Kenia: Un software africano per prevenire le frodi nelle elezioni americane

Kenia: Un software africano per prevenire le frodi nelle elezioni americane

La società senza scopo di lucro keniota Ushahidi ha lanciato un sito Web che permette di segnalare irregolarità elettorali nel giorno delle elezioni. I creatori vogliono promuovere la trasparenza – con uno strumento che hanno creato in un momento di spargimento di sangue in Kenia.

Il Kenya era in fermento nella fine del 2007 e all’inizio del 2008. Mwai Kibaki era stato dichiarato il vincitore in una controversa elezione presidenziale che puzzava di frode e corruzione da entrambe le parti. La violenza scoppiata tra i diversi gruppi etnici in tutto il paese ha ucciso almeno 1.000 persone. Era difficile per i media tenere traccia di quello che stava succedendo, perché molti degli omicidi avveniva nelle regioni più remote.

Fu allora che un gruppo di esperti di tecnologia kenioti si sono riuniti e hanno sviluppato Ushahidi, un software crowdsourcing che lascia che le persone segnalino casi di violenza e che vengono tracciati sulla mappa. Ciò ha fornito un quadro molto più completo della situazione di quanto potesse fornire qualsiasi notiziario.

Ushahidi, che significa testimonianza in Kiswahili, ha fatto molta strada da allora. Ora è un’impresa multinazionale di software con sede a Nairobi con circa 30 dipendenti che lavorano in otto paesi. La loro tecnologia è stata utilizzata per tutti i tipi di scopi – dalla risposta al terremoto al giornalismo. E quest’anno, vi aiuterà a monitorare le elezioni americane.
Dal Kenya negli Stati Uniti Ushahidi ha messo su un sito Web speciale, in cui gli elettori possono segnalare eventuali irregolarità o problemi che si possono incontrare nei seggi elettorali. Possono, ad esempio, segnalare se le schede elettorali si sono esaurite o se le persone disabili hanno un accesso difficile alla cabina elettorale – o che tutto procede per il meglio. Ushahidi raccoglie su delle mappe tutte queste informazioni per visualizzare un quadro completo.

“La mia speranza è che, mercoledì, esaminiamo la relazione è che il 99,9 per cento delle segnalazioni dirà: ‘Tutto è andato benissimo!’,” dichiara Nat Manning, Chief Operations Officer di Ushahidi, che ha sede a San Francisco.

Le strutture esistenti per evitare le frodi elettorali negli Stati Uniti già sembrano abbastanza a prova di errore. In diversi Stati, ma anche partiti e osservatori esterni monitoreranno indipendentemente le elezioni. Ma Manning pensa che Ushahidi possa ancora aggiungere qualcosa processo. “Essa permette ai normali cittadini regolari di fare sentire la loro voce. Mette molti piú occhi a monitorare la situazione. “E soprattutto, crea una sensazione di trasparenza e impegno”.

Sono le elezioni americane ‘truccate’ ?
Si è parlato molto di ‘manovre’ e ‘frodi’ nelle prossime elezioni presidenziale, principalmente dal candidato repubblicano Donald Trump.

Ma in realtà, si sono poche prove di frodi commesse su larga scala negli stati uniti. Uno studio del 2014, trovato, per esempio, ci sono stati solo 31 casi di frode attraverso false rappresentazioni tra il 2000 e 2014 – in un totale di oltre 1 miliardo di voti scrutinati. La differenza tra ciò che viene detto e ciò che realmente accade ha spronato gli sforzi di Ushahidi per rendere ancora più trasparente questa elezione.

“Non potevamo restare seduti e permettere alle persone di mettere in dubbio ciò che è veramente una cosa meravigliosa e miracolosa – che usciamo tutti a votare, per fare si che avvenga una transizione pacifica del potere ogni quattro-otto anni”, ha detto Manning.
Qualunque sia l’esito delle elezioni di quest’anno: Ushahidi – uno strumento nato dalla crisi politica in Kenya – contribuirà a mantenere le elezioni trasparenti negli Stati Uniti.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 426 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Occidentale

Dove sara’ il prossimo intervento della Francia in Africa?

Per decenni, la Francia ha mantenuto insolitamente stretti legami con le sue ex colonie in Africa, proteggendo ferocemente i propri interessi attraverso il potere culturale ed economico, operazioni segrete e decine

Economia

Rwanda, al primo posto per accesso al credito

Il Rwanda si classifica in testa ala classifica per accesso al credito in Africa sub-sahariana, seguita da Kenya e Zambia, secondo un rapporto dell’Istituto dei Dottori Commercialisti in Inghilterra e Galles

Politica

In Africa, gli sviluppatori cinesi stanno costruendo una Mini Cina

Alla periferia di Nairobi, in Kenya, un piccolo segno indica che ci troviamo in “Beijing Road”, dove si erge un nuovo complesso residenziale chiamato “Residence la Grande Muraglia”, come se