I bisogni energetici dell’Africa possono essere soddisfatti con le rinnovabili?

I bisogni energetici dell’Africa possono essere soddisfatti con le rinnovabili?

L’impegno della Francia per 2 miliardi di Euro per finanziare progetti in energia rinnovabili in Africa è solo una parte di un pacchetto più ampio di finanziamento per i progetti energetici del continente Africano. Il presidente francese Francois Hollande ha annunciato a margine del vertice sul clima Cop21 che un terzo del piano energetico della Francia di 6 Miliardi di Euro sarebbe stato destinato all’African Renewable Energy Initiative.


“Il totale dell’energia installata in Africa e’ di soli 160 gigawatt. Questo equivale a soltanto la metà della capacità installata del Giappone”, ha detto Carlos Lopes, il Presidente della Commissione economica per l’Africa in occasione del lancio ufficiale della African Renewable Energy Initiative.
“Considerate le abbondanti fonti rinnovabili di energia disponibili in Africa, il mix energetico per l’Africa non deve necessariamente essere dominato dai combustibili fossili.”
L’iniziativa per l’energia rinnovabile si propone di aggiungere energia solare, eolica e idroelettrica al mix energetico Africano: 10 gigawatt entro il 2020, per raggiungere un valore fra i 100 e i 300 gigawatt entro il 2030.
La Francia, con 2 miliardi di euro finanzierà un quinto dell’intero costo dell’Iniziativa.


Armelle Lecomte di Oxfam Francia saluta con favore la partecipazione della Francia, che giudica “un segnale positivo per i paesi africani” che hanno chiesto il finanziamento per progetti di energia rinnovabile. Il denaro è comunque “solo una implementazione di quello che  il presidente Hollande ha detto a New York a settembre presso l’assemblea generale delle Nazioni Unite”.


Akinwumi Adesina, il presidente della Banca africana di sviluppo, ha parlato di un “new deal” in materia di energia per l’Africa. Ha detto che la banca investirà 12 miliardi di dollari (11,3 miliardi di euro) in progetti di energia entro il 2020.
“L’iniziativa per l’energia rinnovabile in Africa è una delle parti fondamentali del nostro impegno per fornire energia elettrica in Africa”, ha detto.

Comunque, le  fonti rinnovabili sono solo una parte del mix energetico per l’Africa.


La Francia ha destinato solo un terzo dei sei miliardi di euro  per l’energia in Africa, alle rinnovabili. “Per alcuni paesi, l’energia pulita includere anche l’energia nucleare, e questo e’ valido sopratutto per la Francia. Questo è qualcosa che stiamo mettendo in discussione”, ha detto Lecomte, aggiungendo che la Francia ha stretti legami con le grandi aziende energetiche che stanno ancora lavorando con i combustibili fossili, tuttavia, l’Africa ha bisogno di energia elettrica, “l’Africa è semplicemente stanca di essere al buio”, ha detto Adesina.

Sorgente: How much of Africa’s energy needs can be met with renewables? – Africa – COP21 – RFI

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 369 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa del Sud

Covid19, I paesi africani stanno facilmente ottenendo un rinegoziamento dei debiti dalla Cina

I paesi africani possono ottenere la cancellazione del debito dalla Cina più facilmente rispetto ai creditori privati in un momento di crisi globale per attenuare l’impatto economico della pandemia di

Uganda

Uganda, Total pronta a diventare leader grazie ai progetti petroliferi del Lago Albert

La Total Total dominerà il settore petrolifero dell’Uganda grazie alla  proprietà del 66,66% dei progetti petroliferi del Lago Albert. Si prevede che entrino in produzione nel 2022/2023, con la China

Africa Centrale

11 fatti sorprendenti sul mobile money in Africa

L’utilizzo dei servizi di mobile money in Africa continuerà a crescere, parallelamente alla diffusione di smartphone sempre piu’ a buon mercato. La maggior parte dei due miliardi di persone nel