Ghana, Eni sta valutando un investimento nel solare

Ghana, Eni sta valutando un investimento nel solare

Eni sta valutando di investire nel settore delle energie rinnovabili in Ghana. L’azienda italiana e l’Autorità per lo sviluppo di Savannah Accelerated (SADA) valuteranno la fattibilità tecnica ed economica di un impianto solare da 20 a 50 MW nel Nord della Savannah Ecological Zone del Ghana.
SADA è un ente pubblico indipendente e autonomo, con il mandato di fornire un quadro per lo sviluppo globale e a lungo termine del Savannah Ecological Zone del Nord (NSEZ). Il SADAPromuove lo sviluppo agricolo e industriale per ridurre la povertà e colmare il divario tra la parte settentrionale del paese e il sud. Conti Il SADA rappresenta circa il 54,4% della superficie totale del Ghana ed è dotato di enormi potenzialità, non sfruttate in termini di energia solare.

Sorgente: Alternative Energy Africa

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Ghana

Ghana – gli incentivi producono il piú grande impianto solare dell’Africa

Il Ghana è in procinto di  installare il più grande parco solare in Africa e il quarto del mondo. Quando sara completamente installato e attivo, il Progetto Nzema, come viene chiamato,

Energia

Sviluppo del settore LNG in Tanzania, l’esperienza scozzese

Gordon McIntosh, un consulente internazionale del settore Oil & gas, ha esortato il governo della Tanzania ad astenersi dal fascino di dipendere dalle multinazionali per la costruzione di infrastrutture a supporto degli investimenti dei il gas

Africa Occidentale

Europa e USA guidano gli FDI in Africa, la Cina guarda altrove

Molto e’ stato detto e scritto sul crescente interesse della Cina in Africa e degli investimenti cinesi nel continente. Certo, la Cina ha speso somme ingenti in Africa, prevalentemente su