Uber cresce in Africa grazie alla domanda di mezzi di trasporto alternativi

Uber cresce in Africa grazie alla domanda di mezzi di trasporto alternativi

Uber Technologies Inc. prevede di iniziare ad operare in tre nuovi paesi africani entro la fine del mese di giugno, estendendone la copertura due anni e mezzo dopo l’introduzione del suo servizio nel continente.

La società è destinata ad allargarsi in Ghana, Uganda e Tanzania, ha detto in un’intervista Alon Lits, il direttore generale di Uber Africa,  La scorsa settimana, Uber ha lanciato i suoi servizi a Mombasa in Kenya e ad Abuja in Nigeria, dopo essere sbarcati in Sudafrica nel 2013.

Uber sta guadagnando utenti in Africa dato che viaggiatori e pendolari sono alla ricerca di alternative agli spesso inaffidabili o inesistenti mezzi pubblici, ha detto Lits. Uber, i cui rivali nel continente di oltre un miliardo di persone includono fornitori più piccoli come Taxify e Zapacab, sta anche beneficiando di corse in condivisione, che consentono ai clienti di ridurre il costo totale della corsa.

“Questo è un continente smartphone-friendly e a causa della mancanza di mezzi di trasporto pubblici Uber sta riempiendo un vuoto nel mercato”, ha detto Lits. “L’azienda è molto soddisfatta della crescita del Uber nel mercato africano.”
Uber ha iniziato le sue operazioni Africa nelle tre città del Sud Africa, Johannesburg, Città del Capo e Durban. Il servizio ha raddoppiato il numero di passeggeri ogni sei mesi, nonostante mezzo norme poco chiare e l’opposizione da conducenti di taxi con tassametro tradizionale.

“Nel 2014, abbiamo avuto un milione di corse, e nel corso dei primi sei mesi del 2015 due milioni di corse sono state prenotate, e abbiamo visto che il trend continuerà”, ha detto Lits.

Un sbarco di successo nei nuovi mercati è fondamentale per Uber, che cerca di giustificare una valutazione che ha raggiunto i 60 miliardi di dollari in un recente round di finanziamento. La società di San Francisco sta accelerando la sua corsa ad espandersi a livello globale, e sta anche andando oltre al solo servizio di trasporto persone, avendo iniziato al livello sperimentale in alcune città il servizio di consegna cibo e pacchi.

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Tanzania

Africa orientale: Crescono gli investitori stranieri

Gli investimenti diretti esteri, IDE, in Africa orientale è cresciuto lo scorso anno, nonostante un calo complessivo in tutta l’Africa da $ 87 miliardi a $ il 66,5 miliardi di

Energia

Juba salverà il sogno dell’oleodotto keniota?

Il Sud Sudan deve ancora prendere una decisione sul percorso preferenziale per il trasporto del suo petrolio, in quanto si attendono gli esiti dei colloqui con il Sudan per i costi di transito.

Africa Orientale

Kenya – Uganda Pipeline, l’oleodotto riscaldato più lungo del mondo.

Toyota Tsusho, il braccio commerciale della casa automobilistica giapponese, ha dichiarato che il progetto da 4 miliardi per la costruzione dell’oleodotto che collegherà i pozzi di petrolio in Uganda e Kenia con