La Sharing Economy in Africa

La Sharing Economy in Africa

La sharing economy è in crescita in tutto il mondo, e l’Africa non fa eccezione.

La nuova tendenza è fornire soluzioni ed offerte per alcune carenze infrastrutturali, e offrire l’accesso a beni e servizi a prezzi accessibili.

Marchi internazionali come Airbnb e Uber – rispettivamente piattaforme digitali per l’offerta di alloggio e taxi – sono al lavoro per consolidarsi nei mercati africani. Vedono delle opportunita’ d’oro in una popolazione in crescita sempre più avvezza alle tecnologie digitali. Al tempo stesso, anche piccole imprese locali stanno offrendo i loro servizi, servendo nicchie di segmenti di mercato.

Le aziende internazionali procedono lanciando nuovi servizi, attratte dal potenziale dei mercati africani. La regione, forte di una popolazione di  1 miliardo di persone, che dovrebbe arrivare ad oltre 2 miliardi entro il 2050. Inoltre, una quota crescente di questa popolazione giovane e dispone di una certa capacita’ di spesa. Nel 2011, la Banca africana di sviluppo (AfDB) ha classificato come classe media il 34 per cento della popolazione del continente.

“Pensiamo che ci sia un enorme potenziale nella regione per Airbnb,” spiega Nicola D’Elia, direttore generale per il Medio Oriente e l’Africa. “L’Africa ospita oltre un miliardo di persone, quindi è molto importante per noi avere una forte presenza qui”.

Le esperienze di Airbnb in tutto il continente dimostrano che l’economia della condivisione è rilevante in Africa come in nessun’altra parte del mondo. La città con il più forte tasso di assorbimento di Airbnb è Città del Capo, in Sud Africa, con 8.758 annunci, seguita da Marrakesh in Marocco con 4.150. Le Mauritius e il Kenya sono anche mercati molto attivi, che dimostrano la diffusione a livello continentale del servizio.

I fornitori di servizi On-demand sostengono che i benefici dei servizi che offrono sono particolarmente rilevanti per i consumatori in Africa, le cui opzioni sono spesso limitate dalla disponibilità di infrastrutture, risorse e piattaforme.

“L’economia della condivisione è un movimento che aiuta milioni di persone ad  utilizzare meglio le risorse esistenti condividendo ciò che hanno. Si consente alla gente comune a fare un po’ di soldi in più dal patrimonio che possiedono, nel nostro caso – la loro casa “, dice D’Elia.

Samantha Allenberg, portavoce di Uber Africa – che è attiva in nove città africane – dice che l’azienda non solo sta fornendo un metodo di trasporto pubblico, ma anche una fonte ulteriore di entrate per i conducenti.

In Sud Africa, Uber ha creato 2.000 opportunità di lavoro dal suo lancio, mentre in Nigeria, sono state create 600 nuove opportunità di lavoro. La società prevede che queste cifre cresceranno a 15.000 e 3.000, rispettivamente, nei prossimi anni.

La sig.ra Allenberg crede che questo sta provocando un cambiamento nel modo di pensare a come colmare le lacune infrastrutturali e di servizi. “Gran parte del successo di Uber deriva dal fatto che stiamo offrendo la sicurezza e l’affidabilità quando si tratta di trasporto”, dice la signora Allenberg . “Stiamo dando ai passeggeri più scelta e agli autisti più opportunità di guardagno.”

Ci sono, naturalmente, le sfide per introdurre in africa soluzioni basate su tecnologie create per i mercati occidentali. Le società internazionali menzionano una bassa penetrazione di smartphone, bassi tassi di connessioni interne e limitati sistemi di pagamento come ostacoli.

“Siamo fiduciosi che troveremo le soluzioni. Ad esempio abbiamo incontrato sfide simili a Cuba, che siamo stati in grado di risolvere, ed è ora il nostro paese a più rapida crescita “, afferma D’Elia.

Azeinde locali

Anche le  piccole e medie imprese (PMI) locali stanno cavalcando l’onda della economia della condivisione, dove molti scelgono di creare modelli che servono nicchie di mercato locali.

In Sudafrica, ad esempio, il servizio di pulizia on-damand Sweep South collega coloro che cercano un pulitore con pulitori in cerca di lavoro nella zona. La startup ha centinaia di pulitori attivi sulla sua piattaforma, e migliaia di servizi  vengono forniti ogni mese.

Il Co-fondatore, Aisha Pandor dice che l’economia della condivisione è particolarmente valida nei mercati africani dove una gran parte dei redditi derivano da un lavoro informale o non permanente.

“Questo significa che perché il reddito è fornito da più fonti, i fornitori di servizi hanno più opportunità di lavoro, e possono arrivare a guadagnare molto di più che non lavorando in modo permanente per una persona,” afferma la Pandor.

L’economia della condivisione offre anche la flessibilità. Nel caso di SweepSouth questo è particolarmente importante per le donne, che spesso devono accudire famiglie multi-generazionali e hanno bisogno di un livello superiore di controllo sui loro orario di lavoro.

In Ruanda, SafeMotos fornisce un servizio on-demand per i moto-taxi che include lo stile e la sicurezza di guida. Il software telematico installato sugli smartphone dei piloti traccia il comportamento di guida, registrando elementi come l’eccesso di velocità.

I cattivi guidatori sono contrassegnati nel sistema e hanno meno probabilità di ricevere offerte. La piattaforma si rivolge alla più popolare, e più pericolosa, forma di trasporto pubblico del paese.

Secondo l’amministratore delegato di SafeMotos, Barrett Nash, la cultura della condivisione delle risorse è già fiorente in tutta la regione a causa di un mix di cultura e di necessità economiche.

“E ‘normale per le persone condividere ciò che hanno. La volontà delle persone di prestare l’un l’altro … rende la cultura della condivisione una naturale evoluzione per questa regione, ancor più che nell’iper individualistico occidente”.

Gareth Mellon, ICT program manager presso la società di ricerche di mercato Frost & Sullivan per l’Africa, concorda. Egli ritiene l’economia della condivisione ha il potenziale per migliorare i punti di forza dei mercati informali dell’Africa, ma avverte che i benefici dell’informalità devono essere mantenuti.

“In gran parte dell’Africa, i mercati informali sono predominanti e esistono già molti modelli di condivisione di asset. La sfida è se sistemi più formali saranno in grado di migliorare questi servizi già esistenti “, dice Mellon.

Egli indica i meccanismi dei fondi stokvel – fondi di risparmio basati sulle comunità locali – che sono prevalenti in Sud Africa come una forma di condivisione peer-to-peer che rimangono in gran parte informali. “Potrebbero essere migliorati attraverso strutture più formali? Molto probabilmente, sì … ma la sfida è trovare il modo per mantenere i benefici che derivano dal loro carattere informale “.

La strada davanti

Gli elementi evidenziati dai fornitori locali – l’accesso a più opportunità di lavoro in mercati che offrono poche opportunità di impiego,  e una cultura preesistente di attività di condivisione – possono contribuire al fatto che i servizi on demand hanno incontrato una limitata opposizione in Africa fino ad oggi.

Questo è in contrasto con il rancore che hanno generato in Europa e Nord America. Uber in particolare ha affrontato proteste e azioni legali in tutto il mondo.

Siamo ancora agli albori della economia della condivisione dei servizi in Africa, e potrebbe emergere una crescente opposizione a questi servizi. Finora, tuttavia, la maggiore difficoltà incontrate da Uber in Africa è stata la richiesta di Città del Capo che ha imposto agli autisti di Uber di ottenere la la licenza di taxi con tassametro.

Guardando al futuro, gli attori locali e globali sembrano concordare che l’economia della condivisione in Africa avrà il suo maggiore impatto nello spazio peer-to-peer, consentendo alle persone di effettuare transazioni direttamente tra di loro.

“Questo non sta andando a sostituire il commercio tradizionale business to consumer, ma il coomercio peer-to-peer certamente offre una nuova scelta ai consumatori consentendogli di accedere a beni e servizi,” dice D’Elia di Airbnb.

Sorgente: Sharing economy takes off in Africa – News – This is Africa

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Kenya, tender per la sostituzione delle lampade a basso consumo

Kenya Power, con un avviso pubblicato il 27.11.15 ha invitato a presentare le offerte per sostituire le lampadine a incandescenza con quelle a basso consumo, le parti interessate hanno tempo fino al

Africa Occidentale

Nigeria – La competizione nella Grande Distribuzione si fa sempre più forte

Poche settimane dopo l’annuncio di Walmart di entrare nel mercato nigeriano, un altro colosso dei supermercati nel continente africano, Shoprite ha annunciato la sua intenzione di espandersi in Nigeria, cercando

Nigeria

Nigeria, Panda Bond per finanziare il budget 2016

La Nigeria sta valutando la vendita di obbligazioni Panda cinesi per aiutare a finanziare un budget record, volto a rilanciare la più grande economia dell’Africa, economia che sta soffrendo dal crollo