Sierra Leone – Scheda Paese

Sierra Leone – Scheda Paese

Prima dello scoppio di Ebola, che è iniziato nel maggio 2014, le autorità della Sierra Leone avevano fatto notevoli progressi dopo la fine del conflitto civile. Le prospettive per l’economia nel medio termine, tuttavia, sono sfavorevoli a seguito della crisi di ebola. L’analisi preliminare mostra che la crescita economica è rallentata al 6,0% nel 2014, rispetto alla proiezione iniziale di 11,3%. La crescita del PIL dovrebbe essere del -2,5% nel 2015 e l’economia dovrebbe recuperare  e raggiungere il 2,8% nel 2016. L’inflazione è rivista al rialzo dal 8,8% al 10% per il 2014 e si prevede al 9,4% e al 8,3% per il 2015 e il 2016. La crisi di Ebola costituisce una grave minaccia per la stabilità macroeconomica, lo sviluppo umano e la riduzione della povertà.

Le carenze infrastrutturali rappresentano una grave minaccia per lo sviluppo del settore privato, anche se sono stati fatti alcuni progressi per migliorare il contesto imprenditoriale prima dello scoppio di EVD. I livelli di debito pubblico (interni ed esterni) rimangono sostenibile ma storicamente, le storicamente le finanze pubbliche sono state sotto stress, inquinato gli introiti sono sempre stati inventori alla spesa totale. Per quanto riguarda l’integrazione regionale, le sfide restano nella libera circolazione delle persone e dei capitali all’interno della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS), ma la situazione e’ stata il miglioramento negli ultimi anni, fino all’avvento delle restrizioni di emergenza imposto a seguito del focolaio di EVD . Allo stesso modo, la governance, , l’ambiente, e gli indicatori sociali era in netto miglioramento prima dello scoppio dell’epidemia di Ebola. Notevole sforzo deve essere esercitato dal governo e dai partner per l’attuazione del post-Ebola Recovery Plan.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 14,105 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 1,318 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente macchinari e altre macchine di impiego speciale e Prodotti da forno e farinacei, mentre ha importato prodotti agricoli, e cuoio.

wdt_ID country Indicatori Economici 2013e 2014p 2015p 2016p
186 Sierra Leone Real GDP growth 20.10 6.00 -2.50 2.80
187 Sierra Leone Real GDP per capita growth 18.20 4.10 -4.30 1.10
188 Sierra Leone CPI inflation 9.80 10.00 9.40 8.30
189 Sierra Leone Budget balance % GDP -2.40 -1.20 -3.20 -3.50
190 Sierra Leone Current account balance % GDP -37.30 -35.60 -33.00 -40.60

ICE Interscambio con l'italia

Wikipedia Scheda Paese

Sierra Leone
Sierra Leone – Bandiera Sierra Leone - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Unity, Freedom, Justice
(Traduzione: Unione - Libertà - Giustizia)
Sierra Leone - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Repubblica della Sierra Leone
Nome ufficiale Republic of Sierra Leone
Lingue ufficiali inglese
Capitale Freetown  (1.070.200 ab. / 2004)
Politica
Forma di governo Repubblica presidenziale
Presidente Ernest Bai Koroma
Indipendenza 27 aprile 1961
Ingresso nell'ONU ottobre 1961
Superficie
Totale 71.740 km² (116º)
 % delle acque 0,2%
Popolazione
Totale 5.867.536 ab. (2012) (107º)
Densità 76 ab./km²
Tasso di crescita 2,277% (2012)[1]
Nome degli abitanti Sierraleonesi
Geografia
Continente Africa
Confini Guinea, Liberia
Fuso orario UTC
Economia
Valuta Leone
PIL (nominale) 3 789[2] milioni di $ (2012) (156º)
PIL pro capite (nominale) 615 $ (2012) (172º)
PIL (PPA) 7 970 milioni di $ (2012) (149º)
PIL pro capite (PPA) 1 541 $ (2013) (167º)
ISU (2011) 0,336 (basso) (180º)
Fecondità 4,9 (2011)[3]
Varie
Codici ISO 3166 SL, SLE, 694
TLD .sl
Prefisso tel. +232
Sigla autom. WAL
Inno nazionale High We Exalt Thee, Realm of the Free
Festa nazionale 27 aprile
Sierra Leone - Mappa
Evoluzione storica
Stato precedente Regno Unito Impero britannico
 

Coordinate: 8°30′N 11°55′W / 8.5°N 11.916667°W8.5; -11.916667

La Sierra Leone, ufficialmente Repubblica della Sierra Leone (in inglese: Republic of Sierra Leone), è uno Stato dell'Africa Occidentale, sulla costa dell'oceano Atlantico. Confina con la Guinea a nord e a est, e con la Liberia a sud-est. La vicenda della liberazione degli schiavi rimasti nei territori della Sierra Leone è stata ricordata nel nome della capitale Freetown, "città libera".

Storia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia della Sierra Leone.

Lo stato della Sierra Leone fu venduto nel 1788 da un re indigeno all'Inghilterra, e quindi divenne subito colonia inglese. La vendita era stata fatta con uno scopo ben preciso, quello di dare rifugio agli africani senza patria e agli schiavi liberati.

Come colonia della Corona britannica ebbe un governatore incaricato di nominare un Consiglio esecutivo assistito da un Consiglio legislativo. La legge inglese si applicò con le modifiche richieste dalla situazione ambientale. La colonia fu divisa in due provincie ciascuna presieduta da un commissario europeo. Ogni commissario ebbe l'incarico di dirimere tutte le questioni di una certa rilevanza lasciando quelle di minore peso ai capi indigeni, possessori di appositi tribunali.

La colonizzazione ebbe inizio e, dopo una serie di fallimenti, nel 1791 si costituì una compagnia che nel 1807 cedette tutti i diritti alla Corona inglese. Nel 1872 anche la regione di Falaba passò sotto protettorato inglese.

Nel 1898 ci fu una ribellione degli indigeni contro gli inglesi, ma anche contro gli africani europeizzati; fu domata e tutto tornò sotto controllo.

Nel 1904 le isole Los furono cedute alla Francia. Lo sviluppo dell'esplorazione portò nel 1926 alla scoperta di alcuni giacimenti di platino, di ematite e di oro, e se ne avviò subito lo sfruttamento. La zona degli altopiani interni risultò la più ricca di minerali, specialmente diamanti.

Alla fine della seconda guerra mondiale la Gran Bretagna cominciò in tutte le sue colonie africane una politica di preparazione all'autonomia e lo fece a tappe nel 1946, nel 1951 e nel 1956. L'intento era quello di formare stati a sé stanti ma sempre membri del Commonwealth. Questo avvenne anche in Sierra Leone e nel 1958 si costituì un Ordine del Consiglio che portò il Consiglio Esecutivo a essere formato interamente da africani.

L'Assemblea dei rappresentanti si formò con 51 membri eletti più 2 nominati dal governatore. Piano piano molte vertenze, prima sottoposte al giudizio del governatore, passarono nelle mani dei commissari distrettuali indigeni, e ciò per abituare gli africani ad assumersi intanto le responsabilità amministrative, che sarebbero poi state seguite da quelle politiche.

Il 16 marzo 1961 il premier britannico accolse nel Commonwealth la Sierra Leone come membro indipendente, a partire dal successivo 27 aprile. Nell'ottobre dello stesso anno anche le Nazioni Unite promossero l'ammissione della Sierra Leone.

Il governo del giovane stato fu, all'atto della sua indipendenza, retto da una coalizione, United Front, presieduta dal conservatore Milton Margai, esponente del Sierra Leone People's Party: governatore generale come rappresentante della Corona britannica, e quindi capo dello Stato, fu l'africano Henry Josiah Lightfoot Boston, mentre l'opposizione fu alla guida di Siaka Stevens, capo dell’All People's Congress.

Nel 1964 alla morte di Margai, il governo passò nelle mani del fratello Albert con risultati disastrosi, in quanto egli applicò un regime totalitario e inefficiente, e ciò fece lievitare il partito d'opposizione. E nelle elezioni del marzo 1967 il partito di governo perse la maggioranza e mentre Stevens si apprestava ad assumere il potere, si verificò un colpo di Stato militare promosso da D. Lansana. I partiti furono aboliti, la Costituzione fu sospesa; ne nacque il "Consiglio Nazionale Riformatore" capeggiato dal colonnello T. A. Juxson-Smith, che assunse l'incarico con la promessa di restaurare in breve tempo il governo civile. Non essendosi ciò verificato ancora nel 1968, un altro comando militare intervenne e mise Stevens nelle condizioni di formare il governo. Quindi il Sierra Leone People's Party passò all'opposizione.

Contrasti, disordini, antagonismi tribali e regresso nella economia furono le componenti per dichiarare lo stato d'emergenza, che cominciò nel novembre 1968 e si chiuse nel febbraio 1969. Nel 1970 ritornarono le difficoltà, si formò un altro partito di opposizione, l’Union Democratic Party che ebbe vita breve e poi ancora si tornò allo stato d'emergenza.

Dopo alcuni colpi di stato e attentati falliti, il 19 aprile 1971 fu proclamata la Repubblica, Stevens presidente, S.I. Koroma premier, capitale Freetown.

Alle elezioni del maggio 1973 partecipò il partito di Stevens come partito unico. Fu portata una variazione alla Costituzione, per cui la carica di Koroma fu divisa in due parti: quella di vicepresidente e quella di primo ministro, ed egli mantenne la prima per poter poi eventualmente succedere al presidente. Tenne però anche il Dicastero delle Finanze. Primo Ministro divenne C. A. Kamara.

Le elezioni del 1977 furono vinte dall’All People' Congress e nel marzo 1978 fu dichiarato partito unico, sotto la cui ala confluirono, al governo di unità nazionale, anche esponenti di altri settori.

Per la politica estera, alla fine degli anni 70, la Sierra Leone, dopo aver abbandonato la sua ideologia filo-occidentale, strinse rapporti di amicizia e di cooperazione con i paesi comunisti. Prima fra tutti la Cina popolare che si impegnò a costruire opere pubbliche e a elargire aiuti; poi la Libia che divenne il principale fornitore di petrolio e la Liberia.

Ma sopraggiunsero anni di instabilità e disordini. Nel 1981 fu nuovamente necessario ricorrere allo stato d'emergenza che durò fino al 1985, quando Stevens si dimise (morì poi nel 1989). Nel ritirarsi dalla politica egli, disattendendo le aspettative del vicepresidente, nominò come suo successore il generale J. S. Momoh, che fu eletto presidente nell'ottobre 1985 a suffragio universale ed entrò in carica a novembre. Pur essendo militare, al governo nominò ministri civili.

Nel 1987 ci fu un tentativo di colpo di Stato per opera del vicepresidente Francis Minah, che fu condannato a morte.

Nel 1991 fu introdotto il multipartitismo. Il 30 aprile 1992 ancora un colpo di Stato di giovani ufficiali fu elaborato dal capitano V. E. M. Strasser, diventato il più giovane capo di Stato al mondo, dato che prese il potere tre giorni dopo il suo 25º compleanno. Il governo fu guidato da un Consiglio Supremo dello Stato e da un Consiglio di Segretari di Stato, misti tra civili e militari. Strasser nel 1993, formando il nuovo governo, promise il ritorno alla democrazia entro tre anni.

Ma ciò non si verificò perché il paese continuò a essere dilaniato da violenze di ogni tipo. Strasser dovette combattere contro il Fronte Rivoluzionario Unito (R.U.F), che dopo aver sostenuto la guerra civile accanto ai guerriglieri liberiani nel loro paese, ora stava turbando la vita politica in casa propria, con molte azioni delittuose, fra cui il saccheggio delle miniere di diamanti, unica vera fonte di ricchezza della Sierra Leone.

Questi ribelli, nel corso della prima metà del 1995, erano pericolosamente avanzati fino a pochi chilometri dalla capitale. Moltissimi abitanti abbandonarono le loro case e fuggirono, ma molti altri subirono una vera e propria strage.

Nel giugno del 1995 le forze armate del paese, insieme con mercenari sudafricani di Executive Outcomes e alle forze militari nigeriane e guineane, sferrarono un forte contrattacco e riuscirono a debellare i guerriglieri e a ricacciarli nelle zone di confine con la Liberia.

Geografia

La Sierra Leone si trova nella parte occidentale dell'Africa e del Golfo di Guinea (Oceano Atlantico), a nord-ovest della Liberia.

Morfologia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Sierra Leone.

Il territorio comprende un'estesa pianura costiera, formata dai detriti trasportati dai numerosi corsi d'acqua che l'attraversano. Procedendo verso l'interno, un ripido gradino segna l'inizio di una serie di tavolati che si susseguono con altitudini crescenti. I rilievi più elevati, a est, appartengono ai Monti Loma. La costa è orlata di lagune e profondamente incisa dagli estuari.

Idrografia

I principali fiumi della Sierra Leone sono il Great Scarcies, Little Scarcies, Selim, Pong e Moa.

Clima

Il clima è tropicale; le piogge, abbondanti sulla costa, diminuiscono nelle regioni interne.

Il clima tropicale di questa regione è di tipo caldo-umido, caratterizzato da inverni asciutti e da abbondanti precipitazioni concentrate nei mesi che vanno da maggio a ottobre e causate dai monsoni provenienti da sud-ovest; per questo motivo, nelle regioni costiere, esse raggiungono una media superiore ai 3.800 mm annui. Nelle regioni montuose la temperatura è resa mite dall'altitudine.

Popolazione

Nel rapporto sullo sviluppo umano dell'ONU del 4 novembre 2010, la Sierra Leone risulta alla 180ª posizione al mondo su 187 (stati con ISU Basso) relativa all'Indice di sviluppo umano.[senza fonte]

Demografia

La Sierra Leone è uno degli stati africani con la più alta densità di popolazione, le stime parlano di otto milioni di abitanti; la cifra è approssimativa a causa dell'alto numero di profughi della guerra civile.

La popolazione è divisa in varie etnie, per lo più appartenenti al ceppo sudanese. È presente una minoranza Krumen. I creoli discendenti dai colonizzatori europei e dagli schiavi africani liberati rientrati dall'America nell'Ottocento, costituiscono ormai un'esigua minoranza.

La Sierra Leone ha anche uno dei più alti tassi di mortalità infantile della Terra(77‰).

Lingue

La lingua ufficiale della Sierra Leone è l'inglese il cui uso è però limitato a una minoranza più colta. La lingua principalmente usata a nord del Paese è il temne mentre a sud si parla prevalentemente il mende. Il krio, un misto di inglese e creolo è la lingua usata da circa il 10% della popolazione anche se è capita dalla quasi totalità di essa. Sono in uso anche dei dialetti sudanesi parlati dalle tribù dei Temné e dai Mende.

Religioni

La religione dominante è l'Islam, che copre circa il 60% della popolazione; i cristiani sono il 30%, mentre il restante 10% è legato a religioni animiste locali. Non mancano poi compenetrazioni tra le religioni rivelate e i tradizionali culti tribali.

Ordinamento dello Stato

Suddivisioni amministrative

Province della Sierra Leone.

La repubblica della Sierra Leone amministrativamente è suddivisa in province, che a loro volta si suddividono in distretti, che a loro volta si suddividono in Chiefdom.[4]

Attualmente sono state istituite quattro provincie, anche se una di queste è denominata Area Occidentale, e al di sotto di queste quattordici distretti, due dei quali afferenti l'Area Occidentale.

Città principali

Città Popolazione
Freetown 1.070.200
Kissy 405.734
Kenema 328.539
Bo 189 297
Koidu 157.800
Makeni 148.900

Altre importanti città sono Kailahun, Port Loko, Kabala, Moyamba, Kambia, Magburaka e Bonthe.

Istituzioni

Politica

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Politica della Sierra Leone.

La Sierra Leone elegge a livello nazionale un Capo di Stato, il Presidente, e il Parlamento. Il Presidente è eletto per cinque anni dal popolo. Il Paese ha un sistema multipartitico, con due o tre partiti più forti più un altro di minor successo.

Economia

In Sierra Leone dominano le industrie estrattive (ferro, bauxite e soprattutto diamanti), nonostante la presenza di scambi commerciali d'altro genere (palma da olio). Le prospettive economiche si basano sulla risorsa che finora ha più influito in negativo sulle vicende del paese: i diamanti. Il governo ha già dato in concessione alcune aree per l'estrazione delle pietre preziose, sperando così di migliorare la bilancia commerciale e poter destinare buona parte degli introiti alla ricostruzione del paese. Però sembra che questa risorsa cominci a scarseggiare, infatti pare che molti cercatori di diamanti si lamentino del fatto che non ci sono più molti diamanti e lo Stato ha fatto delle ricerche per verificarlo.

Ambiente

La vegetazione della Sierra Leone, ricca di numerose essenze, ha molto sofferto per la distruzione sconsiderata dell'uomo. La fitta foresta equatoriale, estesa una volta in tutta l'ampia regione pianeggiante del Paese, caratterizzata da forte piovosità, si conserva attualmente solo in alcune zone sud-orientali, al confine con la Liberia, sulla catena della penisola di Sierra Leone, lungo la riva destra del Sewa (distretto di Koinadugu) e in altre piccole aree (in totale 301.000 ha parno una fascia di caducifoglie). Lungo i fiumi si ha inoltre la foresta a galleria e sul litorale si sviluppano in immense distese le mangrovie. Nel retroterra troviamo la palma da olio e parecchie altre varietà di palme. Caratteristici sono inoltre i baobab giganteschi, l'albero del pane, quello del burro e un albero simile alla quercia da sughero che fornisce agli indigeni il materiale per le loro imbarcazioni. Fra i legni pregiati predominano l'ebano e il teak, seguono numerose altre piante come il legno corallo (Baphia nitida), il tolmah o albero dello zolfo e alcuni alberi produttori di gomma e poi caffè, cotone, miglio e zenzero. Fra le spezie comune è il pepe sia nero sia bianco. La fauna, che è quella tipica dell'Africa occidentale, offre numerosi e vari esemplari. Pantere, leopardi, elefanti, scimmie, nonché numerosi rettili tra i quali si distingue il Boa constrictor lungo circa 3 metri e grosso come un braccio umano, vivono nelle foreste. Antilopi e bufali sono invece frequenti in terreni più aperti. I fiumi sono ricchi di ippopotami, lamantini, coccodrilli e varie specie di testuggini e nelle cavità del terreno si nascondono camaleonti e rospi. Rari sono gli uccelli (gufi, gazze, falchi, pappagalli) al contrario degli insetti che abbondano in specie e numero. Soprattutto durante la stagione delle piogge costituiscono stuoli sterminati che di frequente celano la pericolosa mosca tse-tse e l'anofele.

Arte

Scultura

Tra le attività artistiche tradizionali più diffuse vi è la scultura, come evidenziato dalle statuette in steatite di vario stile e di varie epoche, anche antiche, rinvenute grazie a scavi e ricerche. Si tratta di figure umane inginocchiate, sedute o a cavallo, caratterizzate dalle mani che sostengono il volto e talvolta dalla presenza di armi e scudi. Presso i Mende è storicamente rilevante l'utilizzo di maschere, come il bundu, una sorta di casco contraddistinto dal viso femminile scolpito sul retro.[5]

Musica

  • Peter Kai Kapindi

Letteratura

Cinema

Tradizioni e festività

Le festività celebrate in Sierra Leone sono: Capodanno; Pasqua; Festa dell'indipendenza, Anniversario della rivoluzione, Natale e Boxing day. Si festeggiano anche le principali ricorrenze islamiche. Il lunedì di Pasqua, sulle spiagge di Freetown, si festeggia il Kite-flying day, il giorno nazionale degli aquiloni.

Cleaning day

Fino a qualche anno fa, l'ultimo sabato di ogni mese nelle maggiori città si teneva il cleaning day, giornata dedicata alla pulizia della città. A ognuno era assegnato un tratto di strada e chi veniva trovato a non fare nulla poteva essere multato con sanzioni fino a 130 dollari.

Note

  1. ^ (EN) Population growth rate, su CIA World Factbook. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  2. ^ Dati dal Fondo Monetario Internazionale, ottobre 2013
  3. ^ Tasso di fertilità nel 2011, data.worldbank.org. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  4. ^ Chiefodms della Sierra Leone, sierra-leone.org.
  5. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol. III, pag.466

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN126078121 · GND: (DE4054908-2 · BNF: (FRcb119377630 (data)
Africa Occidentale Portale Africa Occidentale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa Occidentale
source: https://it.wikipedia.org/wiki/Sierra_Leone

Ambasciata D'Italia

Rappresentanza Diplomatica in Italia

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

<p>Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell’africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.</p>

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Tanzania – Scheda Paese

L’economia della Tanzania ha continuato a funzionare bene, registrando una crescita del 7,3% nel 2013, rispetto al 6,9% nel 2012, guidato da dell’informazione e comunicazione, costruzioni, la produzione e altri

Scheda Paese

Uganda – Scheda Paese

Nel 2014 l’Uganda ha visto il consolidamento della stabilità macroeconomica e una graduale ripresa dell’attività economica, con una crescita del PIL reale che dovrebbe raggiungere il 5,9% nell’esercizio 2014/15 contro

Kenya

Kenya – Scheda Paese

Il Kenia rappresenta il baricentro manifatturiero, commerciale e finanziario della regione dell’Africa Orientale. Negli anni ottanta e novanta la sua economia e’ stata caratterizzata da andamenti erratici ed inferiori al