Le entrate fiscali del Ruanda scenderanno a $ 1,5 miliardi

Le entrate fiscali del Ruanda scenderanno a $ 1,5 miliardi

La entrate fiscali del Ruanda dovrebbe ridursi a 1,4 trilioni di Rwf (1,5 miliardi di dollari) nel bilancio 2020/2021 da 1,6 trilioni di Rwf (1,6 miliardi di dollari) previsto nel bilancio rivisto del 2019/2020, a seguito della pandemia di Covid-19 che ha bloccato l’economia da marzo.

A causa del blocco dell’economia correlato al Covid-19, si prevede che anche le entrate non fiscali scenderanno a Rwf184,3 miliardi ($ 197 milioni).

Il calo delle entrate ostacolerà drasticamente i progetti di sviluppo pubblico e costringerà il governo a cercare più aiuti e assistenza esteri per sostenere il proprio budget annuale.

Il ministro delle finanze, Uzziel Ndagijimana, ha dichiarato ai parlamentari che il budget totale proposto per 3,400 miliardi di Rwf (3,4 miliardi di dollari) per l’anno fiscale 2020/2021 dovrà essere integrato da sovvenzioni per 492,5 miliardi di rwf (526 milioni di dollari) e prestiti esterni di Rwf783 .4 miliardi (circa $ 837 milioni).

Fonte

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 393 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

La Sharing Economy in Africa

La sharing economy è in crescita in tutto il mondo, e l’Africa non fa eccezione. La nuova tendenza è fornire soluzioni ed offerte per alcune carenze infrastrutturali, e offrire l’accesso a beni

Ghana

Il Ghana e il Ruanda cercano di emulare il modello economico di Singapore

Nel 1995, il Ghana annunciò che entro il 2020 avrebbe raggiunto uno status di reddito medio simile a quello di Singapore. Anche il Ruanda, dice che aspira ad avere lo

Africa Orientale

Apre in Etiopia la prima metro dell’Africa sub-sahariana

Addis Abeba, una città di oltre 4 milioni di persone, dove il modo più tradizionale per spostarsi è in mini pulmini, un incrocio tra un autobus e un taxi, che