• Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali
  • Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali
  • Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali
  • Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali
  • Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali
  • Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali
  • Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali

Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali

La crescente domanda di centri commerciali, uno più lussuoso dell’altro, appare come un u ulteriore segno della crescita della classe media in Africa.

L’aumento del potere d’acquisto e un boom nel numero di espatriati presenti in Africa, hanno portato gli investitori a spostare la loro attenzione verso il settore retail

Da Nairobi a Johannesburg, i principali centri urbani in tutto il continente hanno visto un boom edilizio, con al centro lo sviluppo di importanti centri commerciali

Un omaggio al continente

A Midrand, Sud Africa, un enorme nuovo centro commerciale è in costruzione tra Johannesburg e Pretoria, il cui particolare design rappresenta un omaggio al continente Africano

The Mall of Africa, che aprirà nel mese di aprile 2016, potrà vantare 131.000 metri quadrati di superficie commerciale, e sara’ il più’ grande centro commerciale mai costruito in Africa.
I quattro settori del centro commerciale,  saranno ispirati a diverse parti del continente,e le loro caratteristiche avranno lo scopo di evocare le diverse zone climatiche del continente, mentre i negozi vedranno un mix di marchi sudafricani ed internazionali tra cui  Edgars, Woolworths, Truworths, Dama, Ster-Kinekor e Game.

Delfini a Nairobi

Entro la fine dell’anno, si spalancheranno le porte del più grande centro commerciale in Africa per fornire una nuova esperienza di shopping a Nairobi.

Il centro Two Rivers, sito in una delle zone più ricche della città, avrà 62.000 metri quadrati di spazi commerciali e un propria area di parco acquatico e delfinario.

I key tenants includeranno l’austriaco Swarovski e la società francese di supermercati Carrefour, con quasi la metà dello spazio totale che sara’ riservato ai rivenditori internazionali.

Sono in fase di realizzazione nuove strade e reti elettriche, con energia solare per alimentare il centro, e 4.000 parcheggi.

Il centro commerciale prevede 40.000 visitatori al giorno, e questo ben giustifica l’eccitazione verso il settore retail in Africa.

sempre a Nairobi, il Thika Road Mall -quello che prima del Two Rivers era considerato il centro commerciale più grande in Africa orientale, continua a fare affari d’oro, mentre nelle altre città del paese sono in costruzione centri commerciali più’ piccoli.

Il Ghana, una finestra di opportunità

Gli sviluppatori guardano con particolare interesse al Ghana, un paese la cui economia ha subito un netto calo, con una crescita del pilo che e’ sceso sotto la media dell’africa sub sahariana.

Ma la crisi e’ vista come un’opportunità per i nuovi sviluppi: “Direi che se fossi un contadino, pianterei i semi ora, perché ci rendiamo conto che entro il 2020 questo paese avrà un boom economico”, dice Nana Kwame Bediako, CEO di Wonda Property Worldwide, che ha tre progetti in corso nella capitale del Ghana, Accra, tra cui uno che prevede 93 appartamenti e 3.000 metri quadrati di superficie di commerciale.

Ad Accra, è difficile trovare una qualsiasi parte della città dove non c’è una gru o un segno di pubblicità per una nuova proprietà.

L’economia del Ghana ha ricevuto un notevole impulso nel 2007 con la scoperta di notevoli quantità di petrolio offshore. Ma con gli attuali prezzi del greggio, i progetti si sono fermati, tuttavia, tuttavia John Dramani Mahama, il presidente del Ghana, non teme una bolla da supersviluppo immobiliare: “Mentre l’economia cresce credo che la domanda di questi uffici e complessi commerciali continui ad aumentare e possiamo anticipare che, se si guarda alle proiezioni della nostra crescita, si prevede una crescita del 7% e oltre a partire dal 2017. Quindi vi sara una forte domanda anche in futuro.

Torna Westgate di Nairobi

In mezzo a tante nuove aperture, c’è anche un particolare centro commerciale che di recente è tornato a vivere dopo una chiusura di due anni. Il Westgate Mall di Nairobi nel quartiere di Westlands aperto di nuovo le sue porte di nuovo lo scorso luglio. Nel 2013, è stato al centro di un attacco terroristico sanguinario che ha lasciato 67 morti.

“E ‘un grande simbolo dell’economia”, ha detto l’analista economico Aly Khan Satchu CNN. “Nairobi rappresenta tra il 40% e il 45% dell’economia del Kenya, e il quartiere Westlands è davvero una componente fondamentale dell’economia di Nairobi, probabilmente un quarto di tutta l’economica della città’.

Intanto si sta pianificando un centro commerciale multimilionario a Dar es Salaam, la più grande città della Tanzania, e gli operatori kenioti si stanno espandendo verso Kampala, in Uganda.

 

 

 

Sorgente: Mall the merrier: Africa’s appetite for shopping – CNN.com

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Mali

Energie rinnovabili, la Francia promette 2 miliardi di € per l’Africa entro il 2020

Il presidente Francois Hollande ha tenuto il summit “Climate Challenge e soluzioni africane” Martedì primo dicembre, summit che si e’ svolto a margine del COP21. Questo vertice ha riunito dodici capi di

Kenya

Tanzania, Uganda, procede la pianificazione del nuovo oleodotto

L’Uganda e la Tanzania stanno progettando di costruire un oleodotto dai giacimenti petroliferi ugandesi alla costa della Tanzania, una mossa che potrebbe assestare un colpo ai piani degli oleodotti del Kenya. Le

Angola

SACE per l’export italiano in Angola: accordo con Ministero delle Finanze e linea di credito da USD 200 mln per Sonangol

  Accordo con Ministero delle Finanze angolano Accordo con Ministero delle Finanze angolanoL’amministratore delegato di SACE Alessandro Castellano e il Ministro delle Finanze angolano Armando Manuel hanno firmato, alla presenza