Esportazioni di armi russe in Africa: la strategia a lungo termine di Mosca

Esportazioni di armi russe in Africa: la strategia a lungo termine di Mosca

La societa’ statale  russa Rosoboronexport ha annunciato in aprile il primo contratto per la fornitura di barche d’assalto a un paese dell’Africa subsahariana. L’identità del destinatario è ignota. Cosa si sa: si tratta del primo contratto di esportazione di prodotti navali di fabbricazione russa in questa regione negli ultimi 20 anni. Anche se questa notizia potrebbe non aver attirato molta attenzione a livello internazionale, questo nuovo accordo si aggiunge ad un modello: La Russia sta costruendo il suo percorso per prendere piede in Africa e ampliare la sua mappa delle esportazioni di armi nel continente.

Al tempo dell’unione sovietica un importante fornitore, il ruolo della Russia in Africa è diminuito dopo il crollo dell’URSS. Ma nel 2000, la Russia ha fatto di nuovo passi avanti e negli ultimi due decenni è riuscita a diventare il più grande esportatore di armi verso l’Africa. Attualmente, secondo il database del SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute), rappresenta il 49% del totale delle esportazioni di armi verso l’Africa.

Dal 2000 le esportazioni di armi della Russia verso l’Africa sono cresciute in modo significativo. Gli aumenti sono dovuti principalmente alla crescita delle esportazioni di armi della Russia verso l’Algeria.

Finora l’Algeria rimane il maggiore destinatario di armi russe in Africa, seguita da Egitto, Sudan e Angola. Secondo Alexandra Kuimova, ricercatrice del Programma Armi e spese militari del SIPRI, il numero di paesi africani che acquistano armi russe è aumentato negli ultimi due decenni. Nei primi anni 2000, 16 Paesi africani hanno ricevuto armi russe. Tra il 2010 e il 2019, la cifra è salita a 21.

A partire dal 2015, la Russia ha iniziato a vendere armi all’Angola, ricca di petrolio, soprattutto aerei da combattimento ed elicotteri da combattimento. Il governo angolano di Luanda ha mantenuto a lungo forti legami con Mosca, risalenti ai tempi dell’URSS. Nel 1996, la Russia ha cancellato il 70% dei 5 miliardi di dollari (4,56 miliardi di euro) di debito dell’Angola, che era principalmente il risultato di diversi crediti all’esportazione che l’URSS aveva concesso all’Angola per l’acquisto di armi e attrezzature militari sovietiche. Nel nuovo millennio, la Russia è stata una scelta prevedibile per l’Angola per firmare nuovi contratti di armi, e negli ultimi cinque anni, l’Angola è diventata il terzo più grande cliente africano per le armi russe dopo l’Algeria e l’Egitto. Gli altri fornitori di Luanda sono Bulgaria, Bielorussia, Italia e Cina, ma le loro quote sono piccole.

La situazione e’ simile per quanto rigaurda  l’Algeria, il maggiore importatore di armi russe nel continente africano. I collegamenti dell’era sovietica hanno permesso alla Russia di assicurarsi il monopolio dei traffici di armi, e Mosca ha completamente cancellato i 5,7 miliardi di dollari di debito dell’Algeria nel 2006. Nello stesso anno, l’Algeria ha firmato un altro accordo per l’acquisto di armi russe per 7,5 miliardi di dollari.

“I funzionari di questi paesi guardano intrinsecamente a Mosca dai legami dell’era sovietica e Mosca è stata in grado di mantenere la sua influenza”. In alcuni casi, come l’Algeria, lo si fa con la cancellazione del debito; a volte con il sostegno alla costruzione di nuovi impianti, “, dice Paul Stronski, un senior fellow del Carnegie Endowment’s Russia and Eurasia Program.

Il crescente interesse della Russia per l’Africa è definito da ragioni non solo economiche, ma anche politiche e strategiche. La Russia vede l’Africa come un potenziale partner chiave nella visione di un ordine mondiale multipolare.

“Meno europea, meno transatlantica e più concentrata sulle potenze in crescita e sulle regioni in crescita”, ha detto Stronski. È qui che sono stati stabiliti i legami della Russia con paesi come lo Zimbabwe e il Sudan, ha sottolineato.

Lo Zimbabwe è stato oggetto di sanzioni finanziarie da parte dell’Occidente fin dai primi anni 2000. Lo stato sarebbe stato responsabile di violenze, torture e uccisioni degli oppositori del presidente durante l’era dell’ex presidente Robert Mugabe. Nonostante la diffusa condanna internazionale del regime di Mugabe, la Russia è rimasta dalla parte dello Zimbabwe: insieme alla Cina, ha posto il veto alla risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu per un embargo sulle armi nel 2008 e ha criticato le sanzioni occidentali. La Russia esporta in Zimbabwe una serie di materiali sia grezzi che finiti, che vanno dal legno, al grano e ai fertilizzanti, ai materiali stampati, ai vagoni ferroviari e all’elettronica. La Russia, a sua volta, importa caffè e tabacco dallo Zimbabwe.

Le aziende russe sono anche coinvolte in progetti di estrazione di diamanti e oro nel Paese. Secondo Gugu Dube, ricercatore del programma “Minacce transnazionali e criminalità internazionale” dell’Istituto per gli studi sulla sicurezza (ISS) di Pretoria, la Russia ha intensificato le attività di estrazione di risorse come il coltan, il cobalto, l’oro e i diamanti in diversi altri paesi dell’Africa. In Zimbabwe, le aziende russe sono anche coinvolte in una joint venture del progetto Darwendale – estrazione e fusione di uno dei più grandi giacimenti di metalli del gruppo del platino al mondo – la cui produzione è prevista per il 2021.

La Russia ha ospitato il primo vertice Russia-Africa in assoluto a Sochi nel 2019, per individuare ulteriori possibilità di cooperazione in tutto il continente. Durante il vertice, il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che “il rafforzamento dei legami con i Paesi africani è una delle priorità della politica estera russa”.

Gli accordi sulle armi sono stati al centro dell’attenzione del vertice. I delegati africani sono stati invitati a mostre di armi russe: dal jet subsonico Yakovlev Yak-130, al sistema missilistico Pantsir, ai sistemi missilistici terra-aria Tor-M2KM, fino alle armi più piccole, tra cui un nuovo fucile d’assalto Kalashnikov della serie AK-200. Questa mostra ha dimostrato che la Russia non mira a offrire nuove tecnologie dirompenti nelle armi, ma si concentra invece sul miglioramento dei modelli più richiesti.

Questi includono aerei, missili, carri armati, sistemi di difesa aerea e artiglieria. Ad esempio, solo l’Algeria ha acquistato circa 200 articoli per aerei dalla Russia dal 2000 al 2009, che vanno dagli elicotteri da trasporto agli elicotteri da combattimento, ai bombardieri e ai caccia da terra. Vari modelli di missili terra-aria (SAM) progettati per distruggere aerei o altri missili sono stati ordinati dall’Algeria (diversi ordini fino al 2000-2019), dal Burkina Faso, dall’Egitto (diversi ordini), dall’Etiopia, dalla Libia e dal Marocco. L’Algeria ha ordinato anche carri armati (più di 500 pezzi in totale), così come l’Uganda (67 pezzi).

Nei documenti strategici della Russia pubblicamente disponibili, emerge il suo concetto di politica estera e la sua dottrina di difesa. Gli Stati africani sono definiti come appartenenti a un continente instabile e costituiscono una minaccia internazionale alla luce delle attività dei gruppi terroristici, in particolare nella regione nordafricana. Tali documenti evidenziano gli obiettivi della Russia di espandere l’interazione con l’Africa sviluppando relazioni commerciali ed economiche vantaggiose e sostenendo la prevenzione dei conflitti regionali e delle crisi.

Questa continua instabilità alimenta un mercato continuo di armi – e per la Russia l’Africa rappresenta un mercato importante senza i limiti sotto forma di sanzioni economiche provenienti dall’Occidente dopo l’annessione della Crimea. L’Africa è il continente in cui la Russia può spingere liberamente uno degli elementi chiave delle sue esportazioni: le armi. Il commercio di armi rappresenta il 39% delle entrate dell’industria russa della difesa.

“Le armi russe sono buone. È universalmente riconosciuto. Le armi russe sono anche più economiche. Non c’è ragione per cui i Paesi africani non vogliano comprarle”, dice Irina Filatova, docente di storia alla Scuola superiore di economia di Mosca e professore emerito dell’Università di KwaZulu-Natal, specializzata in storia e relazioni russo-africane.

Rispetto ad altri grandi attori, gli accordi sulle armi con la Russia non richiedono condizioni politiche o di rispetto dei diritti umani. In alcuni casi, la Russia è riuscita a colmare il vuoto che si è creato quando i fornitori europei o americani ne sono usciti.

Ad esempio, nel 2014, i soldati governativi in Nigeria sono stati accusati di abusi dei diritti umani contro i sospetti nella lotta del Paese contro Boko Haram. In seguito, gli Stati Uniti hanno annullato una spedizione di elicotteri d’attacco, anche se l’accordo era già stato firmato. Nello stesso anno, la Nigeria ha ordinato e ricevuto sei elicotteri da combattimento Mi-35M dalla Russia.

L’Egitto è un caso simile. Dopo un colpo di stato militare nel 2013, gli Stati Uniti hanno iniziato a tagliare gli aiuti militari e le forniture di armi al Paese. Questo ha lasciato alla Russia (insieme alla Francia, un altro importante esportatore di armi) un’opportunità aperta; il Paese ha rapidamente intensificato i trasferimenti di armi verso l’Egitto. Dal 2009 al 2018, la Russia ha rappresentato il 31% delle importazioni di armi importanti dall’Egitto.

Secondo Kuimova, gli affari di armi con la Russia sono generalmente veloci. Se un certo paese ha bisogno di armi subito e la Russia le ha, la Russia sarà in grado di fornirle. Ciò che gioca anche a suo favore è la mancanza di pressione da parte dei gruppi della società civile locale per tracciare le vendite di armi. L’industria della difesa russa è segreta; la legge non obbliga le aziende a riferire sulle esportazioni di armi in quanto tali, e di solito queste informazioni rientrano nelle leggi sulla segretezza dello stato. Una generale mancanza di dati e di trasparenza ha creato una situazione in cui i gruppi della società civile per il monitoraggio del commercio di armi semplicemente non esistono.

Per ora, la Russia sembra essere sicura nei suoi mercati di armi in Africa. Tuttavia, gli esperti vedono il potenziale della Cina, che sta diventando  un attore più importante per le forniture di armi in Africa. Attualmente, la Cina rappresenta il 13% delle esportazioni di armi verso il continente.

“La Cina ha migliorato la qualità e la quantità di ciò che vende. Inoltre, fa anche il reverse-engineering delle armi russe”. Dal 2014, la Russia condivide la tecnologia militare sensibile come parte dei suoi crescenti legami con la Cina”, ha detto Stronski.

Kuimova aggiunge che oggi la Cina è in grado di produrre e offrire tutti i tipi di armi. “La Cina sta generalmente crescendo come esportatore di armi e sta seguendo un percorso simile a quello della Russia, fornendo armi con meno condizioni politiche”, ha spiegato.

La ricercatrice Filatova non vede la Cina come una minaccia per le armi russe in Africa, tuttavia – a suo parere, i principali concorrenti per le armi russe rimarranno gli stessi: gli Stati Uniti e la Francia. Definisce l’interesse della Cina per l’Africa come prevalentemente economico e dice che “la concorrenza della Russia in Africa in questo senso è già persa” – perché economicamente la Russia non è in grado di offrire quello che può offrire la Cina. Mosca si concentra invece sull’esportazione di risorse naturali e sul blocco dei traffici di armi. Per gli importatori di armi, il passaggio ad altri fornitori è costoso, quindi è molto probabile che la Russia possa garantire nuovi accordi con i suoi acquirenti di armi anche in futuro.

Fonte

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 373 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Angola

SACE per l’export italiano in Angola: accordo con Ministero delle Finanze e linea di credito da USD 200 mln per Sonangol

  Accordo con Ministero delle Finanze angolano Accordo con Ministero delle Finanze angolanoL’amministratore delegato di SACE Alessandro Castellano e il Ministro delle Finanze angolano Armando Manuel hanno firmato, alla presenza

Ethiopia

In Etiopia, Obama e gli stati uniti restano nell’ombra della Cina

In Ethiopia, Obama and the United States stand in China’s long shadow US president Barack Obama speaks at the National Palace in Addis Ababa, Ethiopia. When US president Barack Obama

Kenya

Il Kenia guarda ai turisti dell’Africa Orientale

Il Kenya ha annunciato una campagna di marketing da 1.5 Milioni di Dollari nel tentativo di invertire il calo dei visitatori dai pesi dell’Africa orientale, doppio successo di una simile campagna dello