Dove sara’ il prossimo intervento della Francia in Africa?

Dove sara’ il prossimo intervento della Francia in Africa?

Per decenni, la Francia ha mantenuto insolitamente stretti legami con le sue ex colonie in Africa, proteggendo ferocemente i propri interessi attraverso il potere culturale ed economico, operazioni segrete e decine di interventi militari. In effetti, l’ex presidente francese Francois Mitterrand, una volta disse che l’Africa è il futuro della Francia nel 21 ° secolo. Ma nel periodo post-Guerra Fredda, i rapporti della Francia con i paesi africani francofoni è cambiato – nel bene e nel male. I successivi presidenti francesi hanno dichiarato la fine della Francafrique, un termine che indica il grado di coinvolgimento neocoloniale francese con il suo ex impero in Africa.

Analisi

Anche così, la Francia è intervenuta in Africa sub-sahariana in cinque diverse occasioni negli ultimi 10 anni, oltre a utilizzare operazioni di intelligence e di sorveglianza e innumerevoli campagne militari semipermanenti. Più di recente, la Francia ha lanciato l’Operazione Barkhane, un’iniziativa anti-terrorismo in corso in cinque paesi della regione del Sahel in Africa e che coinvolge più di 3.000 unità. Sembra quindi che il ruolo militare della Francia in Africa durerà.

Influenza duratura

In un’Africa postcoloniale, la Francia si è sforzata di consolidare la propria influenza nelle regioni settentrionali, occidentali e centrali del continente, offrendo alle sue ex colonie diverse assicurazioni. A seguito della loro indipendenza, 12 paesi hanno firmato accordi di difesa nazionale segreti con la Francia. Gli accordi, che non sono mai stati resi pubblici, consentono alla Francia di mantenere una presenza fisica nei Paesi in cambio di difendere la loro sovranità nazionale. La Francia ha cementato ulteriormente la sua influenza nelle sue ex colonie, mantenendo infrastrutture economiche critiche, l’erogazione degli aiuti allo sviluppo e la costruzione di influenti reti sociali ed istituzionali. Per esempio, il tesoro francese sostiene il franco CFA usato da 14 paesi africani. Per scoraggiare eventuali sfide esterne o interne al suo primato, la Francia orchestrato colpi di stato e interventi. L’elenco dei leader africani francofoni che hanno cercato – e fallito – di sfidare o ridurre autorità francese è lunga.

France-Former-Colonies-050616 (2)Dalla fine della guerra fredda, tuttavia, influenza della Francia in Africa ha vacillato. L’aumento della concorrenza economica dalla Cina, gli Stati Uniti e gli Stati arabi del Golfo, tra gli altri, hanno gettato la quota di mercato della Francia nel continente ai minimi storici. Inoltre, l’economia in affanno della Francia ha portato a tagli agli aiuti allo sviluppo, i finanziamenti istituzionali e le spese militari. Con il passaggio di una generazione di leader francesi e francofoni dell’Africa – come primo presidente della Costa d’Avorio, Felix Houphouet-Boigny, che ha servito come un deputato dell’Assemblea nazionale francese – la Francia è diventato solo un altro attore internazionale in lizza per l’attenzione africana. Inoltre, negli ultimi anni, la globalizzazione delle attività economiche a livello globale, e le recenti acquisizioni hanno eclissato la sua necessità di sostenere tali stretti legami con le sue ex colonie. Tuttavia, la Francia difende gelosamente i propri interessi economici e di sicurezza in Africa, intraprendendo missioni antiterrorismo e di sicurezza, intervenendo nei conflitti quando lo ritiene opportuno.

Interessi strategici

Data la sua lunga storia in Africa francofona, la Francia ha una chiara comprensione dei propri interessi nazionali là, e a sua volta, delle minacce che mettono a rischio i suoi interessi. Di particolare interesse sono le minacce alla connettività e supply chain delle infrastrutture, quali strade, reti ferroviarie o principali aeroporti internazionali (molti paesi africani ne hanno solo uno). Ognuno di essi è importante di per sé, ma gli aeroporti rimangono il più essenziale, data la distanza e la mancanza di infrastrutture stradali affidabili in Africa. Il controllo degli aeroporti assicura il continuo flusso di merci, attrezzature militari e personale tra la Francia e le sue ex colonie. Nel 2008, i ribelli sostenuti dal Sudan si sono avvicinati capitale del Ciad, N’Djamena, le truppe francesi di stanza nel Paese dal 1986 hanno istituito posizioni difensive presso l’aeroporto internazionale, salvaguardando il canale principale del paese verso il mondo esterno.

Questo controllo fornisce alla Francia una leva su regimi a rischio di crollo o di rovesciamento. Anche se segreti, molti degli accordi di difesa nazionale presumibilmente stabiliscono che la Francia ha l’obbligo di proteggere la sovranità di una nazione piuttosto che il suo governo. Questo garantisce alla Francia la latitudine per determinare quando (e se) un regime merita protezione. Ad esempio, nel 2012 il Presidente della Repubblica Centrafricana, François Bozizé, ha invitato la Francia a sostenere la sua amministrazione a fronte di imminente ribellione. Il presidente francese Francois Hollande ha respinto la sua richiesta, ribadendo che la Francia interviene per proteggere i propri interessi e non quelli di qualsiasi governo. Prima di fare appello a Parigi, Bozizé aveva voluto spostare il suo paese dalla sfera d’influenza della Francia, corteggiando il Sudafrica come un sostenitore alternativo. Di conseguenza, quando Bozizé ha chiesto aiuto, la Francia è era nell posizione di guadagnare di più da una inazione. Solo dopo che i ribelli hanno spinto Bozizé in esilio le forze francesi son intervenute per proteggere il flusso di traffico dell’unico aeroporto internazionale del paese, Bangui.

Nel conflitto in Ciad, Parigi impiegato una strategia simile. Dopo aver preso il potere in una rivolta sostenuta dalla Libia nel 1990, il presidente Idriss Deby ha smantellato il governo sostenuto dagli americani e dai francesi e spazzato la presenza della Francia nel Paese. Ma in seguito Parigi ha contribuito a salvare la sua amministrazione nel 2008, Deby si rese conto che poteva beneficiare solo ingraziandosi la Francia. A tal fine, il Ciad è diventato una colonna portante della strategia della Francia in Africa, fornendo migliaia di soldati per supportare gli sforzi contro Al Qaeda nel Maghreb Islamico (AQIM) in Mali, e per l’intervento della Francia nella Repubblica Centrafricana.

francia interventi africa

 

Una politica Wait and see

Per una serie di ragioni, i pianificatori militari francesi in Africa aderiscono ad una politica di “wait-and-see” quando le crisi, come colpi o sommosse si svolgono. Perché la Francia ha risorse limitate e manodopera a sua disposizione, sinterverrà in un conflitto solo quando ha raggiunto una alta intensità. Inoltre, l’attesa può consentire la Francia di intervenire – o meno – al momento e nel luogo ottimale per massimizzare i suoi guadagni. Durante le prime fasi della ribellione dei Tuareg del Mali e dopo il colpo di stato che rimosso il governo, per esempio, la Francia ha deciso di non intervenire, perché l’instabilità non costituisce una minaccia sufficiente per i propri interessi. Invece, la Francia interviene solo quando la situazione è diventata un gravità tale che minaccia di travolgere l’intero paese. Parigi si è mobilitato in lungo e in largo per respingere i jihadisti in Mali. Dal momento che questo sforzo è in linea con gli obiettivi di antiterrorismo degli Stati Uniti ‘, la Francia godeva di un ampio supporto degli Stati Uniti nell’operazione. Inoltre, la comunità internazionale ha ampiamente salutato gli sforzi della Francia come una sconfitta per il terrorismo islamico nel Sahel, aumentando l’immagine del paese in tutta la regione.

Allo stesso tempo, questo approccio avveduto mette la Francia in una posizione reattiva. Eventi destabilizzanti possono ora guidare l’azione francese in Africa. Nel frattempo, la Francia occupa una posizione unica nel continente, avendo non solo una grande presenza, ma anche il capitale politico per agire lì. Questi fattori combinati possono spingere la Francia in conflitti che non comprendere appieno. Un rapporto del 2014 del governo francese ha rivelato che i soldati che hanno partecipato a Francia 2013 Operazione Sangaris nella Repubblica centroafricana hanno sperimentato un più alto tasso di traumi rispetto a quelli che hanno combattuto in Afghanistan. Tra i fattori citati erano i pericoli imprevisti e gli “orrori della guerra civile”, un nemico mal identificato, e le truppe francesi che sono stati mal equipaggiate e mal preparate. Gli autori del rapporto inoltre osservato che, a causa delle crescenti esigenze militari dello Stato, formazione tradizionale dell’esercito francese e ciclo di distribuzione si è notevolmente ridotto, ostacolando l’efficacia complessiva della forza.

Il prossimo intervento

Il ruolo tradizionale della Francia in Africa fornisce una base da cui partire per valutare le circostanze che provocheranno un futuro intervento sul continente. Gli ultimi conflitti in cui la Francia è intervenuta hanno coinvolto il crollo quasi totale del potere in una ex colonia. Ma finché non minaccia la sicurezza, Parigi può tollerare un certo grado di instabilità, come una rivolta in una regione remota. Alla luce di queste considerazioni, l’attuale situazione in Mauritania fornisce un potenziale punto di infiammabilità. Debole nel migliore dei casi, la Mauritania è stato a lungo utilizzato le risorse economiche per aumentare il supporto per il governo di Nouakchott tra varie fazioni tribali del paese. Ma ora, le risorse del paese stanno diminuendo e stanno cadendo  sempre più nelle mani del clan del presidente. Di conseguenza, le fazioni tribali della Mauritania, il cui sostegno è fondamentale per preservare l’armonia nel paese, stanno diventando inquiete.

In cima a questo, il presidente del paese, Mohamed Ould Abdel Aziz, che ha ricoperto la carica dal colpo di stato del 2009, può spingere per una terzo controverso mandato. Questo potrebbe approfondire le fessure nel paese, che possano portare a tentativi di colpo di stato, un evento familiare a Nouakchott. Inoltre, i gruppi terroristici regionali come AQIM hanno utilizzato con successo la Mauritania come una zona di transito per gli attacchi nei paesi vicini. Se i gruppi pensano di reindirizzare i loro sforzi per destabilizzare Nouakchott o utilizzare il territorio mauritano per condurre operazioni più transnazionali e di reclutamento, potrebbero guadagnare terreno con la popolazione insoddisfatta del paese. E dal momento che la Mauritania ricade in gran parte al di fuori del campo di applicazione del governo di Barkhane, i gruppi terroristici possono avere più spazio per lavorare lì. Se il presidente continua a restringere le sue priorità clientelari, negando le risorse per i gruppi tribali e sconvolgendo l’equilibrio tradizionale del potere del paese la reazione contro il presidente e il suo clan è probabile.

A questo punto, la Francia – il cui interesse principale è la stabilità – può considerare Abdel Aziz come una minaccia alla sicurezza regionale. Per ridurre questo rischio, Parigi potrebbe fornire informazioni e incoraggiamento alle forze che si delineano contro il presidente. Ma se l’instabilità profonda scoppia in Mauritania, Parigi sarà probabilmente costretto ad intervenire più apertamente. Altri attori internazionali, come gli Stati Uniti, potrebbero probabilmente sollecitare Francia all’azione perché rimane l’unico paese con l’interesse, la capacità, il capitale politico e conoscenza regionale per intraprendere una tale missione. E questo è vero non solo in Mauritania. A causa di questa realtà, gli interventi della Francia in Africa continueranno.

Sorgente: Stratford

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 425 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Kenya contro Gibuti: chi siederà nel Consiglio di sicurezza dell’ONU?

L’Africa di solito parla con una sola voce quando si tratta di eleggere i rappresentanti sulla scena mondiale. Allora, perché si profila una disputa diplomatica alle elezioni del Consiglio di

Politica

Conferenza di partenariato per il Sudan, Un punto di svolta per il paese

Il mondo è venuto a Berlino (almeno virtualmente) come parte di un “Forum dei partner per il Sudan” sponsorizzato dalle Nazioni Unite, dall’Unione Europea e dal governo tedesco. A detta

Africa Orientale

Juba salverà il sogno dell’oleodotto keniota?

Il Sud Sudan deve ancora prendere una decisione sul percorso preferenziale per il trasporto del suo petrolio, in quanto si attendono gli esiti dei colloqui con il Sudan per i costi di transito.