Unione Africana, ridurre le importazioni di cibo in Africa

Unione Africana, ridurre le importazioni di cibo in Africa

Triplicare il commercio intra-africano di prodotti agricoli di prima necessità è uno degli obiettivi della Dichiarazione di Malabo del 2014, impegnata a sviluppare l’agricoltura e a migliorare la sicurezza alimentare entro il 2025, ha dichiarato la settimana scorsa Josefa Sacko dell'”Intelligence” della Banca Mondiale,

Ammettendo che le importazioni di cibo in Africa sono molto elevate, l’ambasciatore spera che con l’effettiva attuazione dell’Area di libero scambio continentale africana (AfCFTA), il commercio intra-africano di beni e servizi agricoli aumenterà.

Poiché l’integrazione regionale è fondamentale per l’assistenza della Banca Mondiale, l’Unione Africana crede fermamente in essa come fondamento per l’integrazione delle sue otto comunità economiche, del continente e, allo stesso tempo, per il successo dell’AfCFTA.

Il Commissario ha dichiarato che viene fornito sostegno anche agli Stati membri dell’Unione Africana per sviluppare politiche e strategie volte a ridurre del 50% le perdite alimentari post-raccolta entro il 2025, poiché “Più cibo risparmiato significa una minore spesa per l’importazione di cibo”.

Nell’intervista, Josefa Sacko ha indicato che circa il 75% della popolazione africana vive nelle zone rurali e lavora principalmente nel settore agricolo, sottolineando che ciò comporta la necessità di rendere le zone rurali attraenti, soprattutto per i giovani.

L’intenzione, ha detto, è quella di trasformare l’agricoltura da mera fonte di sussistenza ad un’attività commerciale, indipendentemente dalle sue dimensioni, affinché le piccole aziende agricole siano più produttive, aumentino il valore della produzione agricola e promuovano le industrie agro-industriali di trasformazione.

Il funzionario ritiene che, in questo modo, si eviterà l’esodo dei giovani dalle aree rurali a quelle urbane.

“Gli immigrati non qualificati costituiscono la maggioranza dei poveri dei nostri centri urbani, che lasciano le zone rurali dirette verso le città in cerca di opportunità di lavoro”, ha chiarito.

Per invertire la tendenza, il funzionario ha parlato di politiche come la promozione della sicurezza della proprietà fondiaria per mantenere, soprattutto le donne, nelle zone rurali.

L’Africa punta a registrare almeno il 30% delle terre di proprietà delle donne entro il 2025, ha sottolineato il funzionario.

D’altra parte, Josefa Sacko ha sottolineato che nei prossimi anni l’UA intende rafforzare la collaborazione e la partnership con la Banca Mondiale per trasformare l’agricoltura africana al fine di raggiungere gli obiettivi di Malabo, così come gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Angola

La Nigeria e l’Angola chiedono aiuto alla Banca Mondiale

La Nigeria e l’Angola, i due più grandi produttori di petrolio dell’Africa, sono entrambi in trattative con la Banca mondiale per ricevere un supporto per fronteggiare i bassi prezzi del greggio, che hanno

Nigeria

Nigeria, Panda Bond per finanziare il budget 2016

La Nigeria sta valutando la vendita di obbligazioni Panda cinesi per aiutare a finanziare un budget record, volto a rilanciare la più grande economia dell’Africa, economia che sta soffrendo dal crollo

Politica

Gli Stati Uniti e le nuove relazioni commerciali con l’Africa

Dopo che lo scorso anno il presidente Barack Obama ha esteso l’accesso preferenziale per le nazioni africane ai mercati degli Stati Uniti per dieci anni, la sua amministrazione sta rivalutando