La difficile arte di assicurarsi l’influenza in Africa

La difficile arte di assicurarsi l’influenza in Africa

I leader di tutto il mondo devono affrontare regolarmente con minacce per la loro sicurezza personale. Per i leader di molti paesi africani, fronteggiare queste minacce può essere uno sforzo particolarmente arduo. Dal riacquisto della loro indipendenza, molte nazioni africane sono rimaste povere, Stati deboli pieni di conflitti interni, etnici e politici, il che rende difficile per qualsiasi governante soddisfare le esigenze, personali o pubbliche. Alcuni leader hanno imposto un regime autoritario per soffocare il dissenso, solo alimentando il discontento.

Nel corso dei decenni, numerosi leader africani sono stati assassinati o rimossi dal potere. L’ex leader dei ribelli e presidente della Repubblica Democratica del Congo, Laurent Kabila, per esempio, è stato assassinato dalla sua stessa guardia del corpo, nel 2001 da un ex bambino soldato. In questi contesti, presidenti, primi ministri e altri capi di Stato in Africa hanno dedicato una notevole attenzione a garantirsi la propria sicurezza. A tal fine, vari stati in competizione fra di loro, singoli e società di sicurezza private hanno offerto i loro servizi di protezione per i leader africani, di solito con un secondo fine.

Analisi

Quasi 100 colpi di stato sono stati organizzati in tutta l’Africa dal 1960 ad oggi, presentando una sfida e un’opportunità per gli altri Stati per manovrare il potere nel continente. Quando i movimenti di indipendenza hanno cominciato a soffiare attraverso l’Africa a partire dal 1950, molte delle nazioni europee che avevano scolpito il continente hanno dovuto cercare modi alternativi per mantenere il loro peso nelle loro colonie appena liberate. Ex potenze coloniali come la Francia e la Gran Bretagna lo ha fatto con l’insediamento o il sostengo di leader che avrebbe difeso i loro interessi – una priorità nei territori con risorse naturali importanti come il petrolio, i diamanti, il rame e uranio. La minaccia di instabilità in queste nazioni emergenti e spesso deboli hanno fornito ai paesi un tempo loro padroni, un ulteriore impulso per offrire il loro sostegno, proporre dei contratti di difesa e di sicurezza in cambio di un flusso continuo di merci.

Influenza a protezione

La Francia ha firmato quasi una dozzina di accordi di difesa con le sue ex colonie. Ma proteggere la sicurezza esterna dei paesi ha spesso comportato proteggere fisicamente i loro capi, i quali, secondo le parole di Alain Peyrefitte – poi ministro nel governo Charles de Gaulle – “Erano in balia di persone In balia di esagitati armati”. Nel 1964, lo stesso anno in cui Peyrefitte aveva fatto la sua affermazione, un colpo di stato guidato dal fazioni militari spodesto’ Leon Mba, il presidente del Gabon. A quel tempo, il Gabon era la fonte principale di petrolio per la Francia, e de Gaulle ordino’ immediatamente ai paracadutisti francesi di intervenire, citando l’accordo di difesa del 1960 con il Gabon e azzerando il nuovo governo.

Dopo il ripristino di Mba, elementi del servizio segreto e del Contro-spionaggio, della Francia, sono rimasti a guardia del suo palazzo. Robert Maloubier, membro dell’agenzia, ex agente francese del British Special Operations durante la seconda guerra mondiale, fu stato scelto per formare una nuova guardia presidenziale del Gabon. Maloubier portò diversi esperti francesi, poliziotti, tiratori e formatori per formare le future guardie del corpo nel il paese, costruendo un corpo d’elite per proteggere il presidente che tanto aveva fatto per proteggere gli interessi di Parigi.

Aumentare la propria influenza

Per i paesi senza interessi coloniali in Africa, l’ondata di movimenti di indipendenza ha offerto l’opportunità di far breccia nelle nazioni fuori delle loro sfere di influenza tradizionale. Anche qui, la gestione della sicurezza ha costruito un punto di ingresso. Ad esempio, quando la Guinea ha dichiarato la sua indipendenza dalla Francia nel 1958, il mondo comunista era a portata di mano. Con il tempo, i consiglieri sovietici si sono riversati nel paese, e gli ufficiali militari cubani hanno addestrato l’intera guardia presidenziale del presidente Ahmed Sekou Toure. Avere aver assunto il controllo della Libia, Muammar Gheddafi si rivolse a servizi di sicurezza della Germania per addestrare le sue guardie personali (prima di adottare la famigerata Guardia amazzonica tutta al femminile).

Per lo stesso motivo, un rapido cambiamento di stato, soprattutto per uno più radicale,  può provocare una reazione che nemmeno una guardia presidenziale altamente qualificata è in grado di scongiurare. Dopo che il Ghana ottenne l’indipendenza dal Regno Unito nel 1957, il suo leader, Kwame Nkrumah, strinse relazioni più strette con l’Unione Sovietica. Quando Nkrumah ha acquistò armi dall’unione sovietica e ha stabilito una guardia presidenziale addestrata dai sovietici, le forze armate del Ghana, con legami di lunga data con gli inglesi – che hanno addestrato ed educato il corpo ufficiali del Ghana – tornarono a tormentarlo. Irritate dalla improvviso cambiamento politico del leader e la rapida crescita delle forze di sicurezza (che comprendevano un battaglione di 1.500 uomini e progetti per un secondo battaglione), gli ufficiali dell’esercito ghanese rovesciarono Nkrumah nel 1966.

Fornire protezione fisica per un leader e la sua famiglia è uno strumento particolarmente utile per un paese che vuole imporre la sua influenza senza impegnare ampie risorse. Nel 2006, il presidente François Bozizé della Repubblica Centrafricana avvicinò il presidente sudafricano Thabo Mbeki in una riunione dell’Unione Africana per chiedere aiuto nel ridurre la dipendenza del suo paese sul suo ex padrone coloniale, la Francia. Mbeki vide la richiesta di Bozizé come un’opportunità per il Sud Africa per estendere il suo potere in Africa centrale, e i due paesi firmarono  un accordo di cooperazione di difesa l’anno dopo. Bozze presentò poi una lunga lista dei desideri per i servizi di assistenza per la difesa – qualcosa che Sud Africa non poteva ne voleva fornire. Come compromesso, Mbeki ha offerto di fornire al leader dell’Africa centrale una squadra di protezione personale fino a quando il Sudafrica no avrebbe formato una squadra di agenti del posto per dargli una maggiore sicurezza.

La squadra di protezione di Bozizé e la piccola squadra di addestramento crebbe lentamente fino al 2013, quando le Forza di Difesa Nazionale sudafricana hanno schierato 200 soldati. Le truppe, schierate al fine di contrastate le diverse migliaia di ribelli Seleka che hanno attaccano dal nord della Repubblica Centrafricana, nel tentativo di prendere la sua capitale, Bangui. Tredici soldati sudafricani sono stati uccisi nel conflitto, e l’amministrazione Bozizé è crollata, inviando il suo leader in esilio e l’influenza del Sud Africa nell’instabile paese è stata ridimensionata. Sulla scia del colpo di stato, il presidente ad interim Catherine Samba-Panza ha scelto fare fare affidamento quasi esclusivamente sulle forze di pace ruandesi per la sua sicurezza. Samba-Panza ha spiegato la sua scelta citando gli stretti rapporti della Repubblica Centrafricana con il Ruanda. I paesi si sono avvicinati a grazie al servizio del peacekeeper, e Samba-Panzer successivamente nominato un console in Ruanda.

Evitare l’influenza

Alcuni leader preferiscono rinunciare alle complicazioni della politica delle potenze internazionali e optare invece per un paese neutrale per fornire assistenza tecnica per la sicurezza.Il Presidente Mobutu Sese Seko dello Zaire (ora Repubblica Democratica del Congo) impiegò consulenti israeliani per addestrare la sua Divisione Speciale Presidenziale. Data la sua reputazione per la sicurezza e la sua stretta alleanza dello Zaire con il patrono della guerra fredda, gli Stati Uniti, Israele appariva come una scelta prudente per Mobutu. Il leader aggiunse un ulteriore livello di sicurezza sulla formazione israeliana e reclutò solo i membri del suo gruppo etnico per la sua guardia personale. In questo modo, ha assicurato che le guardie del corpo dia un altro gruppo non accedessero a lui. (Il Primo ministro indiano Indira Gandhi, dopo tutto, è stato assassinato dalle sue guardie del corpo sikh dopo l’assalto dell’esercito indiano al più importante luogo sacro Sikh.) Mobutu non è l’unico leader africano a fare affidamento sulla competenza di Israele in materia di sicurezza personale. Per anni, il presidente camerunese Paul Biya ha impiegato il generale in pensione israeliano Mayer Heres per la sua protezione. Heres che è lontano dagli intrighi etnici che affliggono il Camerun, lo hanno reso importante a Biya, un cristiano del Camerun del Sud i cui 34 anni di permanenza in carica hanno incluso un tentativo di colpo di stato del 1984 dalle guardie presidenziali musulmani del nord.

Negli ultimi decenni, l’aumento della società di sicurezza privata e le società di contractor militari hanno permesso ai leader africani di trovare esperti disinteressati per allenare i  propri agenti per la sicurezza. Per esempio, TASK International, una società britannica costituita nel 1990, ha addestrato le guardia della sicurezza presidenziale della Nigeria. Questo tipo di contratto offre ai leader africani tutte le competenze e la formazione di ex soldati di alto livello provenienti dal Regno Unito, dalla Francia o negli Stati Uniti (tra gli altri), senza il fastidio dell’ingerenza e delle ambizioni dei governi stranieri. Il presidente Ali Bongo del Gabon ha fatto affidamento sull’esperienza di Park Sang Cheol, una guardia del corpo della Corea del Sud che ha fornito la sua sicurezza per quasi tre decenni.

Detto questo, non è sempre chiaro dove la fedeltà nazionale finisce e cominciano gli affari. Anche se è forse più noto per le sue operazioni in paesi come il Congo, la Rhodesia e l’Angola, il leggendario mercenario francese Bob Denard fu particolarmente abile nel formare la guardia presidenziale delle Comore, un arcipelago vicino al Madagascar. Durante il tempo che lavorò alle Comore, Denard ha gestito la guardia presidenziale composta da 500 l’uomini che hanno mantenuto una tale influenza sul paese che molti consideravano Denard il vero uomo di potere al governo.

Oggi, i leader africani devono affrontare, se non un ambiente più stabile, almeno un tasso di uccisione più basso. Sette anni sono passati dall’ultimo attentato, che ha ucciso il presidente Joao Vieira Barnado della Guinea-Bissau. La vecchiaia sembra essere invece oggi la  minaccia più pressante per molti dei vecchi capi di stato dell’Africa. In ogni caso, molti degli stati del continente africano rimangono deboli e pieni di tensioni etniche e tribali, dando ai loro leader motivi di preoccupazione negli anni a venire. Nel bene o nel male, i leader africani hanno diverse opzioni quando sono alla ricerca di soluzioni per la propria sicurezza personale, anche se alcune non sono offerti con le intenzioni più nobili.

Sorgente: The Devious Art of Securing Influence in Africa | Stratfor

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Sub Sahariana

Africa: L’accordo Tripartite Free Trade Area (TFTA)

Due dei più grandi accordi commerciali regionali della storia sono stati concordati lo scorso anno. Il Trans-Pacific Partnership che coinvolge 12 paesi in Asia e nelle Americhe, e si e’

Politica

Obama in Kenya, sono venuto a cercare il mio certificato di nascita

Durante la sua visita in Kenya, il presidente americano scherza sulla sua origine africana, durante la cena di gala.    

Africa Occidentale

11 fatti sorprendenti sul mobile money in Africa

L’utilizzo dei servizi di mobile money in Africa continuerà a crescere, parallelamente alla diffusione di smartphone sempre piu’ a buon mercato. La maggior parte dei due miliardi di persone nel