Tanzania, Uganda, procede la pianificazione del nuovo oleodotto

Tanzania, Uganda, procede la pianificazione del nuovo oleodotto

L’Uganda e la Tanzania stanno progettando di costruire un oleodotto dai giacimenti petroliferi ugandesi alla costa della Tanzania, una mossa che potrebbe assestare un colpo ai piani degli oleodotti del Kenya.

Le dichiarazioni sono state rilasciate rilasciate dopo che il presidente ugandese Yoweri Museveni e il suo omologo tanzaniano John Magufuli si sono riuniti riunito Martedì scorso. Nella dichiarazione non hanno menzionato il destino dei piano di esportazione del petrolio del Kenya.
L’Uganda, che deve ancora iniziare la produzione di petrolio, ed ha proposto la possibilità di un oleodotto che potesse passare attraverso la Tanzania lo scorso anno.

La francese Total, una delle compagnie petrolifere che sta sviluppando i giacimenti petroliferi dell’Uganda, aveva sollevato preoccupazioni per la sicurezza sul percorso attraverso il Kenya. Una pipeline keniota potrebbe correre vicino alla Somalia, da dove i militanti hanno lanciato attacchi contro il Kenya. Ma gli esperti del settore hanno anche riferito che unire i giacimenti del Kenya, la cui produzione non e’ ancora iniziata, con quelli dell’Uganda renderebbe il progetto dell’oleodotto più economico in quanto i costi sarebbero stati condivisi.

“I due paesi stanno progettando di costruire un oleodotto tra Tanga (Tanzania) e l’Uganda coprendo una distanza di 1.120 km”, ha detto la presidenza ugandese nella sua dichiarazione. “Magufuli ha dichiarato che questo progetto è destinato ad impiegare 15.000 persone.”
La Tanzania, che ha anche grandi riserve di gas naturale off-shore, ha rilasciato una dichiarazione simile.
Il presidente ugandese Museveni ha forti legami con la Tanzania, paese da dove lancio la rivoluzione che lo ha portato al potere nel 1986.

La dichiarazione ugandese ha citato Magufuli dicendo che la decisione dell’Uganda rappresenta un “reciprocamento” per il ruolo che la Tanzania in passato ha svolto.

Museveni e il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta avevano fatto un invito congiunto nel mese di agosto per realizzare un oleodotto attraverso la regione settentrionale del Kenya “senza ulteriori ritardi”.
Ma questa affermazione è stata seguita da altre dichiarazioni dell’Uganda che avevano dichiarato che il percorso attraverso la Tanzania è in fase di studio come una possibile alternativa.

Risolvere il percorso dell’oleodotto è di vitale importanza per aiutare le compagnie petrolifere coinvolte negli sviluppi in Uganda e Kenya a prendere una decisione finale di investimento, in quanto le date di inizio della produzione sono stati più volte rinviate, in parte a causa della mancata finalizzazione del percorso degli oleodotti, ma  anche a causa dei bassi prezzi del petrolio. In Uganda, oltre alla Total sono presenti la cinese CNOOC e la britannica Tullow Oil. La Tullow oil sta lavorando anche in Kenya.

 

Fonte: reuters

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 495 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Nigeria

Nigeria, la fine del prezzo sovvenzionato del carburante

La Nigeria, nonostante sia il più grande produttore di petrolio dell’Africa, la Nigeria, membro dell’OPEC, ha una capacità di raffinazione limitata ed effettivamente importa la maggior parte dei suoi prodotti

Uganda

Africa: I prezzi del petrolio mettono a rischio i progetti petroliferi

Quando lo scorso anno i prezzi del petrolio a livello mondiale hanno cominciato a scivolare verso il basso, alcune aziende hanno sperato che il cambiamento sarebbe solo temporaneo. Hanno sostenuto che gli

Energia

Tanzania: Approvato il finanziamento della centrale idroelettrica di Malagarasi

Il Consiglio di Amministrazione della Banca Africana di Sviluppo ha approvato un prestito di 120 milioni di dollari per finanziare la costruzione di una centrale idroelettrica da 50 MW nella