SACE: Dave Chalila è il nuovo Responsabile per l’Africa sub-sahariana

SACE: Dave Chalila è il nuovo Responsabile per l’Africa sub-sahariana

SACE (Gruppo Cassa depositi e prestiti) ha nominato Dave Chalila nuovo Responsabile per i mercati dell’Africa sub-sahariana.

Sarà a capo dell’ufficio di SACE a Johannesburg e avrà la responsabilità del business della Società per tutta l’Africa sub-sahariana, presidiando le attività di sviluppo e la gestione dei nuovi clienti. Supervisionerà, inoltre, le attività del desk operativo di SACE a Nairobi.

Dave Chalila arriva in SACE dopo un’esperienza nell’International Finance Corporation – IFC (Gruppo Banca Mondiale) dove è stato a capo delle attività di sviluppo e gestione portafoglio in materia di trade & supply chain finance con banche e imprese di vari settori industriali operative in tutto il continente africano.

Con un solido background nel settore bancario internazionale, Chalila ha ricoperto in precedenza varie posizione di rilievo nel settore corporate & investment banking, dal client relationship management al trade finance, dal risk management allo sviluppo nuovi prodotti.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Kenia: previsto un rallentamento della crescita nel 2017

La Banca centrale del Kenya (CBK) ha avvertito che 2017 è probabile che sia un anno difficile con l’economia dovrebbe registrare una contrazione al 5,7 per cento, dal 5,9 per

East Africa

Gli studenti di MBA africani imparano anche l’anti corruzione

In Africa, i costi MBA insegnano anche l’anti corruzione. Sorgente: African business schools are adding anti-corruption education to their programs – Quartz

Economia

Angola: Eurobond per 1.5 miliardi

L’ Angola ha emesso il suo primo Eurobond con l’obiettivo di raccogliere $ 1,5 miliardi per lo sviluppo economico a lungo termine. La nazione africana, ricca di petrolio, ha emesso