Senegal e Mali, la competizione per la supremazia nel Solare

Senegal e Mali, la competizione per la supremazia nel Solare

Due paesi dell’Africa occidentale fanno a gara per completare per primi gli impianti solari su larga scala della regione.

Il Senegal sta costruendo Senergy II, un impianto fotovoltaico con una capacità di 20 MW, in Bokhol, vicino al confine con la Mauritania, l’impianto sarà collegato  alla rete elettrica a metà del 2016. L’impianto darà accesso all’elettricità a quasi 200.000 persone e contribuirà a raddoppiare il target di generazzione di energia elettrica del Senegal. Esso contribuirà a ridurre la dipendenza del paese dai combustibili fossili e evitare l’emissione di 25.000 tonnellate di CO2 all’anno.

Il progetto è stato lanciato da GreenWish, una società di investimento con sede in Francia, Senegal e Mauritius. Il gruppo francese Vinci farà la costruzione e la manutenzione, e la Banca africana di sviluppo ha finanziato il progetto. L’investimento complessivo sarà di 25 milioni di € ($ 27 milioni).

Senergy II si prevede di impiegare 150 persone durante la di costruzione e le comunità locali beneficeranno dell’attuazione di un programma di elettrificazione rurale.

Il Mali nel frattempo ha firmato un accordo con lo specialista di energia rinnovabile norvegese per costruire un impianto di energia solare su scala industriale. Con sede a Oslo la Scatec Solar costruirà un progetto da  52m di € vicino alla città sud-occidentale di Segou e opererà l’impianto per 25 anni.

IFC InfraVentures, un fondo per lo sviluppo di infrastrutture per lo sviluppo che fa parte della IFC, collaborerà con Scatec e uno sviluppatore locale per sviluppare una centrale solare fotovoltaica da 33MW. La centrale produrrà  elettricità sufficiente per alimentare ogni anno 60.000 case e ridurrà le emissioni annue di anidride carbonica di circa 46.000 tonnellate.

Il sistema verrà registrato per consentire la vendita dei crediti verdi per il c02.

È stato anche firmato un accordo per l’acquisto di energia dalla durata di 25 anni tra il Ministero del Mali dell’energia e l’acqua, Electricité du Mali (EDM) e Segou Solaire. Scatec deterrà il 50% dello stabilimento di Segou, mentre la Banca Mondiale attraverso l’International Finance Corporation deterrà il 32,5%, lasciando il capitale restante di partner locale Africa Power 1. Il progetto deve essere finanziato da una combinazione di prestito bancario tradizionale, un prestito dell’Investment Climate Fund della Banca Mondiale e capitale apportato dai partner.

Sorgente: Senegal and Mali battle for solar supremacy – African Business Magazine

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Eni: al via il progetto Coral South in Mozambico
Africa del Sud

Eni: al via il progetto Coral South in Mozambico

Il Presidente della Repubblica del Mozambico Filipe Nyusi, il Ministro delle Risorse Minerarie Leticia Klemens, l’AD di Eni Claudio Descalzi, hanno partecipato oggi al lancio della fase realizzativa del progetto

Europa e USA guidano gli FDI in Africa, la Cina guarda altrove
Africa Occidentale

Europa e USA guidano gli FDI in Africa, la Cina guarda altrove

Molto e’ stato detto e scritto sul crescente interesse della Cina in Africa e degli investimenti cinesi nel continente. Certo, la Cina ha speso somme ingenti in Africa, prevalentemente su

Etiopia: Completata la fase di mobilitazione finanziaria della centrale eolica di Assela con il sostegno danese
Energia

Etiopia: Completata la fase di mobilitazione finanziaria della centrale eolica di Assela con il sostegno danese

In Etiopia, i fondi necessari per la realizzazione della centrale eolica di Assela vengono ora raccolti dalla Danimarca. L’infrastruttura di 100 MW di capacità costerà 146 milioni di euro e