Kenya verso la tassazione dei servizi dei colossi digitali

Kenya verso la tassazione dei servizi dei colossi digitali

Se convertita in legge, l’autorità fiscale del Kenya (KRA) inizierà a riscuotere le tasse dalle piattaforme di taxi-hailing online, dai siti di streaming o da qualsiasi altro fornitore del mercato digitale nella sua proposta di Regolamento sull’Imposta sul Valore Aggiunto.

Secondo KRA, aziende come Uber Technologies Inc, la società madre di Google Alphabet Inc e Netflix Inc sono tenute a registrarsi per l’imposta sul valore aggiunto o a nominare un rappresentante fiscale prima di poter operare, in futuro. “Al momento della registrazione, al richiedente deve essere rilasciato un numero di identificazione personale ai fini del deposito e del pagamento dell’IVA maturata sulle forniture del mercato digitale”, si legge in una sezione della proposta di regolamento.

Le aree che il KRA sta cercando sottoporre a tassazione includono contenuti digitali scaricabili, tra cui il download di applicazioni mobili, e-book e film; media basati su abbonamento, tra cui notizie, riviste, giornali, streaming di spettacoli televisivi e musica, podcast e giochi online. Programmi software che includono il download di software, driver, filtri per siti web e firewall. Gestione elettronica dei dati, compreso l’hosting di siti web, il data warehousing online, la condivisione di file e i servizi di cloud storage. Fornitura di musica, film e giochi. Fornitura di motori di ricerca e servizi di helpdesk automatizzati, compresa la fornitura di servizi di motori di ricerca personalizzati. Biglietti acquistati per eventi dal vivo, teatri, ristoranti acquistati tramite internet. Fornitura di insegnamento a distanza attraverso un supporto pre-registrato o e-learning, compresa la fornitura di corsi e formazione online. Fornitura di contenuti digitali per l’ascolto, la visione o la riproduzione su qualsiasi supporto audio, visivo o digitale.

Il Kenya fa parte del Mutual Inclusive Framework dell’OCSE che sta attualmente discutendo la questione della tassazione del business dei servizi digitali. L’introduzione in Kenya della tassa sui servizi digitali sembra aver anticipato l’esito di queste discussioni. Inoltre, la tassa sui servizi digitali potrebbe rappresentare un ostacolo significativo all’avvio di qualsiasi discussione tra il Kenya e gli Stati Uniti in relazione al previsto Accordo di libero scambio.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 335 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Kenya

Ethiopia, la nuova frontiera del tessile, la nostra intervista con Madeleine Rosberg

Negli ultimi anni, si e’ parlato molto di produzione tessile in Ethiopia, con i major player europei che hanno iniziato a produrre nel paese, mentre le major americane stanno valutando

Sud Africa

Sud Africa – Dal prossimo anno si potrà studiare il cinese nelle scuole pubbliche.

A partire dal gennaio 2016, gli alunni delle scuole sudafricane potranno scegliere mandarino come lingua supplementare. Il cinese e’ stato aggiunto come parte del curriculum scolastico da una nota del ministero

Africa Orientale

2015: Questo è stato il vero anno del drago cinese in Africa

La Cina sta cercando di posizionarsi come una potenza globale, e per molti versi, l’Africa è un elemento nella costruzione di questo percorso. Fra la grande soddisfazione per l’annuncio all’inizio di dicembre