Ruanda: La Svizzera dell’Africa mostra il suo peso economico

Ruanda: La Svizzera dell’Africa mostra il suo peso economico

Dopo più di due decenni dal genocidio che è costato oltre 800.000 vite, il Ruanda compie un ulteriore passo verso quello che sembra la cosa più vicina ad una Svizzera Africana.

In Ruanda, un piccolo paese montagnoso, senza sbocco sul mare, con la sia economia ha superato quasi tutti i suoi colleghi continentali, con una crescita annua media del 7,8 per cento a partire dal 2000, e come la Svizzera, che ospita il World Economic Forum di Davos, ospita la versione africana della conferenza del World Economic Forum.

Creare un ambiente attraente per le imprese è diventato più importante per
molte nazioni africane per sostenere la crescita, che non gli introiti dalle  delle materie prime o gli aiuti internazionali, che negli ultimi anni sono crollati, dice l’economista Mark Böhlund, da Londra. Il Rwanda ha aperto la strada per ridurre la burocrazia, fornendo incentivi fiscali e migliorando la governance, fattori che hanno contribuito a superare gli svantaggi delle sue piccole dimensioni, la mancanza di accesso al mare e delle limitate risorse naturali.

Il parallelo con la Svizzera della storia del successo economico del Ruanda, promosso da una classifica dalla Banca Mondiale come il posto più facile del continente africano dove fare affari, non si estende alla sua reputazione di difesa della democrazia. I gruppi per i diritti civili accusano il governo di soffocare l’opposizione e hanno criticato un cambiamento costituzionale che permetterà al presidente Paul Kagame, che è stato al potere dal 2000 e a cui viene riconosciuto il merito del successo economico del Ruanda, potrà concorrere per un terzo mandato presidenziale.

L’Industria del turismo

L’amministrazione di Kagame ha costruito l’industria del turismo facendone un paese in grado di ospitare eventi come il WEF e nel 2014 la riunione annuale della Banca africana di sviluppo e attirare visitatori per vedere i gorilla di montagna e scalare i vulcani. E ‘anche aumentata la produzione agricola e la produzione industriale migliorando la viabilità stradale e la fornitura di energia elettrica. Le esperienze del Ruanda sono all’ordine del giorno durante il raduno WEF, che si concentrerà su come i paesi africani possono sfruttare la tecnologia e la conoscenza per stimolare la crescita.

Il crollo dei prezzi dell’energia e delle materie prime ha dimostrato la urgente necessità di una maggiore diversificazione e il miglioramento dello spirito imprenditoriale in tutta l’Africa, ha detto Elsie Kanza, capo del WEF per l’Africa. Il Rwanda si pone come un buon esempio di come la pianificazione a lungo termine e gli investimenti possono portare a una crescita sostenibile e inclusiva.

Kagame, 58 anni, guidò l’esercito ribelle che pose fine alla follia omicida di 100 giorni nel 1994, che colpì i tutsi e la minoranza hutu. Il presidente ha avuto il via libera per la rielezione il prossimo anno, dopo oltre il 98 per cento della popolazione ha approvato il referendum referendum per modificare la costituzione per estendere i limiti mandato presidenziale.

I partiti di opposizione hanno ben poco spazio in Ruanda, mentre il governo impone severe restrizioni sulla libertà di parola e la linea governativa si impone sui media nazionali, secondo il rapporto del 2016 di Human Rights Watch.

Impulsi alla crescita

la determinazione del governo a mantenere la sicurezza e la sua politica fiscale e monetaria dovrebbe continuare a fornire un impulso per la crescita e a nuovi investimenti, secondo Maurice Toriotich, amministratrice  delegata della filiale Ruandese della Kenya Commercial Bank Ltd.. Gli investimenti diretti esteri in Ruanda probabilmente aumenteranno del 36 per cento quest’anno a $ 1,5 miliardi di dollari, secondo i dati del governo.

“Il governo ha una buona macchina pe ile PR”, ha detto Toriotich da Kigali, capitale del Ruanda. “Il rendimento degli investimenti continuano ad essere attraente. ”

Mentre la ripresa economica globale sta prendendo più tempo del previsto e il rallentamento in Cina limita la crescita per le economie che si basano sulle materie prime, il Ruanda ha deciso di presentare il paese come destinazione per gli investimenti investendo sui congressi. Durante congerenze come queste il governo si aspetta di firmare contratti in settori chiave come  l’energia, la scienza e la tecnologia, secondo il ministro delle finanze Claver Gatete.

Un accordo è stato annunciato , alla vigilia della riunione del WEF. Il Ruanda e l’Unione europea hanno firmato un accordo di finanziamento valore di 177 milioni di euro (201 milioni di dollari) per sostenere l’energia elettrica del paese per i prossimi cinque anni, secondo una dichiarazione sul sito web del ministero delle Finanze. Michael Ryan, rappresentante dell’UE, ha anticipato che vi saranno altri accordi in settori come ad esempio  l’agricoltura.

 

Sorgente: Africa’s Would-Be Switzerland Shows Economic Clout With WEF – Bloomberg

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 371 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Orientale

SACE – Intesa Sanpaolo – BNP Paribas per CMC Ravenna: € 306 milioni per il progetto della diga di Itare in Kenya

In occasione della missione del premier Matteo Renzi in Kenya, SACE, Intesa Sanpaolo e BNP Paribas annunciano la finalizzazione dell’operazione di finanziamento del progetto della diga di Itare, del valore

Africa Orientale

Tanzania – Iniziata la costruzione di un impianto di assemblaggio di mezzi agricoli

  E’ iniziata la costruzione di un impianto di assemblaggio di mezzi agricoli e veicoli a Morogoro.Si prevede che l’impianto sara’ commissionato ad inizio 2016. L’impianto e’ il frutto di

Kenya

Il gruppo portoghese Caetano pensa al Kenya per lanciare una fabbrica di auto

Caetano Group, con sede in Portogallo, è in trattative con un assemblatore keniota per avviare la produzione locale dei marchi a basso costo Hyundai e Renault da commercializzare in tutta