Togo – Scheda Paese

Togo – Scheda Paese

Il PIL è cresciuto nel 2014 del 5,5%, confermando le stime, ed è destinato a crescere del 5,7% nel 2015 e del 5,9% nel 2016, grazie agli investimenti in infrastrutture economiche e riforme agricole.

Il nuovo complesso industriale Scantogo-Mines inizierà la produzione su larga scala di calcare minerario nel 2015 per la produzione di clinker e cemento a livello locale. Con una capacità produttiva di 5 000 tonnellate di clinker al giorno, il progetto metterà fine allo scarso rendimento del settore (-9,8% nel 2014), con una produzione in aumento del 69,4% nel 2015 e un ulteriore 46,3% nel 2016. Tuttavia, la crescita complessiva e il potenziale di oltre il 5% nel breve e medio termine potrebbe essere ostacolato dalle questioni delle elezioni presidenziali del 2015 per il dibattito sul fatto che il numero dei mandati dovrebbe essere limitato.

Il rapporto della Banca Mondiale, Doing Business 2015, elenca il Togo come una delle 10 economie mondiali che più hanno migliorato il loro clima di business, avendo guadagnato 15 posizioni per il business environments. L’ufficio delle imposte (Ufficio togolais des Recettes) ha introdotto una serie di riforme nelle sue operazioni, compreso l’obbligo per i funzionari di dichiarare il loro patrimonio; la possibilità per i contribuenti di presentare denuncia utilizzando un numero verde o via e-mail; e l’obbligo di pagare le tasse attraverso le banche.

Lo stato è onnipresente in tutta la catena del valore dell’energia elettrica, con imprese di proprietà statale che godono di prezzi fortemente sovvenzionati. Questi (XOF 148 [Franco BCEAO di CFA] / kWh) sono al di sotto dei costi, ma ancora troppo alto per attirare gli investimenti privati. Dopo l’indipendenza, il Togo non ha mai pubblicato una legge di revisione del bilancio. Leggi sono stati proposti per nel 2007, 2010, 2011, 2012 e 2013, ma non sono ancora state discusse in Parlamento a causa di una carenza delle competenze necessarie.

Il 31 dicembre 2013, il Togo aveva 92 istituzioni di microfinanza (MFI) con prestiti per  117 miliardi di franchi CFA . Il 43% della popolazione del Togo beneficia dei fondi FMI rispetto al 16% per tutti i paesi dell’Unione economica e monetaria dell’Africa occidentale (UEMOA).

La proporzione di popolazione che vive in aree urbane aumenta con la vicinanza alla regione marittima, dove si trova la capitale Lomé. La regione Savanes conta 5% urbana, la regione Kara 8%, la regione Centrale 7%, la regione Plateaux 12% e la regione marittima 68%. La stragrande maggioranza delle persone che vivono in povertà risiedono in zone rurali (78,9%). Nel 2014, la regione marittima, che copre solo l’11% del paese, ha raccolto il 98% delle entrate fiscali, impiegato 82% dei medici e consumato 86% dell’elettricità del paese. Togo è l’unico paese UEMOA che non ha ancora una politica di decentramento. Il decentramento inizierà seriamente nel 2016 e sarà decisivo per affrontare le sfide di inclusione spaziale.

Per quanto riguarda l’interscambio con l’Italia, l’Italia ha esportato nel 2014 merci per 14,105 milioni di Euro, mentre ha importato merci per 1,318 milioni. L’italia ha esportato prevalentemente macchinari e altre macchine di impiego speciale e Prodotti da forno e farinacei, mentre ha importato prodotti agricoli, e cuoio.

 

Link utili

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 495 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Uganda – Scheda Paese

Nel 2014 l’Uganda ha visto il consolidamento della stabilità macroeconomica e una graduale ripresa dell’attività economica, con una crescita del PIL reale che dovrebbe raggiungere il 5,9% nell’esercizio 2014/15 contro

Angola

Angola – Scheda Paese

L’economia angolana è stata duramente colpita dal drastico calo dei prezzi internazionali del petrolio, così come una riduzione temporanea della produzione di petrolio a causa di manutenzione non programmata dei

Madagascar

Madagascar – Scheda Paese

A partire dal 2009 una crisi politica e sociale ha fatto sì che il 2014 sia stato un anno decisivo per il Madagascar, con un nuovo presidente eletto, un nuovo