Kenia: previsto un rallentamento della crescita nel 2017

Kenia: previsto un rallentamento della crescita nel 2017

La Banca centrale del Kenya (CBK) ha avvertito che 2017 è probabile che sia un anno difficile con l’economia dovrebbe registrare una contrazione al 5,7 per cento, dal 5,9 per cento l’anno scorso, a causa di siccità, le politiche Trump e Brexit.

“Se questo tempo asciutto persiste allora la crescita dell’economia nel quartiere 1 (gennaio-marzo 2017) sarà meno del previsto,” CBK governatore Patrick Njoroge ha detto ai giornalisti il ​​Martedì.

Keniani sono già accusa il colpo a causa di un aumento dei prezzi dei generi alimentari e mancanza di acqua a causa della siccità prevalente.

L’Ufficio nazionale di statistica del Kenia ha detto Martedì l’inflazione è salita al 6,99 per cento nel mese di gennaio, rispetto al 6,35 per cento nel mese di dicembre a causa dell’aumento dei prezzi alimentari e dell’energia elettrica.

“Stiamo anche cominciando a vedere molto di più la volatilità nei mercati globali a causa dell’incertezza che circonda le nuove politiche del governo degli Stati Uniti”, ha detto il dottor Njoroge.

Il regolatore ha detto abbigliamento e industria tessile del paese si trova di fronte una prospettiva triste dopo politiche protezionistiche proposte del nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump che potrebbe portare alla chiusura di molte aziende e posti di lavoro presso la zona di elaborazione di esportazione (EPZ). La zona economica speciale impiega più di 30.000 persone.

La posta in gioco troppo, la Banca ha detto, è di 160 $ ​​milioni di dollari di rimesse che i keniani che risiedono negli Stati Uniti mandare a casa.

“Siamo in questa epoca di incertezza … Abbiamo assicurato noi, ma non è sufficiente”, ha avvertito il dottor Njoroge.

Il commercio degli Stati Uniti, l’Africa è diminuito significativamente negli ultimi anni, per lo più come il boom scisto Stati Uniti ha ridotto la necessità di greggio africano e si teme che ‘l’America prima’ politica del presidente Trump potrebbe danneggiare un certo numero di paesi africani che ancora beneficiano di Agoa. Tuttavia, gli obiettivi iniziali del signor Trump sembra essere la Cina e Messico.

CBK prevede che il disavanzo delle partite correnti di allargare ad oltre il sei per cento rispetto al 5,5 per cento nel 2016 come il paese continua a importare più di quanto esporta.

Kenya esporta il 5,3 per cento dei suoi prodotti negli Stati Uniti sotto l’African Growth and Opportunity Act (Agoa) di cui il 93 per cento di questi è abbigliamento e tessile.

Nel 2015, il Congresso degli Stati Uniti ha sancito l’estensione del patto commerciale preferenziale con i paesi dell’Africa sub-sahariana da più di 10 anni.

L’accordo commerciale permette ai paesi come il Kenya per esportare le merci verso il mercato degli Stati Uniti, senza pagare le tasse.

Il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca mondiale sono diffidenti nei confronti delle prospettive di crescita dell’economia del Kenya nel periodo fino alle elezioni di agosto.

Sorgente: Kenya’s economic growth to slowdown in 2017 – Business

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 425 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Sudafrica: Le imprese italiane hanno investito oltre un miliardo

Le imprese italiane hanno investito nell’economia del Sudafrica oltre un miliardo di euro, cifra che potrebbe crescere ancora visto l’alto potenziale dell’area. Lo ha affermato il presidente dell’Ice, Riccardo Maria

Tanzania

Tanzania, la banca mondiale mette in guardia contro l’eccessiva dipendenza dalla Cina

La recente dichiarazione di un alto funzionario del governo che la Tanzania otterrebbe la parte del leone di un fondo cinese di 20 Miliardi di dollari per aiutare l’industrializzazione dei

Sud Africa

Le ricche famiglie americane guardano all’Agribusiness in Africa

Ricchi investitori americani, come la famiglia Coors della omonima birra e la famiglia Belk, proprietaria degli omonimi grandi magazzini, fanno parte di un fondo di investimento che e’ alla ricerca di opportunità