Mozambico, il gas potrebbe trasformare l’economia del paese

Mozambico, il gas potrebbe trasformare l’economia del paese

A circa 30 minuti dal traghetto che porta i autisti al resort di lusso sull’isola di Bazaruto, Sasol Ltd è sta aumentando la produzione del combustibile che potrebbe trasformare la 13-a nazione più povera al mondo.

Il potenziale per rilanciare l’economia del Mozambico e’ contenuto nelle vaste riserve di gas. Il paese dopo più di tre decenni dalla fine del regime di apartheid del vicino Sudafrica che sostenne i ribelli della guerra civile che devastò l’ex colonia portoghese.

Mentre Sasol prevede di spendere $ 1,4 miliardi di dollari per aumentare la produzione ed inviare il gas attraverso un 865 chilometri per inviarlo verso il sud africa, alla ricerca di nuove fonti di energia, il paese ambisce a diventare il terzo esportare al mondo di gas naturale liquefatto grazie agli investimenti di Eni SpA e Anadarko Petroleum Corp.

Nonostante questi buoni auspici, le aspettative economiche rimangono negative, con l’esplosione del debito pubblico i i bassi prezzi dei carburante.
L’incertezza nel paese crea delle sfide per lo sviluppo, e questo progetto e’ un progetto chiave per il futuro del paese.  La posta in gioco e’ molto alta, in quanto Eni ed Anadarco stanno ancora valutando se procedere con il progetto che potrebbe attrarre investimenti per 100 miliardi di dollari. L’approvazione del progetto potrebbe vedere l’economia crescere di nove volte da qui al 2013.

Ad Aprile il governo a reso pubblico che aveva 1.4 miliardi di debit precedentemente non dichiarati. Questo ha spinto la Banca mondiale e altri donatori a sospendere gli aiuti e ha portato ad un declassamento del paese da parte di Fitch Ratings. Il paese mancato un pagamento degli interessi sul un prestito garantiti dal governo ed è in trattative con i creditori. Anche la società chetatale che gestisce gli aeroporti hanno annunciato piani per ristrutturare $ 500 milioni in prestiti dopo che la svalutazione della valuta ha ridotto la capacità di ripagare i debiti.

Ma leprobelmatiche sul debito pubblico non dissuaderanno Anadarco dal procedere con il progetto per l’impianto di LNG. “Siamo consapevoli dei problemi di debito del Mozambico e come il governo lavora per affrontare quelli, stiamo lavorando duramente per mettere in atto una serie di accordi con il governo che forniranno le basi per accordi commerciali definitivi con i clienti di LNG”, ha dichiarato Christiansen di Anadarco

Nel mentre Il Sole 24 Ore ha riportato che le trattative di ENI per vendere la sua quota del progetto stanno procedendo.  In ogni caso sia Eni e Anadarko non potranno rispettare la loro scadenza originaria del 2018 per iniziare la spedizione di LNG, dopo i ritardi nel prendere la decisione di investimento.

I ricavi per il Mozambico potrebbe raggiungere i 212 miliardi di dollari per tutta la durata del progetto LNG, per la sola estrazione di 45 miliardi di piedi cubi dall’Area 1 di Anadarko , secondo uno studio 2014 Standard Bank. mentre i ricavi da NLG potrebbero fare crescere l’economia del paese del 24 per cento l’anno nel periodo 2021-2025, stima uno studio Fondo monetario internazionale.

Nei prossimi anni il mercato del NLG rimarrà depresso, i prezzi spot del LNG scenderanno a 3 dollaro per milione di BTU entro la metà del 2017 o nel 2018, in quanto innovi progetti acuiranno l’eccesso di offerta mondiale.

Ma non lontano dalle spiagge con le palme, Sasol non ha perso il suo appetito per il Mozambico, che rimane al centro della sua unità di investimento. Salo sta cercando di estendere il suo accordo commerciale con il paese al 2029, in quanto la società non si aspetta problemi derivati dal problema del debito pubblico, che non farà perdere l’interesse degli investitori e la società prenderà in considerazione offerte nel sesto round di licenze offerte dal paese, attese per il prossimo anno. Nel quinto round, Sasol ha preso un interesse nel blocco off-shore che sarà gestito da Eni, mentre ad Exxon Mobil Corp. è stato assegnato un blocco in una partnership con Rosneft OAO.

Il Vicino Sudafrica è pronto a ricevere il gas per le sue centrali elettriche e stimolare la domanda industriale dopo che la carenza di energia elettrica ha rallentato la crescita della seconda economia dellAfrica.

M anche sei Sud Afric potrebbe essere un mercato redditizio, i volumi saranno ridotti, ed  il paese dovrà stipulare contratti a lungo termine con l’India e il Giappone per consentire ad Andarco di ricevere i finanziamenti necessari alla realizzazione dell’investimento.

Una aspetto importante e’ che questi progetti sano in linea entro il 2020, altrimenti la finestra di opportunità che si potrebbe aprire grazie alla ripresa del mercato, potranno in equilibrio domanda ed offerta,  potrebbe sfumare, e si dovrà’ attendere una successiva finestra di opportunità per entrare nel mercato.

 

Sorgente: Bloomberg – Gas May Transform Mozambique Even as Debt Darkens Confidence

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Sud Africa

Sud Africa: Enel Green Power inaugura la Wind Farm da 140 Mw di Nxuba

Enel Green Power immette ora 140 MW nella rete elettrica della società pubblica sudafricana Eskom grazie al suo nuovo parco eolico. L’impianto di Nxuba (Provincia del Capo Orientale) è stato

Energia

Congo DRC, Cina, parte lo sviluppo della centrale idroelettrica di Busanga

Sicomines, una joint venture tra un gruppo di aziende cinesi e la Gecamines SA, azienda statale della Repubblica Democratica del Congo  è vicino a chiudere i termini per lo sviluppo di

Africa Sub Sahariana

Sud Africa – Energie Rinnovabili

L’impegno del Sud Africa per l’energia rinnovabile sta portando significativi benefici al paese. Gli investimenti fatti in energie rinnovabili hanno consetito di rispariamere 310 Milioni di carburante nel primo semestre