Ethiopia, Gibuti: Nuovo oleodotto per 1.15 miliardi

Ethiopia, Gibuti: Nuovo oleodotto per 1.15 miliardi

Etiopia e Gibuti hanno firmato un accordo per la costruzione di una pipeline 550 km di prodotti petroliferi raffinati valore di $ 1.55miliardi per collegare i due paesi.

Black Rhino Group e Mining Oil & Gas Services (MOGS) sono stati selezionati per la costruzione del gasdotto da 20 pollici per il trasporto di benzina, gasolio e carburante dal porto Damerjog a Gibuti al terminale Awash in Etiopia centrale.

I prodotti petroliferi sono attualmente trasportati per oltre 800 chilometri dal porto di Gibuti ad Addis Abeba via trasuda, attraversando le catene montuose. Il piccolo paese sta investendo pesantemente in porti e di altri progetti infrastrutturali
con l’obiettivo di diventare un polo logistico commerciali per l’Africa Orientale.

Black Rhino e MOGS, una sussidiaria della Johannesburg Royal Bafokeng Holdings, raccoglieranno almeno un miliardo di dollari di finanziamento come debito senior, possedendo il 50% del progetto ciascuno.

“Il gasdotto aumenterà la sicurezza energetica, favorirà  lo sviluppo economico e ridurrà le emissioni nocive,” ha dichiarato Brian Herlihy, amministratore delegato di Black Rhino, che è di proprietà dei fondi gestiti da Blackstone Group LP.

Ha dichiarato che i partner, che opereranno in concessione per 30 anni, stanno lavorando con i governi di Etiopia e Gibuti e il completamento del gasdotto e’ previsto per il 2018.

Il progetto Corno d’Africa Pipeline comprende un terminal con una capacità di stoccaggio di 950.000 barili a Damerjog, collegati da un oleodotto del diametro di 20 pollici per lo stoccaggio di Awash. L’oleodotto  è in grado di trasportare 240.000 barili di combustibile al giorno.

Il progetto prevede di aumentare l’efficienza e la sicurezza della supply chain Etiope, riducendo i costi di trasporto, e aumentando la gamma di prodotti petroliferi importati. Il progetto rafforzerà inoltre la posizione di Gibuti come un hub di trasporto regionale, ampliando la capacità del suo porto.

“Il progetto Corno d’Africa sosterrà lo slancio della crescita economica e della crescente domanda di carburante sia a Gibuti che in l’Etiopia, consentendo un’alta qualità ed un approvvigionamento energetico costante ad un costo ragionevole”, ha detto MOGS CEO Errol Gregor.

La Ethiopian Petroleum Supply Enterprise (EPSE) , impresa statale, prevede di importare tre milioni di tonnellate di prodotti petroliferi raffinati per l’anno fiscale 2015/16 per soddisfare la domanda, che è stata in crescita del 10 per cento annuo.

Il Chief executive officer di EPSE Tadesse Hailemariam ha detto l’importazione di tre milioni di tonnellate di prodotti petroliferi raffinati rappresenta un aumento del 7,14 per cento dai 2,8 milioni di tonnellate registrate nel corso dell’anno fiscale 2014/15.

EPSE prevede di costruire circa 160 stazioni di servizio nel paese per abbandonare l’attuale uso di rivenditori di carburante privati.

EPSE è l’importatore unico di prodotti petroliferi nel paese, e’  stata costituita nel 2012, quando Ethiopian Petroleum Enterprise e la National Petroleum Depot Administration sono state fuse. Il Sudan è attualmente l’unico fornitore di prodotti petroliferi del paese, a seguito di un accordo firmato tra i due paesi.

Quaranta delle stazioni di servizio saranno situate nella capitale del paese, Addis Abeba. La costruzione delle stazioni di servizio potrebbe iniziare nel giro di un anno. EPSE si aspetta che il finanziamento delle stazioni di servizio avverrà  da parte del Ministero delle Finanze e dello Sviluppo Economico nell’esercizio 2016/2017.

Sorgente: East Africa: Ethiopia, Djibouti Sign U.S.$1.11 Billion Deal to Construct Pipeline – allAfrica.com

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

Tanzania: $300M per lo sviluppo dell’housing sociale.

I fondi pensione pubblici hanno annunciato un piano di investimento per $ 300 milioni per la costruzione di case a basso costo. Le case verranno offerte ai dipendenti pubblici e finanziate con

Africa Orientale

La crescita in Africa, una storia ipervenduta?

Solo un anno fa, l’Africa è stata pubblicizzata come il prossimo El Dorado per gli  investimenti. Due decenni di crescita record, una popolazione in rapida urbanizzazione di 1,1 miliardi, l’aumento

Economia

Kenya: cresce del 18% l’export di fiori

Il Kenya, che rappresenta il maggior esportatore di fiori dell’Africa, fornisce più di un terzo di tutti i fiori recisi venduti in Europa ogni anno, ha detto che le i