Roma G7 Energia, incontro con il ministro Calenda

Roma G7 Energia, incontro con il ministro Calenda

In Africa 600 milioni di persone vivono senza elettricita’ e la domanda di energia raddoppiera’ da qui al 2030. Di questo discuteranno domenica 9 aprile, presso il museo Maxxi di Roma, Enel Foundation, RES4Africa e Africa-EU Energy Partnership (Aeep) hanno organizzato un evento dal titolo ‘Africa 2030: Empowering the continent through innovation, green tech solutions and capacity building’, promosso dal ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito del G7 Energia.
Obiettivo della conferenza, che conclusa da un intervento del ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, e’ quello di discutere e confrontarsi su politiche, idee, soluzioni tecnologiche e possibili percorsi normativi per un continente ricco di risorse, ma ancora caratterizzato da un limitato accesso all’energia. Rafforzare l’approvvigionamento energetico sostenibile e la disponibilita’ di energia da fonti rinnovabili, rappresenta quindi la chiave per creare opportunita’ di lavoro, consolidare la crescita delle economie locali nei contesti rurali e contribuire in tal modo anche ad accrescere la sicurezza energetica.
La conferenza ha visto ‘l’intervento di rappresentanti istituzionali invitati al G7 Energia, di rappresentanti di Paesi Africani, Ong, Organizzazioni multilaterali, imprese e mondo

accademico. Tra i tanti temi in agenda, la creazione di strategie e dinamiche ‘bottom-up’ per lo sviluppo di nuovi modelli di business e start-up locali innovative, lo studio di meccanismi di de-risking finanziario e la collaborazione tra attori del settore pubblico e privato. “L’Africa e’ importantissima per la nostra espansione nel campo delle energia rinnovabili”, ha dichiarato Francesco Venturini, Responsabile Divisione Energie Rinnovabili di Enel, Enel Green Power e membro del Board di Fondazione Enel. “Si tratta di un continente ricco di risorse, con tassi di crescita economica alti, ma dove la popolazione ha un accesso ancora molto limitato all’energia. In questo contesto, le minigrid che utilizzano batterie e rinnovabili possono costituire una valida soluzione e svolgere un ruolo di catalizzatore dello sviluppo. L’Africa sta diventando sempre di piu’ un grande laboratorio di sperimentazione tecnologica che dara’ un contributo fondamentale al futuro di questo settore”.

L’incontro è stato chiuso dall’intervento del ministro Calenda, che ha evidenziato come i Paesi del G7 riconoscano il grande potenziale dell’accesso all’energia pulita in Africa e ha ribadito l’impegno dell’Italia nel promuovere la ricerca di soluzioni, la cooperazione tecnica e gli investimenti.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 300 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uncategorized

Kenya, presto una centrale nucleare made in China

La Cina è un passo avanti verso l’esportazione della sua prima centrale nucleare progettata e sviluppata in Cina, dopo che la società’ di stato, Cina General Nuclear Power Corp. ha firmato un

Kenya

Kenia: previsto un rallentamento della crescita nel 2017

La Banca centrale del Kenya (CBK) ha avvertito che 2017 è probabile che sia un anno difficile con l’economia dovrebbe registrare una contrazione al 5,7 per cento, dal 5,9 per

Uncategorized

La Tanzania dovrebbe rifiutare il trattato di libero scambio con al UE

I Membri del Parlamento hanno esortato il governo del paese a non sottoscrivere l’accordo di partenariato economico (ape) tra l’Unione europea (UE) egli Stati membri della Comunità dell’Africa orientale (EAC).