Tanzania, Magufuli vince con la promessa di riformare il settore O&G

Tanzania, Magufuli vince con la promessa di riformare il settore O&G

John Magufuli, il candidato del partito di maggioranza, ha vinto le elezioni in Tanzania, promettendo di accelerare lo sviluppo della nascente industria e di riformare il settore del gas naturale del paese.

Magufuli, 55, ha sconfitto il suo rivale più vicino, l’ex primo ministro Edward Lowassa, con il 58,4 per cento delle preferenza, contro il 39,9 per cento di Lowassa.

Il neo eletto presidente, che ha prestato giuramento il 5 novembre, presto annuncerà misure per accelerare lo sviluppo nel settore del gas della nazione.  La Tanzania sta cercando di diversificare la propria economia, che oggi ha un PIL di 49 Miliardi di dollari, in gran parte agricola, mentre si stima che il paese abbia riserve naturali per 55 miliardi di piedi cubi di gas naturale, che la rende il secondo paese per riserve in Africa orientale, dopo il Mozambico. Statoil ASA, con sede a Stavanger, in Norvegia, e BG Group Plc nel Regno Unito stanno valutandola costruzione del primo impianto di gas naturale liquefatto della nazione, impianto che avrà’ un costi di $ 15 miliardi.

Il governo procederà a rimuovere tutti gli ostacoli che hanno ostacolato lo sviluppo del gas come le questioni legate alla terra e individuazione del sito per l’impianto, in modo che le società abbiano la possibilità di prendere la decisione finale per l’investimento, ha dichiarato Makamba, che è anche vice ministro della comunicazione della Tanzania . La nazione ha l’opportunità di prosperare da gas, e Magufuli intende usarlo per incrementare le entrate, ma anche per aumentare la produzione di energia elettrica di almeno 3.000 megawatt in cinque anni.

Magufulie é stato ministro dei lavori pubblici nel gabinetto del presidente uscente Jakaya Kikwete. E’ stato soprannominato Tingatinga, bulldozer in Swahili, a causa dello zelo che ha mostrato nello svolgere il suo incarico precedente. Lowassa dopo la sua sconfitta al congresso del CCM per la nomina di candidato alle presidenziali, aveva abbandonato il partito per rifluire nel partito di opposizione, Chama Cha Mapinduzi. L’opposizione, Chama cha Demokrasia na Maendeleo ha respinto il risultato, dicendo che l’autorità elettorale gonfiato il numero di voti per Magufuli.

 

Si prevede che il nuovo presidente sarà orientato ai risultati, e non avrà alcun problema a licenziare coloro che non perforeranno come richiesto,  ha detto Makamba. La PA sta per essere trasformata.

Lotta contro la corruzione sarà intensificato, mentre la Tanzania Revenue Authority sta per essere ristrutturato per migliorare l’efficienza mentre si prevede di ridurre le esenzioni fiscali per l’1 per cento del prodotto interno lordo più alto del 4 per cento attualmente, ha detto.

Sorgente: Magufuli Wins Tanzania Presidency With Gas to Tax Reform Vow – Bloomberg Business

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale, verso divieto import abiti e auto usati e una nuova politica industria
Tanzania

Africa Orientale, verso divieto import abiti e auto usati e una nuova politica industria

La comunità EAC si appresta ad introdurre una nuova legge cerca di vietare l’importazione di vestiti e scarpe usate in Africa orientale L’importazione di vestiti e scarpe usati verrà messa al bando

Ethiopia, Egitto e il GERD
Ethiopia

Ethiopia, Egitto e il GERD

Per migliaia di anni il fiume Nilo e l’Egitto sono stati connessi intrinsecamente nella storia più che nella geografia. La civiltà dell’antico Egitto doveva la sua sopravvivenza alle inondazioni annuali

Kenya – Il Cinese come lingua straniera
Africa Orientale

Kenya – Il Cinese come lingua straniera

Dopo il Sud Africa un altro paese africano ha deciso di inserire il mandarino come lingua straniera nel programma scolastico pubblico. Il Kenya ha recentemente annunciato che il cinese verra’