Nigeria, la fine del prezzo sovvenzionato del carburante

Nigeria, la fine del prezzo sovvenzionato del carburante

La Nigeria, nonostante sia il più grande produttore di petrolio dell’Africa, la Nigeria, membro dell’OPEC, ha una capacità di raffinazione limitata ed effettivamente importa la maggior parte dei suoi prodotti raffinati, compreso il carburante.

Il crollo dei prezzi del petrolio e il crollo delle entrate statali hanno visto le autorità nigeriane porre fine a un controverso sistema di sussidi per i combustibili a lungo criticato come uno spreco di risorse per le finanze pubbliche, riferisce l’AFP.

Ma ci sono forti dubbi sul fatto che il paese più popoloso dell’Africa sia finalmente pronto a rinunciare a un sistema che ha aiutato alcuni, in alto loco, a sottrarre miliardi di dollari delle casse del governo.

Il sistema di sovvenzioni per il carburante è stato descritto come una rete tentacolare di clientelismo e cattiva gestione che racchiude la disfunzione che affligge la potenza continentale. Quel carburante viene poi venduto a un tasso sovvenzionato in un sistema opaco che mira a mantenere felici i nigeriani medi – ma ha anche lasciato molto spazio alla corruzione da parte di funzionari e operatori commerciali.

Negli ultimi mesi, la crisi del coronavirus e le turbolenze in tutto il mondo hanno sconvolto tutto questo. Il calo del prezzo mondiale del petrolio significa che il carburante proveniente dall’esterno non ha più bisogno di essere sovvenzionato, così come le entrate statali nigeriane hanno subito un duro colpo.
Approfittando del crollo per salvare le sue tanto necessarie riserve, le autorità nigeriane hanno annunciato la fine del vecchio sistema in aprile.

“Non ci sono sovvenzioni e saranno azzerate per sempre”, ha detto Mele Kyari, il capo della Nigeria National Petroleum Corporation, gestita dallo stato. D’ora in poi, i funzionari si sono ripromessi che il mercato determinerà il costo alla pompa.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 335 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Nigeria

Dovrebbero le scuole africane smettere di insegnare in Inglese?

Nel mese di ottobre 2015, Ministro dell’Istruzione del Ghana, il Dr. Jane Naana Opoku Agyemang ha annunciato l’intenzione del governo del Ghana di cambiare la lingua di insegnamento. La Tanzania ha

Economia

Cemento: il nuovo petrolio dell’Africa.

L’uomo più ricco dell’Africa, Aliko Dangote, sta cercando di diventare il leader del mercato del cemento, la materia prima che si trova al centro del boom delle infrastrutture nell’intero continente Africano.

Repubblica Democratica Del Congo DRC

Congo DRC, prosegue il progetto della Grand Inga Dam

Nonostante la sfida del coronavirus nel Paese, la Repubblica Democratica del Congo sta procedendo con i piani per offrire il progetto della diga di Grand Inga al continente. In occasione