La crescita economica della EAC spinta da Tanzania e Rwanda

La crescita economica della EAC spinta da Tanzania e Rwanda

L’Africa orientale guiderà la crescita in Africa, in quanto si prevede una crescita del 6,8 per cento nel 2016 e del 6,6 per cento nel 2017, sostenuta da una robusta crescita in Ruanda e Tanzania, secondo Economic Report on Africa 2016.

Questo nonostante i bassi prezzi delle materie prime, e e l’aumento delle importazioni di beni strumentali per le infrastrutture e la recente siccità.

L’Africa orientale invece rimarrà indietro rispetto alle altre regioni africane sulla sua quota di popolazione urbana entro il 2050, con la maggioranza della popolazione in zone rurali, si avrà fino al 2025 una crescita più lenta nella produzione e un perdura affidamento sull’agricoltura nel medio periodo.

Il rapporto intitolato “Greening Africa’s Industrialisation” e presentato durante la settimana di sviluppo africana ad Addis Abeba dimostra che l’Africa orientale ha mantenuto il più alto tasso di crescita nella regione, al 6,2 per cento nel 2015, nonostante un calo dal 7,0 per cento nel 2014.

Ma il segretario della Commissione Economica delle Nazioni Unite per l’Africa, Carlos Lopes ha avvertito che l’attuale crescita – guidata in gran parte da spese legate governo – non ha generato posti di lavoro sufficienti e non è stata abbastanza inclusiva per frenare in modo significativo la povertà.

“E ‘difficile prevedere come l’attuale flessione dei prezzi delle materie prime influenzerà il percorso di sviluppo dell’Africa: la situazione è certamente difficile, ma fornisce forti incentivi a trasferirsi le risorse economiche dalle materie prime al attività più sostenibili”, ha detto il dottor Lopes.

Il rapporto dice che i rischi nella regione sono legati alle condizioni atmosferiche. La siccità potrebbe danneggiare l’agricoltura, che è ancora il principale datore di lavoro nella maggior parte dei paesi africani, e scarsi raccolti aumenterebbero il rischio di inflazione attraverso prezzi più elevati.

La siccità può anche influenzare la capacità di produzione di energia idroelettrica, minacciando l’ecocompatibilità di industrializzazione dell’Africa portando a passare ad centrali termiche.

Secondo il rapporto, il deficit in Africa orientale è passato dal 3,8 per cento al 4,6 per cento a causa di politiche fiscali espansive, con un aumento della spesa in infrastrutture e attività minerarie in Etiopia, Kenya, Tanzania e Uganda.

“I deficit di bilancio in Africa dovrebbero migliorare nel 2016 al 4,6 per cento del PIL,  in tutte le regioni tranne che in Africa orientale, dove il deficit si dovrebbe crescere al 4,8 per cento”, dice il rapporto.

L’inflazione in Africa orientale è passata dal 5,3 per cento nel 2014 al 5,9 per cento nel 2015, in Kenya, è scesa, passando dal 6,9 al 6,3 per cento ed è rimasto invariato in Tanzania al 6,1 per cento. Ma è salito vertiginosamente in Burundi, dal 4,4 al 7,4 per cento e in Uganda, dal 4,3 al 5,7 per cento, rispettivamente, riflettendo, l’instabilità politica, gli shock dovuti alle condizioni atmosferiche e i conseguenti aumenti dei prezzi dei prodotti alimentari, e un deprezzamento della valuta, con conseguente aumento dei prezzi degli alimentari.

Yaw Ansu, capo economista presso l’Africa Centro per la trasformazione economica ha detto che a causa della sua dipendenza dall’export delle materie prime, ed il ristretto numero di acquirenti, i paesi africani sono altamente esposti alla volatilità dei mercati e degli shock dei mercati.

Sorgente: Economic growth in Dar, Kigali to boost East Africa’s rank

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 418 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania, Ruanda e Uganda: A breve la creazione di un mercato azionario unico
Economia

Tanzania, Ruanda e Uganda: A breve la creazione di un mercato azionario unico

Tre Paesi dell’Africa orientale hanno unito le loro forze per realizzare un progetto finanziario finanziato dalla Banca Mondiale che mira a collegare elettronicamente i mercati azionari regionali. Ciò significa che

Lo spettro dei bassi prezzi del petrolio e le minacce alla sicurezza in Africa Centrale
Guinea equatoriale

Lo spettro dei bassi prezzi del petrolio e le minacce alla sicurezza in Africa Centrale

Una stretta alla spesa pubblica, la diversificazione economica e maggiori  scambi regionali sono necessari per stimolare la crescita in Africa centrale che è stata ostacolata dal crollo dei prezzi del petrolio e

Kenia, la incerta strada verso la produzione di petrolio
Energia

Kenia, la incerta strada verso la produzione di petrolio

La confusione continua a caratterizzare il percorso del Kenya verso la produzione di petrolio, con le date di inizio della produzione che continua a cambiare. Dal dicembre dello scorso anno, il