Elezioni in Tanzania, rischi e opportunità

Elezioni in Tanzania, rischi e opportunità

Oggi la Tanzania va alle urne. Questo voto rappresenta per certi aspetti un voto storico, in quanto per la prima volta il potere del partito di maggioranza, viene messo a rischio da una vera opposizione.

Gli ultimi sondaggi danno ancora il partito di maggioranza come favorito, ma il risultato finale verra’ reso noto solo giovedì. Per il momento elezioni stanno procedendo in maniera ordinata, con file ordinate ai seggi nel paese. In questo video della BBC, si evidenziano rischi e opportunità per il paese.

 

UPDATE:

Le elezioni si sono svolte senza incidenti, e la commissione elettorale prevede di rilasciare i risultati preliminari nella giornata di lunedì.

Dai primi exit poll, sembra che il partito del presidente uscente, CCM abbia saldamente vinto le elezioni

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Uber sbarca in Tanzania e lancia i servizi a Dar Es Salaam

Dar es Salaam è l’ultima città ad accogliere Uber, la tecnologia che sta rivoluzionando il trasporto pubblico nelle megacities. I servizi di Uber sono disponibili a partire da oggi, Giovedì

Tanzania

Sviluppo del settore LNG in Tanzania, l’esperienza scozzese

Gordon McIntosh, un consulente internazionale del settore Oil & gas, ha esortato il governo della Tanzania ad astenersi dal fascino di dipendere dalle multinazionali per la costruzione di infrastrutture a supporto degli investimenti dei il gas

Energia

La Tanzania finalizza l’accordo per il sito per l’impianto LNG

Il governo della  Tanzania ha dichiarato di aver finalizzato l’acquisto dei terreni per il sito del previsto impianto per gas naturale liquefatto (LNG)  e ora procederà a compensare e reinsediare gli abitanti dei villaggi, consentendo