibilità per la vendita al dettaglio raggiungono livelli mai visti in passato.

Siamo davanti ad un vero e proprio boom per gli  spazi per i centri commerciali, che rivitalizzano il settore retail in Africa. L’Africa sub-sahariana è oggi la Next Big Thing, e probabilmente continuerà ad esserlo per i prossimi decenni. E’ una delle poche regioni del mondo con una crescita del PIL di oltre il 5 per cento annuo.

L’indice African Retail Development Index (ARDI) classifica i paesi dell’Africa sub-sahariana misurando il livello e lo sviluppo del settore retail, analizzando non solo lo sviluppo attuale, ma anche le prospettive per i mercati con il maggior potenziale per uno sviluppo futuro.

Dal rapporto emerge che il potenziale della regione non risiede solo nelle maggiori economie del continente, come la Nigeria e il Ghana, ma sono estremamente interessanti anche anche piccoli mercati molto dinamici come il Gabon e paesi di medie dimensioni, ma in rapida crescita come l’Angola.FG-Retail-in-Africa-3

Il rapporto divide i mercati in 3 fasi fondamentali, Base, Sviluppo e Maturo.

Nella prima fase, Base, troviamo paesi come Etiopia, Tanzania, Angola, Rwanda, Zambia e Senegal.

Questi mercati sono caratterizzati da un’offerta basica nel settore retail, senza una vera cultura dello shopping, i supermercati vendono prevalentemente cibi a lunga conservazione e il prezzo e’ il driver principale negli acquisti.

I paesi che rientrano invece nella seconda fase, quella dello sviluppo troviamo  la Nigeria, il Gabon, il Ghana e il Mozambico.

Questi sono mercati che rappresentano un punto di ingresso per la GDO specializzata, in quanto si trova all’interno del paese una emergente cultura nello shopping, e i supermercati offrono un mix di prodotti freschi e a lunga conservazione, con una grande variata’ di assortimento, mentre il driver principale negli acquisti passa da essere solamente il prezzo , al servizio e alla qualità che diventano i più importanti fattori di scelta per il cliente.fg-retail-in-africa-2_498x400

Mercati Maturi sono invece classificati mercati come il Sud Africa, il Botswana e la Namibia, dove e’ richiesta una offerta più differenziata all’interno della GDO, in quanto ci troviamo in mercati dove una cultura dello shopping e’ già presente, con una crescente presenza di marchi internazionali e del private labeling, mercati con prezzi relativamente stabili e trasparenti, e i driver principali per i clienti sono’ rappresentati dalla facilita di accesso allo shopping e dalla qualità dei prodotti

 

Fonte: The 2015 African Retail Development Index

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 371 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Africa orientale: Il prossimo centro per l’abbigliamento?

Negli ultimi due anni, un certo numero di aziende europee tra di loro, H & M, Primark, e Tesco hanno iniziato ad approvvigionarsi  dei loro capi di abbigliamento dall’Etiopia. Il

Sud Africa

Il turismo virtuale in Africa si sviluppa in mezzo alla pandemia del coronavirus.

DW racconta come la pandemia sta cambiando l’approccio al turismo in Africa. I paesi africani offrono ai turisti di tutto il mondo la possibilità di viaggiare per il continente e

Africa Sub Sahariana

I bisogni energetici dell’Africa possono essere soddisfatti con le rinnovabili?

L’impegno della Francia per 2 miliardi di Euro per finanziare progetti in energia rinnovabili in Africa è solo una parte di un pacchetto più ampio di finanziamento per i progetti energetici del