Sierra Leone – Scheda Paese

Sierra Leone – Scheda Paese

Prima dello scoppio di Ebola, che è iniziato nel maggio 2014, le autorità della Sierra Leone avevano fatto notevoli progressi dopo la fine del conflitto civile. Le prospettive per l’economia nel medio termine, tuttavia, sono sfavorevoli a seguito della crisi di ebola. L’analisi preliminare mostra che la crescita economica è rallentata al 6,0% nel 2014, rispetto alla proiezione iniziale di 11,3%. La crescita del PIL dovrebbe essere del -2,5% nel 2015 e l’economia dovrebbe recuperare  e raggiungere il 2,8% nel 2016. L’inflazione è rivista al rialzo dal 8,8% al 10% per il 2014 e si prevede al 9,4% e al 8,3% per il 2015 e il 2016. La crisi di Ebola costituisce una grave minaccia per la stabilità macroeconomica, lo sviluppo umano e la riduzione della povertà.

Le carenze infrastrutturali rappresentano una grave minaccia per lo sviluppo del settore privato, anche se sono stati fatti alcuni progressi per migliorare il contesto imprenditoriale prima dello scoppio di EVD. I livelli di debito pubblico (interni ed esterni) rimangono sostenibile ma storicamente, le storicamente le finanze pubbliche sono state sotto stress, inquinato gli introiti sono sempre stati inventori alla spesa totale. Per quanto riguarda l’integrazione regionale, le sfide restano nella libera circolazione delle persone e dei capitali all’interno della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS), ma la situazione e’ stata il miglioramento negli ultimi anni, fino all’avvento delle restrizioni di emergenza imposto a seguito del focolaio di EVD . Allo stesso modo, la governance, , l’ambiente, e gli indicatori sociali era in netto miglioramento prima dello scoppio dell’epidemia di Ebola. Notevole sforzo deve essere esercitato dal governo e dai partner per l’attuazione del post-Ebola Recovery Plan.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 14,105 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 1,318 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente macchinari e altre macchine di impiego speciale e Prodotti da forno e farinacei, mentre ha importato prodotti agricoli, e cuoio.

 

Link utili

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 495 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Ethiopia

Etiopia – Scheda Paese

L’Etiopia – il secondo Paese più popoloso dell’Africa – è uno Stato monopartitico con un’economia pianificata. Per più di un decennio prima del 2016, il PIL è cresciuto ad un

Scheda Paese

Gabon – Scheda Paese

L’economia è cresciuta del 5,1% nel 2014, leggermente inferiore rispetto all’anno precedente (5,6%) e al di sotto del previsto 6,7%.  Le prospettive rimangono buone, con proiezioni di crescita del 4,6%

Uganda

Uganda – Scheda Paese

Nel 2014 l’Uganda ha visto il consolidamento della stabilità macroeconomica e una graduale ripresa dell’attività economica, con una crescita del PIL reale che dovrebbe raggiungere il 5,9% nell’esercizio 2014/15 contro