Tanzania, velocizzare inizio lavori per la nuova ferrovia

Tanzania, velocizzare inizio lavori per la nuova ferrovia

La Tanzania sta facendo pressioni sul governo cinese per avviare al più presto i lavori della linea ferroviaria a scartamento normale, che correrà attraverso il corridoio di trasporto centrale.

La Cina ha già accettato di aiutare la Tanzania a costruire 2561 km di ferrovia a scartamento standard che andrà dal il porto di Dar es Salaam e alla Repubblica Democratica del Congo (RDC) e gli stati dei Grandi Laghi del Ruanda e del Burundi, tuttavia non ha ancora individuato un data per l’inizio dei lavori.

La prima fase del progetto da 6,8 miliardi di dollari sarà la costruzione di una ferrovia per 1.216 chilometri che collegherà Dar es Salaam con Mwanza, sulla sponda meridionale del Lago Vittoria nel nord-ovest della Tanzania.

John Magufuli, il presidente della Tanzania, ha detto a Lu Youqing, l’ambasciatore cinese, in un recente incontro che la Tanzania vuole iniziare la costruzione della ferrovia “il più presto possibile”, e aveva assegnato 1 trilione di scellini ($ 455m) nel prossimo bilancio per aiutare a pagare la prima fase del programma.

Egli ha dichiarato “Siamo certi che questo progetto contribuirà a portare una rivoluzione economica nel nostro paese e in altri paesi della zona orientale e dell’Africa centrale, tra cui il Burundi, Ruanda e Repubblica Democratica del Congo, e perciò non vogliamo perdere tempo in lunghi negoziati.”

L’Ambasciatore Youqing si è congratulato con il presidente Magufuli e il suo governo per la preparazione delle finanze, delle risorse materiali e umane necessarie per realizzare il progetto, e ha aggiunto che le aziende cinesi avrebbero aiutato a realizzarlo.

cina tanzania ferrovia

Makame Mbarawa, il ministro dei lavori pubblici ha detto che il passo successivo sarebbe quello di annunciare le gare per la costruzione della ferrovia e richiedere ai vincitori di iniziare immediatamente il lavoro.

Il senso di urgenza nelle dichiarazioni del governo tanzaniano riflette la necessità di competere con le ferrovie a scartamento standard del Kenya finanziate dai cinesi, che è già in fase di completamento, secondo l’International Railway Journal.

I due paesi fanno a gara per completare il trasporto e le infrastrutture portuali, e in tal modo si posizionano come hub logistici per la rapida crescita dell’economia regionale dell’est africano.

Attualmente, la rete ferroviaria della Tanzania comprende due linee ferroviarie principali: la rete della Tanzania Railways Corporation di 2600 km e l’Autorità ferrovia Tanzania-Zambia (Tazara) di 1067 km, che collega Dar es Salaam con Kapiri Mposhi in Zambia.

La Tazara è stata costruita dai cinesi tra il 1965 e il 1975, come gesto di solidarietà con la Tanzania. Questo progetto ha coinvolto 50.000 lavoratori che utilizzano i materiali da costruzione che sono stati quasi interamente spediti dalla Cina.

 

Sorgente: GCR – News – Tanzania asks China to begin work on $7bn rail ASAP

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 369 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Angola

Perché le PMI sono la chiave per la crescita in Africa

  L’Africa è cresciuta nonostante la recessione globale e non mostra segni di cedimento. Il continente è sulla buona strada per raggiungere una crescita economica di circa il 4,5% quest’anno,

Sud Africa

Sud Africa, settore Automotive, +50% entro il 2020

l’Industria automobilistica e manifatturiera del Sud Africa ha il potenziale per incrementare la produzione di autoveicoli di quasi il 50 per cento, arrivando ad almeno 900.000 veicoli l’anno entro il

Nigeria

Africa – Le 5 app che stanno cambiando l’Africa

Il continente Africano sta beneficiando della tecnologia, portando innovazione e beneficio dove fino pochi anni fa si riteneva impensabile. Questo dimostra ancora una volta che vi sono ampi margini per