E-commerce in Africa, il caso MallForAfrica

E-commerce in Africa, il caso MallForAfrica

MallforAfrica è un servizio online che consente ai clienti in Africa di accedere all’ecommerce mondiale, ed avere i prodotti consegnati a casa.

Molti negozi on line Americani ed Europei non spediscono le loro merci verso il continente africano, a causa dei rischi di frode e delle complicate procedure doganali.

Da qui’ e’ nata l’idea di Chris Folayan di lanciare Mall For Africa, una piattaforma online attraverso la quale gli acquirenti in Nigeria e in Kenya possono acquistare prodotti da negozi on line in America e Gran Bretagna.

“Il problema principale è che molte aziende occidentali non hanno molta conoscenza dell’Africa” dichiara Chris, “quando parlo alle aziende dico loro che l’Africa è un mercato enorme, probabilmente stanno perdendo miliardi di fatturato, e la Nigeria rappresenta la più’ grande economia dell’Africa.”

L’imprenditore viaggiava regolarmente tra Usa e Nigeria portando diverse valigie ripiene con prodotti di marca che amici e familiari gli chiedevano di portare.

Ma quando non gli fu permesso di fare il check-in su un volo con 10 sacchi ermeticamente confezionati di prodotti, anche con il pagamento dell’extra bagaglio, comprese che la sua era l’idea giusta.

“E ‘stato un punto di svolta. Mi sono reso conto che la gente sapeva esattamente quello che voleva, potevano vedere un prodotto online e aveva il denaro per comprarlo, ma non c’era nessuno che gli avrebbe spedito il prodotto in Nigeria”, dice Folayan.

Mall For Africa lavora con 150 marchi e grandi magazzini, come Macy e Victoria ‘s Secret in America o Selfridges e House of Fraser nel Regno Unito.

Mall For Africa offre una facile esperienza di acquisto, I clienti possono scaricare l’app della società in uno smartphone o un computer e utilizzarlo per accedere al negozio online di un marchio. Da lì si aggiungono i prodotti al loro carrello scegliendo il pulsante Mall For Africa sulla pagina di pagamento. La società ordina i prodotti che vengono consegnati a uno dei loro magazzini – a Portland, Oregon, o Londra, Regno Unito – dove vengono controllati prima di essere spediti in Africa: “Ci assicuriamo che sia quello che il cliente ha ordinato, non due scarpe destre, o una T-shirt rosa, invece di blu “, dice Folayan.

Il processo richiede dai cinque ai 15 giorni lavorativi, e l’imprenditore dice che l’azienda trasporta circa tre tonnellate di merci a settimana.

“Non tutti i negozi sono stati creati uguali, alcuni spediscono nel giro di pochi giorni, altri richiedono fino a una settimana. Una volta che otteniamo un prodotto ci vogliono tre o quattro giorni per spedirlo in Africa”, aggiunge.

I clienti possono cosi ricevere i loro acquisti al loro domicilio oppure andarli a ritirare direttamente presso la sede di MallforAfrica, opzione questa preferita dai clienti.

La spedizione e le operazioni doganali incidono sul prezzo mediamente dal 12% al 15%. Ciò significa che un paio di scarpe che costa negli USA $ 75 verrà a costare al cliente nigeriano indietro intorno $ 85.

La piattaforma accetta diverse forme di pagamento, compresi i pagamenti mobili, quindi, anche se non si dispone di una carta Visa o MasterCard è comunque possibile utilizzare la  piattaforma.

Il 90% dei clienti MallforAfrica usa la Webcard ricaricabile della società, che i clienti possono pre-caricare con bonifici attraverso le banche locali, i clienti si sentono più sicuri con una scheda con una quantità limitata di denaro rispetto ad una carta collegata direttamente al loro conto in banca.

La società prevede di espandersi in 17 paesi africani entro il 2017.

Sorgente: The move that could make U.S. brands billions in profit – CNN.com

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Kenia in fase avanzato il piano per il nucleare

Gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) hanno dichiarato ai giornalisti che il Kenya ha compiuto progressi significativi verso l’introduzione dell’energia atomica nel paese. Il Kenya ha preparato un rapporto

Economia

Nigeria, 200 Milioni dalla della Banca Mondiale per lo sviluppo di Lagos

Il governo della Nigeria ha approvato un prestito di $ 200 milioni di dollari, erogato da da un’agenzia della Banca Mondiale per lo sviluppo delle infrastrutture nello stato di Lagos,

Africa Orientale

Juba salverà il sogno dell’oleodotto keniota?

Il Sud Sudan deve ancora prendere una decisione sul percorso preferenziale per il trasporto del suo petrolio, in quanto si attendono gli esiti dei colloqui con il Sudan per i costi di transito.