Tanzania, Velocizzare il progetto LNG

Tanzania, Velocizzare il progetto LNG

Il presidente della Tanzania John Magufuli esortato i propri funzionari ad accelerare i lavori del progettato per il terminal di gas naturale liquefatto (GNL), dichiarando che la realizzazione del progetto ha impiegato troppo tempo.

La BG Group, recentemente acquisita da Royal Dutch Shell, insieme a Statoil, Exxon Mobil e Ophir Energy, prevede di costruire un rigassificatore per l’esportazione dal valore di  $ il 30 miliardi di onshore in collaborazione con la statale Tanzania Petroleum Development Corporation (TPDC) nel 2020.

Ma una decisione finale per l’investimento tarda ad arrivare, anche a causa dei ritardi del governo nel risolvere le questioni relative alla acquisizione dei terreni per il sito che andrà ad ospitare il terminal, e l’implementazione di un quadro quadro giuridico soddisfacente per il nascente settore degli idrocarburi.

Il presidente ha specificato in un comunicato che vuole vedere questo impianto in fase di costruzione, in quanto si sta impiegando troppo tempo., Tutte le questioni in sospeso devono essere risolte, consentendo agli investitori di iniziare immediatamente i lavori di costruzione.

Magufuli, un riformista che si è insediato nel mese di novembre, ha licenziato alcuni alti funzionari per corruzione e ha tagliato le spese che riteneva uno spreco, come ad esempio ridurre i viaggi all’estero da parte dei funzionari pubblici.

L’ufficio del presidente ha richiesto che i colloqui con con Oystein Michelsen, Statoil Tanzania country manager e funzionari del governo della Tanzania procedano speditamente.

Non e’ ancora stato comunicato un programma per la costruzione del progetto, ma ha una volta completato l’impianto GNL dovrebbe avere una vita economica di oltre 40 anni.

Il governo ha acquisito oltre 2.000 ettari di terreno per la costruzione del terminale GNL presso il villaggio Likong’o nella città di Lindi, nel sud del paese.

La Tanzania ha scoperto ulteriori 2,17 trilioni di piedi cubici di possibili giacimenti di gas naturale nel mese di febbraio, aumentando le riserve totali stimati recuperabili di gas naturale della nazione dell’Africa orientale a oltre 57 miliardi di piedi cubici.

L’Africa orientale è il nuovo hotspot per l’esplorazione degli idrocarburi dopo che consistenti giacimenti di petrolio sono stati trovati in Uganda e importanti riserve di gas sono state scoperte in Tanzania e Mozambico.

 

Sorgente: Tanzania’s President Magufuli orders officials to speed up LNG project | News by Country | Reuters

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uganda

Kenya, tender per la sostituzione delle lampade a basso consumo

Kenya Power, con un avviso pubblicato il 27.11.15 ha invitato a presentare le offerte per sostituire le lampadine a incandescenza con quelle a basso consumo, le parti interessate hanno tempo fino al

Africa del Sud

Sud Africa, Africa, il boom dei centri commerciali

La crescente domanda di centri commerciali, uno più lussuoso dell’altro, appare come un u ulteriore segno della crescita della classe media in Africa. L’aumento del potere d’acquisto e un boom nel

Sudan

Juba salverà il sogno dell’oleodotto keniota?

Il Sud Sudan deve ancora prendere una decisione sul percorso preferenziale per il trasporto del suo petrolio, in quanto si attendono gli esiti dei colloqui con il Sudan per i costi di transito.