Tanzania, il primo parco eolico da 100 MW

Tanzania, il primo parco eolico da 100 MW

International Finance Corporation sta sviluppando in Joint Venture con Aldwych international e six telecom il primo parco eolico del paese nella regione di Singida.

Il progetto prevede di generare 100 megawatt di energia elettrica attraverso turbine eoliche, fornendo energia elettrica a prezzi accessibili e diversificare il mix energetico della Tanzania.

Singida è il primo progetto eolico della Tanzania, ma sicuramente altri seguiranno a breve. Solo il 38 per cento della Tanzania è elettrificata, con una domanda di energia elettrica in crescita di quasi il 15 per cento all’anno. Le vaste riserve di acqua e di gas del paese continueranno a fornire la maggior parte dell’energia elettrica del paese, ma la Tanzania cerca di affrancarsi dalle vecchie centrali idroelettriche, ormai inefficienti e inaffidabili introducendo nuove e più’ efficienti e sostenibili centrali elettriche. Le iniziative private come quella di Singida sono un passo avanti per colmare il gap energetico del paese.

Il progetto di Singida aggiungerà energia elettrica alla rete, una cosa di cui vi e’ estremo bisogno per portare investimenti e leopportunità economiche per il paese, ha detto il vice presidente della Tanzania Dr. Mohamed Gharib Bilal, durante la cerimonia inaugurale del progetto, L’energia eolica può essere complementare a quella idroelettrica, avendo nella stagione secca abbondanza di vento, mentre le riserve idriche possono esse conservati per altri usi.

Il progetto e’ di proprietà della Wind East Africa e’ una societa completamente a capitale privato, che sta attualmente negoziando il contratto per vendere l’energia prodotta al gestore unico, Tanesco. Si tratta del primo progetto eolico che Tanesco collegherà alla sua rete, e si tratta di una vittoria sia per i consumatori e per l’ambiente. Singida rifornirà Tanesco con energia pulita a prezzi stabili e relativamente costanti, non essendo collegati all’andamento dei prezzi del petrolio.

Il parco eolico avrà un costo di $ 285M di cui IFC, Aldwych, e Six Telecom contribuiranno con 18M $ per lo sviluppo del progetto e $ 71m verranno apportati come equity .

IFC finanzierá  questo progetto attraverso InfraVentures, un fondo che sostiene progetti infrastrutturali in paesi in via di sviluppo nella fase di start-up equity e di co-development. IFC ha investito più di $ 3 miliardi di dollari in energie rinnovabili negli ultimi cinque anni, compresi 40 progetti eolici in Asia, Africa, Sud America ed Europa.

Singida dovrebbe iniziare operare entro dicembre 2017. Essa fornirà non solo una stabile e sostenibile fonte di energia, ma rappresenta anche un progetto pilota per analoghi progetti eolici in Tanzania.

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 495 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Somalia

Somalia, la nuova frontiera per l’Oil & Gas

L’avvio del Somali Bid Round 2020 dopo la ratifica del Petroleum Law and Resources Revenue Sharing Agreement, l’istituzione della Somali Petroleum Authority (SPA) e di un Production Sharing Agreement competitivo

Rwanda

Ruanda, un modello di sviluppo?

Immerso nella campagna agricola che si estende lungo la frontiera meridionale del Ruanda con il Burundi, un vasto progetto sta prendendo piede tra le coltivazioni di manioca e banane, con i

Africa Occidentale

Africa, 1.2 Miliardi di opportunità

Per vedere l’apice del boom africano, potete, come hanno fatto un gran numero di investitori stranieri, volare ad Abidjan, la capitale della Costa d’Avorio. I visitatori arrivano in una hall climatizzata dove