KENYA: Cinque aziende selezionate per la centrale geotermica di Olkaria VI

KENYA: Cinque aziende selezionate per la centrale geotermica di Olkaria VI

La Kenya Electricity Generating Company (KenGen) sta fornendo i risultati delle qualificazioni avviate nel novembre 2019 per lo sviluppo del progetto geotermico Olkaria VI. Il più grande produttore di energia elettrica del Kenya ha selezionato cinque offerenti per questa gara d’appalto. Si tratta di Ormat Technologies Inc, Itochu Corporation, Sumitomo Corporation ed Enel Green Power. Queste società concorreranno per la seconda fase della gara con un consorzio composto da Engie Energy Services, Toyota Tsusho Corporation, Kyuden International Corporation e DL Koisagat Tea Estate. La seconda fase di qualificazione si svolgerà nel giugno 2020. L’aggiudicatario costituirà una joint venture con KenGen per lo sviluppo del progetto geotermico Olkaria VI nella Rift Valley nel Kenya occidentale. KenGen deterrà quindi una partecipazione del 25% nella futura joint venture. Quest’ultima firmerà poi un contratto di fornitura di vapore con KenGen, che ha già perforato diversi pozzi geotermici nel sito del progetto. Il progetto geotermico Olkaria VI porterà alla costruzione di una centrale a vapore con una capacità di 140 MWe. L’impianto sarà adiacente alla centrale geotermica Olkaria II, entrata in funzione nel 2010 e con una capacità di 105 MWe. La società costituita per finanziare, costruire e gestire la futura centrale Olkaria VI firmerà un accordo di acquisto di energia elettrica (PPA) con la società statale Kenya Power (KPLC).

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 371 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Uncategorized

Sudan, Cina, accordo per la costruzione del primo reattore nucleare

La China National Nuclear Corporation ha concordato con il Sudan la costruzione del primo reattore nucleare nella nazione africana. Questo accordo e’ solo l’ultimo sforzo della Cina per espandere influenza tecnologica

Sierra Leone

Sierra Leone: Joule Africa ottiene 6 milioni di dollari da InfraCo per la diga Bumbuna II (143 MW)

In Sierra Leone, il progetto idroelettrico Bumbuna II ha ricevuto 6 milioni di dollari di sostegno finanziario da InfraCo. L’organizzazione sosterrà anche lo sviluppatore Joule Africa nella mobilitazione finanziaria del

Africa Centrale

Moratti, Sace e Fondazione E4Impact: Investire Nelle Filiere Agro-Industriali In Africa

Nel nuovo contesto di sviluppo degli interscambi tra Italia e Paesi africani, favorito dalle recenti missioni governative nel continente africano, si è tenuto a Lodi un incontro per verificare come