Kenia, una startup lancia “Uber per le ambulanze”

Kenia, una startup lancia “Uber per le ambulanze”

A Nairobi, la maggior parte delle cose possono essere ordinati dal telefono, Uber, un taxi da uno dei numerosi taxi attraverso le app, un conducente boda boda per fare una commissione e la cena da un ristorante dall’altra parte della città o semplicemente generi alimentari dal negozio in fondo alla strada. Presto per i cittadini di Nairobi potranno anche ordinare un’ambulanza dai loro telefoni.

Arrivare a un ospedale per un’emergenza medica può essere un incubo nella capitale del Kenya. La la maggior parte delle ambulanze sono gestiti da aziende private, impiegano in media due ore per arrivare. Il problema non è che non ci sono abbastanza ambulanze o cliniche di emergenza. Nairobi dispone di 20 camere di emergenza e cliniche, così come almeno 100 ambulanze in funzione nella città di circa 3 milioni di ben sopra il numero che l’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda, dove raccomanda 1 ambulanza per ogni 50.000 persone.

Ma i pazienti devono passare attraverso un processo tortuoso, chiamare un centralino di polizia che li collega a una società di ambulanze o chiamando singole ambulanze fino a trovarne una. Il numero di emergenza della polizia spesso non funziona. Senza sistemi di navigazione, gli autisti di ambulanze facilmente si perdono. Nel mese di febbraio, un bambino di tre mesi è morto avendo atteso un’ambulanza per più di cinque ore.

Si tratta di una nicchia, ma importante del mercato, secondo Caitlin Dolkart, uno dei fondatori di Flare, un app per i servizi di emergenza lanciata questo mese. Dolkart e il suo partner Maria Rabinovich, si è avvicinato all’idea di Flare l’anno scorso dopo cinque anni di lavoro nel settore sanitario e tecnologico in Africa orientale. “Si può ordinare Uber o del cibo consegnati a casa tua, ma non è possibile avere un’ambulanza?”, Dice Dolkart.

Per assicurarsi che il lancio proceda senza intoppi, l’introduzione della app st avvenendo in più fasi. In ultima analisi, gli utenti saranno in grado di chiamare un’ambulanza utilizzando l’applicazione o un numero verde. Utilizzando l’app, possono monitorare e comunicare con il team fino al suo arrivo. Gli autisti di ambulanze saranno dotati di smartphone e mappe di Google, con la posizione esatta del pickup e le indicazioni sul traffico. Come Uber, una percentuale sarà prelevata per ogni trasporto effettuato conFlare.

Nella sua fase iniziale, Flare sta integrando un gruppo di società che gestiscono ambulanze e mezzi dei pompieri all’interno della propria piattaforma, che utilizza una mappa centrale per mostrare la disponibilità e le ubicazione dei mezzi di soccorso.

In questo modo gli ospedali non hanno bisogno di chiamare le varie società fino a quando trovano un autista di un’ambulanza disponibile o un camion antincendio. I fornitori ora sapranno dove ogni altro veicolo si trova in città. Entro i prossimi sei mesi Flare sarà disponibile per gli utenti. “Stiamo costruendo l’infrastruttura alla base di un sistema di 911”, dice Dolkart.

Per il momento, la piattaforma si connette gli utenti  più di 50 ambulanze e fino a 10 camion dei pompieri. Flare prevede di espandere la flotta e può anche aggiungere mezzi di sicurezza privata e di polizia. Prima di poter aderire alla piattaforma viene verificato che le ambulanze hanno la loro propria assicurazione e le aziende possiedano la corretta registrazione, certificazione, personale e attrezzature.

Un problema che Flare non risolverà immediatamente è il costo di ambulanze, che sono spesso troppo costoso per molti. Ordinare un’ambulanza può costare tra i 3.500 e 8.500 scellini keniani, ovvero tra $ 35 e $ 85. (Per ora Flare si concentra sui i consumatori della classe media del Kenya, ma sperano che il loro servizio alla possa contribuire a ridurre il costo delle ambulanze a Nairobi.)
Le start-up che si occupano di sanità non hanno tradizionalmente ottenuto molta attenzione da parte degli investitori, in parte a causa del fatto che l’assistenza sanitaria dovrebbe essere un servizio pubblico o fornito da aziende private.

Ora, grazie alla crescita dell’utilizzo degli smartphone, l’urbanizzazione, e al traffico dati piu a buon mercato, la tecnologia nell’assistenza sanitaria, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, sta suscitando più interesse. Flare ha raccolto poco meno di $ 200.000 e sta progettando un’altra raccolta fondi tutto l’anno prossimo. Un start-up indiana ha lanciato Amber Health , un app per chiamare i servizi di emergenza, a Delhi nel mese di marzo, mentre la MUrgency con sede a Dubai  è ora in sette città in Asia e negli Stati Uniti. Anche le ONG stanno scendendo in campo, la Croce Rossa del Kenya ha lanciato la propria applicazione all’inizio di quest’anno.

 

Sorgente: A startup in Kenya is launching “Uber for ambulances” — Quartz


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/africa24/public_html/wp/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

2015: Questo è stato il vero anno del drago cinese in Africa

La Cina sta cercando di posizionarsi come una potenza globale, e per molti versi, l’Africa è un elemento nella costruzione di questo percorso. Fra la grande soddisfazione per l’annuncio all’inizio di dicembre

Ethiopia

Ethiopia, Gibuti: Nuovo oleodotto per 1.15 miliardi

Etiopia e Gibuti hanno firmato un accordo per la costruzione di una pipeline 550 km di prodotti petroliferi raffinati valore di $ 1.55miliardi per collegare i due paesi. Black Rhino Group

Tanzania

Nairobi, Dar Es Salaam e le promesse del settore retail

Kenya e Tanzania sono tra 10 paesi con il più alto potenziale di crescita per le vendite al dettaglio in Africa sub-sahariana, ma la mancanza di materie prime per l’industria manifatturiera