Il crollo del prezzo della materie prime, un’opportunità per gli investitori in Africa

Il crollo del prezzo della materie prime, un’opportunità per gli investitori in Africa

La recente crisi dei mercati delle materie prime dell’Africa potrebbero portare a tempi bui per le economie emergenti del continente. Il crollo dei prezzi mondiali del petrolio ha spinto il governo dell’Angola a porre fine ai sussidi sui combustibili; i bassi prezzi del rame hanno ridotto drasticamente il valore della moneta dello Zambia; JP Morgan ha cancellato la naira nigeriana dall Emerging Markets Bond Index.

Ma per investitori a lungo termine in Africa, queste battute d’arresto sono benedizioni. Hanno messo in evidenza le debolezze della narrative dell’ “africa rising”, ma anche sottolineato nuove opportunità a livello di investimenti sia pubblici e privati.

I bassi prezzi delle materie prime hanno costretto i  politici della regione a svegliarsi e riconoscere la necessità di economie diversificate. In Angola, per esempio, il governo ora riconosce l’urgente necessità di ridurre la sua dipendenza dal petrolio. Invece di rifuggire da questi mercati apparentemente in difficoltà, gli investitori dovrebbero guardare alle nuove e abbondanti opportunità nei giovani ma lucrativi settori di sviluppo.

Come l’Angola altri paesi africani si rendono conto che non possono più investire unicamente in materie prime incerte, e saranno ulteriormente aperti ad altre forme di incentivazione economica. I seguenti settori rappresentano aree importanti per gli investimenti nei prossimi anni:

Agricoltura: L’Angola è particolarmente desiderosa di ristrutturare il proprio settore agricolo, in quanto importa attualmente il 90% del suo approvvigionamento di cibo. Le aziende possono recuperare i terreni agricoli del paese danneggiato da decenni di guerra e di istituire un sistema produttivo locale a prezzi accessibili. A loro volta, queste aziende potranno beneficiare notevolmente di un investimento in una nazione ricca di risorse.
Una azienda israeliana ha dimostrato la fattibilità di un tale investimento in Kenya, dove ha raggiunto un lucrativo accordo per sviluppare una fattoria nell’accordo quadro per l’irrigazione della regione Galana-Kulalu. L’azienda ha prodotto la sua prima raccolta all’inizio di quest’anno, e il progetto ha dimostrato le opportunità per le imprese straniere per aiutare a rivitalizzare le economie dell’Africa.

Produzione industriale: il governo dello Zambia ha recentemente costruito una zona economica volta a rafforzare l’industria manifatturiera del Paese attraverso un aumento dei partenariati stranieri. La mossa potrebbe mitigare le perdite dovute alla debolezza del mercato del rame dello Zambia

Fintech: l’uso del telefono cellulare è in aumento in tutta l’Africa, la creazione di interessanti possibilità per le banche, fondi di investimento, e altre soluzioni per il mobile money. In Kenya, il governo ha recentemente lanciato M-Akiba, uno strumento sponsorizzato dal governo, disponibile solo su piattaforme mobili. Il programma mira a incoraggiare le persone a conservare e rafforzare l’investimento in titoli di stato . Kenya si vanta “il sistema di pagamento mobile più sviluppato del mondo”
Progetti di investimento all’estero: le società internazionali dovrebbero muoversi ora sui mercati esteri, come la Tanzania e l’Etiopia. La Tanzania ha recentemente rimosso il limite al 60 per cento di proprietà straniera per le aziende quotate, per invogliare le imprese a lanciare  IPO sulla borsa di Dar Es Salaam, la borsa con i migliori risultati in Africa.

L’Etiopia ha inaugurato la sue ferrovia leggera nel settembre del 2015, grazie ai finanziamenti dell’Export-Import Bank of China. Le aziende cinesi hanno costruito le carrozze e il sistema di alimentazione e dovranno formare il personale ferroviario locale.

Iniziative di sostenibilità: Le aziende straniere che forniscono soluzioni ai problemi socio-economici possono consolidare la loro presenza in molti mercati africani. Settori come infrastrutture, sanità e delle acquedotti sono  iniziative rappresentano una piccola frazione delle aree che necessitano di investimenti. M-KOPA ha dimostrato la sua sostenibilità utilizzando una piattaforma combinata di energia solare e tecnologia per fornire elettricità alle famiglie a basso reddito in Uganda, Tanzania e Kenya.

Gli investitori devono rendersi conto delle opportunità di investimento messe in luce dalla crisi delle materie prime, opportunità che devono ispirare fiducia nella promessa di crescita dell’Africa per il prossimo decennio. I cambiamenti delle politiche e dei progetti di investimento suggeriscono che la narrativa di un;africa in crescita sta cambiando in un’africa con una crescita sostenibile ed equilibrata.

 

Sorgente: Africa’s commodities slump is a gold mine for investors  – Quartz

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa del Sud

12 start up Africane da tenere d’occhio nel 2016

Il 2015 è stato un anno molto intenso nell’ecosistema Africano delle start-up, con il lancio du nuove imprese, nuovi finanziamenti, e l’acquisizione, o la definizione di deal su base giornaliera. Delle

Energia

Kenia: esenzione totale per aziende che producono energia elettrica

Il Kenya, con una mossa a sorpresa,  ha cancellato le imposte sugli utili realizzati dalle imprese straniere che producono ed  immettono elettricità nella rete nazionale (Indipendet Power Producer ), una mossa volta a

Tanzania

Tanzania, il primo parco eolico da 100 MW

International Finance Corporation sta sviluppando in Joint Venture con Aldwych international e six telecom il primo parco eolico del paese nella regione di Singida. Il progetto prevede di generare 100 megawatt di