La missione di Renzi in Nigeria

La missione di Renzi in Nigeria

La Nigeria e l’Italia si sono impegnate per rafforzare la cooperazione bilaterale tra i due paesi. Questo è quanto emerge della decisione raggiunta tra il presidente Muhammadu Buhari e il primo ministro Italiano Matteo Renzi nel corso di un incontro tra i due leader da Abuja,

Renzi, che era si e’ fermato in Nigeria nel suo viaggio verso il Ghana ha incontrato a porte chiuse il presidente Nigeriano per circa due ore, durante le quali sono stati discussi i problemi di politica, economia e sicurezza.

Nel corso di una conferenza stampa congiunta dopo l’incontro alla State House, Buhari ha detto che entrambi i paesi intensificheranno gli sforzi per trovare un terreno comune per migliorare le partnership economiche e di sicurezza.

Accogliendo il leader italiano nella Villa Presidenziale, il Presidente ha ringraziato il suo ospite per dare la priorità alle questioni che riguardano la Nigeria e ha promesso di cooperare pienamente con l’Italia su tutti gli argomenti di rilevanza comune.

Buhari ha detto, “Abbiamo discusso principalmente in termini di sviluppo delle risorse petrolifere e di sostegno e formazione alle forze di polizia, e verrà fornito equipaggiamento alle nostre forze di sicurezza per controllare l’immigrazione clandestina.”

Il Presidente ha detto che loro discussione bilaterale comprendeva anche la necessità di dare priorità all’agricoltura a fronte del calo dei prezzi del greggio, che rappresenta ad oggi la spina dorsale economica e il maggior export della Nigeria.

“Abbiamo discusso di agricoltura, che è una delle aree che abbiamo identificato come prioritaria, alla luce della forte diminuzione dei prezzi del petrolio”, ha detto Buhari.

Nel suo intervento, il primo ministro ha detto che è in Nigeria per sottolineare la comunanza di idee e valori che i due paesi condividono, aggiungendo che il suo governo ha identificato la Nigeria come un alleato chiave nella guerra contro il terrorismo e l’immigrazione clandestina.

Renzi, 41 anni, ha anche promesso di garantire una migliore cooperazione con la Nigeria nella sicurezza, l’energia, l’agricoltura e le piccole e medie imprese.

“L’Italia rafforzerà la cooperazione con la Nigeria nelle aree della sicurezza, l’energia, l’agricoltura e le piccole e medie imprese”, ha detto il Primo Ministro.

Renzi inoltre ha promesso di lavorare con la Nigeria e la comunità internazionale per garantire una tempestiva distruzione di Boko Haram, aggiungendo che la il volere dei nigeriani non sarai sopraffatto dalla rivolta.

“Il Governo Italiano esprime tutta la sua vicinanza e cordoglio per gli attacchi terroristici, ma sappiamo che i terroristi verranno distrutti, come la comunità internazionale è impegnata e determinata a distruggerli.”

La visita di Renzi è arrivata due giorni dopo che i ribelli hanno lanciato un attacco mortale a Dalori, appena fuori Maiduguri, la capitale di Borno, che è l’epicentro della rivolta che ha avuto inizio quasi 7 anni fa.

Sorgente: Nigeria, Italy to pledge to strengthen bilateral relations

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Sud Africa – Dal prossimo anno si potrà studiare il cinese nelle scuole pubbliche.

A partire dal gennaio 2016, gli alunni delle scuole sudafricane potranno scegliere mandarino come lingua supplementare. Il cinese e’ stato aggiunto come parte del curriculum scolastico da una nota del ministero

Africa Orientale

Shopping online in Africa

La classe media in Africa e’ in crescita. Circa un terzo del continente spende tra $ 4 a $ 20 al giorno, un gruppo che è destinato a crescere al 42%

Politica

Gli investimenti Cinesi in Africa

L’impegno economico della Cina in Africa tende a suscitare molte polemiche. Molte delle iniziative cinesi in Africa sono accompagnate in occidente da titoli come “Cina in Africa: investimenti o sfruttamento”