La Tanzania dovrebbe rifiutare il trattato di libero scambio con al UE

La Tanzania dovrebbe rifiutare il trattato di libero scambio con al UE

I Membri del Parlamento hanno esortato il governo del paese a non sottoscrivere l’accordo di partenariato economico (ape) tra l’Unione europea (UE) egli Stati membri della Comunità dell’Africa orientale (EAC). Sono in corso negoziati tra l’UE e i paesi dell’Africa orientale sopra l’affare di commercio dal 2007 ed e’ stato infine raggiunto un accordo nel 2015.

Tuttavia, l’attuazione dell’accordo è stato ostacolato dai membri del parlamento della Tanzania e dell’Uganda a causa delle preoccupazioni riguardanti le esportazioni dalla EU che nuocciono alle industrie nazionali. L’accordo di libero scambio dovrebbe essere respinta in quanto la versione attuale non è favorevole allo sviluppo economico della Tanzania, questo è quanto emerso durante una discussione parlamentare su martedì.

I legislatori da entrambi i lati del parlamento, sia il partito di governo Chama Cha Mapinduzi (CCM) e i partiti di opposizione hanno sollevato preoccupazioni che l’accordo di libero scambio aprirà i mercati della Tanzania alle esportazioni dell’UE azzerando le tariffe doganali, danneggiando l’economia della nazione. Le esportazioni principali della Tanzania sono prodotti agricoli di base come tabacco, caffè, cotone, anacardi, tè e chiodi di garofano.

La Tanzania, e altri Stati membri della EAC, possono già esportare merce in esenzione di dazio verso i mercati della UE senza fornire all’UE un simile accesso al mercato, perché le economie africane sono considerate in via di sviluppo, piuttosto che avanzate.

le esportazioni verso l’UE nel 2013 sono state pari a €2 .2bn  e consistevano principalmente in caffè, fiori recisi, tè, tabacco, pesce e verdure. Mentre le importazioni dalla UE verso EAC sono state prevalentemente macchine e apparecchi meccanici, attrezzature e ricambi, veicoli e prodotti farmaceutici per €3,5 miliardi.

Nonostante questo partenariato redditizio, i parlamentali della Tanzania hanno esprtato il governo del presidente John Magufuli di rinegoziare l’accordo al fine di proteggere le fiorent industrie del paese. L’EPA con l’UE, così com’è potrebbe costare alla Tanzania tra i $700m e hli 850 milioni di dollari in mancati introiti nei prossimi 25 anni, mentre l’intero del blocco della EAC – Kenya, Uganda, Tanzania, Burundi e Ruanda – potrebbero perdere $3 .7bn, secondo Zitto Kabwe, leader dell’opposizione del partito Alleanza per il cambiamento e trasparenza.

“La parte difficile è che l’Unione europea sa che incorreremo in perdite, ma non sembrano troppo entusiasti ad un quadro di compensazioni”, ha detto. “Dobbiamo essere decisi”.
La Tanzania deve ancora ratificare l’EPA, nonostante che la più grande economia dell’Africa orientale, il Kenya e il Ruanda hanno firmato l’accordo a settembre di quest’anno. Era previsto che il trattato per il commercio fosse firmato e ratificato per ottobre 2016, tuttavia, la Tanzania e l’Uganda hanno non lo hanno ancora approvato.

Alcuni parlamentari della Tanzania, nel frattempo, hanno sollevato le preoccupazioni che un continuo rifiuto dell’EPA potrebbe danneggiare la cooperazione tra l’UE e la Tanzania, in particolare con riguardo agli aiuti. “Sì, stiamo rifiutando questo trattato perché è un male per la nostra economia, ma quanto preparati per affrontare le conseguenze?”, ha detto MP Saada Mkuya, ex ministro delle finanze.”Propongo che si cominci a preparare in anticipo e stanziare fondi nel prossimo bilancio per progetti di sviluppo attualmente finanziati dall’Unione europea.”

Nel frattempo, l’UE ha finalmente implementato un simile accordo di scambio con i paesi dell’Africa australe nel mese di ottobre quest’anno dopo un decennio di negoziati.

Sorgente: Tanzania should reject EU free trade deal, MPs say – African Business Magazine

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 371 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Sudan

Sudan, Cina, accordo per la costruzione del primo reattore nucleare

La China National Nuclear Corporation ha concordato con il Sudan la costruzione del primo reattore nucleare nella nazione africana. Questo accordo e’ solo l’ultimo sforzo della Cina per espandere influenza tecnologica

Uncategorized

Roma G7 Energia, incontro con il ministro Calenda

In Africa 600 milioni di persone vivono senza elettricita’ e la domanda di energia raddoppiera’ da qui al 2030. Di questo discuteranno domenica 9 aprile, presso il museo Maxxi di

Uncategorized

Oleodotto Tanzania-Uganda: Firmato l’accordo per l’inzio dei lavori

Una visita di lavoro di un giorno in Tanzania del presidente dell’Uganda Yoweri Museveni ha spianato la strada alla costruzione dell’oleodotto Hoima-Tanga, lungo 1.445 km. Il presidente Museveni e il