Kenya, 55 Milioni per lo sviluppo del piccolo idroelettrico.

Kenya, 55 Milioni per lo sviluppo del piccolo idroelettrico.

La Kenya Tea Development Agency ha ottenuto un prestito di 55 milioni di dollari per costruire sette piccole centrali idroelettriche per ridurre la dipendenza dalla rete nazionale e tagliare i costi di produzione, ha dichiarato la KTDA.

L’agenzia rappresenta circa il 60 per cento della produzione del tè in Kenya, ed il paese e’ il maggiore esportatore a livello mondiale di tè nero , export che rappresenta una importante fonte di valuta straniera per la più grande economia dell’Africa orientale.

Il prestito è stato organizzato dall’International Finance Corporation (IFC), che dpende dalla Banca Mondiale Global Agriculture and Food Security Program, e dale  banche di sviluppo francese e olandese Proparco e FMO.

L’amministratore delegato della KTDA Lerionka Tiampati ha detto che la costruzione di tre impianti idroelettrici é in fase avanzata e con il finanziamento si procederà con altre quattro più piccole centrali idroelettriche nel 2016.

“Il finanziamento è in linea con la strategia a lungo termine di KTDA per garantire che le fabbriche di tè abbiano accesso a forme alternative e rinnovabili di energia in grado di ridurre i costi operativi negli stabilimenti,” la KTDA aggiunto in un comunicato.

L’energia in eccesso verrà venduta alla rete nazionale, fornendo agli agricoltori un flusso di entrate supplementari.

Il Kenya é stato colpito dalla siccità all’inizio di quest’anno, che ha colpito la produzione di tè, mentre gli impianti di trasformazione hanno ricevuto minori consegne. Produzione del tè in Kenya dovrebbe migliorare nel corso dell’ultimo trimestre dell’anno, a causa delle forti pioggie nella maggior parte delle zone dove viene coltivato il té.

Sorgente: Kenya’s tea agency signs $55 million deal to build small hydro dams | Reuters

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

L’Africa Integration Index, sorprese e vincitori.
Benin

L’Africa Integration Index, sorprese e vincitori.

Sede di diverse basi militari, la città-stato di Gibuti, sta attirando l’attenzione del mondo, come uno dei principali attori geopolitici, facendo leva sulla sua posizione particolarmente favorevole. Gli Stati Uniti,

Uganda: L’invidiabile posizione del paese in materia energetica
Africa Orientale

Uganda: L’invidiabile posizione del paese in materia energetica

Il governo ugandese si trova in una invidiabile posizione per approfittare degli interessi contrastanti nella regione per sfruttare le proprie risorse energetiche. La Tanzania Petroleum Development Corp. ha annunciato il 7 marzo

Kenya, trasformare Nairobi in un hub finanziario
Economia

Kenya, trasformare Nairobi in un hub finanziario

Il segretario al tesoro, Henry Rotich ha detto il Financial Centre Nairobi International Bill getterà le basi per la creazione di un quartiere finanziario in linea con i centri finanziari esistenti