Europa e USA guidano gli FDI in Africa, la Cina guarda altrove

Europa e USA guidano gli FDI in Africa, la Cina guarda altrove

Molto e’ stato detto e scritto sul crescente interesse della Cina in Africa e degli investimenti cinesi nel continente. Certo, la Cina ha speso somme ingenti in Africa, prevalentemente su progetti infrastrutturali. Ma quando si tratta di investimenti greenfield – investimenti diretti in strutture fisiche da parte società estere – scopriamo che le aziende occidentali sono le più attive in ​​Africa.

Le imprese cinesi sono in crescita sia in importanza e volume, e guidano gli investimenti greenfield a livello globale, ma fino ad oggi hanno preferito investire in mercati sviluppati in Europa e Nord America. Questo perché le loro motivazioni per investire all’estero sono solitamente collegate all’accesso alle nuove tecnologie e legate a marchi prestigiosi.

Aziende statunitensi ed europee, nel frattempo, sono spesso a caccia di vantaggi economici, nuovi mercati di consumo e piattaforme per l’esportazione. L’Africa offre facilmente i primi due e, per certi aspetti, il terzo, anche se questi attributi rimangono offuscati dal settore risorse naturali dell’Africa.

L’ Europa occidentale ha rappresentato più della metà di tutti gli investimenti greenfield in Africa nel 2014, con una stima di $ 47.6bn investiti, secondo i rapporti di FDI Intelligence e “This is Africa”, servizi entrambi gestiti dal Financial Times.

L’ America del Nord è stata la seconda regione di provenienza degli  investimenti in Africa, con $ 13 miliardi d investimenti.

Guardando agli investimenti provenienti dai singoli paesi, la Francia e’ stato il più’ grande investitore, con FDI nel 2014 per oltre $ 18.3bn, seguita da Grecia, Stati Uniti, Cina e Belgio. L’investimento francese è stato trainato in gran parte dalla società petrolifera Total. La posizione della Grecia si spiega con Mac Optic, una società ellenica che ha annunciato piani multimiliardari per una raffineria e un impianto petrolchimico in Egitto.

Il Belgio ha visto il più alto aumento di investimenti in Africa nel 2014 con i suoi $ 5,2 miliardi grazie ai piani commerciali sviluppatore immobiliare Pylos per costruire più di una dozzina di centri commerciali in tutto il Mozambico.

Screen Shot 2015-10-15 at 12.06.45
La Cina rappresenta il 7 per cento degli investimenti greenfield in Africa, con investimenti per  6,1 miliardi di dollari, ed è classificato settimo nella lista dei paesi d’origine, con 28 progetti . I progetti di investimento cinese sono in aumento rispetto allo scorso anno, e mostrano  che l’interesse per l’Africa da parte delle imprese cinesi è in aumento. I suoi più grandi investimenti sono stati nel settore energetico.

Nonostante le preoccupazioni da parte di alcuni funzionari che gli Stati Uniti sono stati lasciati al palo dalla Cina in Africa, le aziende statunitensi sono dietro l’angolo quando si tratta di espandersi in Africa, o almeno questo e’ quanto suggeriscono i numeri.

Gli Stati Uniti sono lo scorso anno sono stati il primo paese per numero di progetti, con 67 aziende statunitensi che hanno lanciato o annunciato 97 progetti – un aumento del 47 per cento rispetto all’anno precedente e sono il terzo paese  per gli investimenti di capitale in Africa, con $ 8 miliardi investiti da società statunitensi lo scorso anno.

Le società statunitensi hanno mostrato interesse in settori quali le energie alternative, il commercio e i servizi finanziari, l’edilizia e le costruzioni, le telecomunicazioni oltre a petrolio e gas.

Tra i maggiori investitori statunitensi l’anno scorso, era Enviro Board, un produttore di materiali da costrizione del New Jersey, che ha annunciato l’intenzione di costruire un impianto di produzione in Zambia e prevede di creare 3.200 posti di lavoro e fornire materiali per 500.000 nuove case nel paese.

Cummins, un produttore di motori, filtri e generatori ha investito molto in progetti di energia alternativa in Kenya. Verizon Communications, un fornitore di servizi di telecomunicazioni, ha ampliato la sua infrastruttura di IP multiprotocol private label switching infrastrutture in Madagascar, Mauritius e Tunisia.

Anche IBM, uno tra i più prolifici investitori aziendali di tutto il mondo, ha fatto una manciata di investimenti ad alto contenuto tecnologico in Africa lo scorso anno. Ha aperto un nuovo Mainframe Linux e Cloud Innovation Centre a Nairobi, e nuovi centri di innovazione a Casablanca, Lagos e Johannesburg – tutti progettati, ha detto la società, per stimolare la crescita locale e alimentare un ecosistema di sviluppo e imprenditorialità intorno a dati grandi, analisi e nuvole informatica nella regione.

Mentre il settore risorse naturali continua a dominare i progetti di investimento in Africa,  i dati mostrano una crescita nei progetti di produzione industriale. Probabilmente ci saranno più di due tipi di investimenti nel prossimo futuro, come le imprese straniere diventano sempre più consapevoli delle opportunità in Africa e la crescita rallenta altrove. Nonostante i recenti aumenti degli IDE in Africa, vi è ancora un notevole margine per ulteriori investimenti in questa regione dove si registrano sottoinvestimenti, non solo da parte di aziende occidentali, ma anche da parte di società asiatiche.

Sorgente: Western countries lead foreign direct investment into Africa – FT.com

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 425 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa del Sud

Il Nuovo ‘Piano Marshall’ della Germania deve trattare l’Africa come un partner alla pari

Uno dei lati negativi della globalizzazione è che i problemi locali raramente rimanere locale. L’Europa viene messa  a dura prova da una marea di immigrati che arrivano attraverso un pericoloso viaggio dal

Energia

L’Uganda guarda alla Russia per sviluppare il nucleare

L’ambizione dell’Uganda di produrre energia nucleare ha portato il paese a guardare alla Russia secondo un recente rapporto. P & L Consulting, che ha sede in Kenya, ha notato che il governo

Economia

Africa – Il nuovo mercato per i super ricchi

Il Mozambico è il paese africano con la crescita più rapida di milionari  (HNWI), seguiti da Costa d’Avorio e Zambia. Questo è secondo l’ultimo Africa 2015 Wealth Report, pubblicato dal