Uber sbarca in Tanzania e lancia i servizi a Dar Es Salaam

Uber sbarca in Tanzania e lancia i servizi a Dar Es Salaam

Dar es Salaam è l’ultima città ad accogliere Uber, la tecnologia che sta rivoluzionando il trasporto pubblico nelle megacities.

I servizi di Uber sono disponibili a partire da oggi, Giovedì 16 giugno ad un frazione del costo dei taxi che normalmente trasportano passeggeri nella città capitale economica che conta quasi 5 milioni di persone.

Il servizio dovrebbe aver un lancio più facile rispetto ad altre città africane, come Nairobi e Johannesburg, dove i tassisti  locali hanno tentato di resistere all’introduzione del servizio.

Nairobi è stata la prima città in Africa orientale dove uber ha investito, per offrire la propria tecnologia, mentre già nel 2015 Johannesburg è stata la trentaquattresima città al mondo che ha salutato l’introduzione di Uber nel mercato.

Le tariffe di Uber partono da Sh466 (18 Eurocents) per chilometro, e Uber garantisce un monitoraggio costantane dei taxi per garantire la sicurezza degli autisti e dei clienti di Uber.

Oggi e domenica Uber, per pubblicizzare l’investimento in Tanzania, offrirà corse gratuite per i primi clienti, ai quali e’ richiesto solo di scaricare l’applicazione sui loro cellulari, per poter prenotare e chiamare i tassisti.

I clienti potranno poi pagare la corsa attraverso i servizi di mobile money, come M-Pesa, oramai estremamente diffusi in Tanzania.

Con questo lancio di Uber a Dar es Salaam, Uber raggiunge il traguardo di 475 città e 70 paesi diversi dove e’ attivo il servizio, mentre Dar Es Salam è la nona città Africana, dopo i recenti lanci della scorsa settimana in Uganda e Ghana.

Fonte: the citizen

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Sub Sahariana

La fine del miracolo economico Africano?

Negli ultimi mesi la cronaca ha raccontato di un continente africano in difficoltà,  Imfatti la crescita economica è stata tra le più basse degli ultimi anni e sono riemersi vecchi

Namibia

L’Africa Integration Index, sorprese e vincitori.

Sede di diverse basi militari, la città-stato di Gibuti, sta attirando l’attenzione del mondo, come uno dei principali attori geopolitici, facendo leva sulla sua posizione particolarmente favorevole. Gli Stati Uniti,

Stimolare l’industrializzazione dell’Africa

Il Kenya è tra i pochi paesi del continente Africano che hanno cominciato a industrializzarsi. Anche lì, però, come in gran parte dell’Africa, la corruzione, l’amministrazione inefficiente, e una applicazione molto