Covid19, I paesi africani stanno facilmente ottenendo un rinegoziamento dei debiti dalla Cina

Covid19, I paesi africani stanno facilmente ottenendo un rinegoziamento dei debiti dalla Cina

I paesi africani possono ottenere la cancellazione del debito dalla Cina più facilmente rispetto ai creditori privati in un momento di crisi globale per attenuare l’impatto economico della pandemia di coronavirus sulle nazioni povere, come dimostra la Johns Hopkins University.

La Cina ha cancellato 3,4 miliardi di dollari e ha ristrutturato o rifinanziato circa 15 miliardi di dollari di debito in Africa nell’ultimo decennio senza imporre sanzioni o confiscare beni ai debitori, si legge. Lo studio è stato pubblicato il giorno dopo che il presidente cinese Xi Jinping ha promesso di cancellare i prestiti governativi senza interessi e di ristrutturare alcuni impegni commerciali dei paesi africani.

Un’analisi di oltre 1.000 prestiti cinesi, tra cui ristrutturato Mozambico e Repubblica del Congo debito, “suggeriscono che gli accordi sono stati più facili da raggiungere con i creditori cinesi che con i creditori privati”, i ricercatori Kevin Acker, Deborah Brautigam e Yufan Huang ha detto nello studio pubblicato.

In qualità di maggiore singolo creditore del continente, la Cina è vista come la chiave del successo del piano del Gruppo delle 20 economie leader di congelare quest’anno circa 11 miliardi di dollari di pagamenti del debito dei paesi poveri. L’iniziativa si è tuttavia mossa lentamente, con meno di un quarto dei 73 paesi ammissibili che hanno ottenuto la cancellazione del debito.

I risultati dello studio evidenziano le difficoltà di cambiare i termini delle obbligazioni internazionali che hanno una proprietà più disparata. Il debito statale, invece, può spesso essere rinegoziato in base a condizioni politiche. Alcuni finanziatori multilaterali e creditori privati sono stati riluttanti a concedere un alleggerimento generale del debito, citando le preoccupazioni per i declassamenti del rating e gli obblighi finanziari. Xi, parlando in video conferenza con i leader africani, ha esortato la comunità internazionale a “agire con più forza” sulla riduzione del debito e la sospensione per l’Africa.

La Cina ha promesso più di 150 miliardi di dollari in prestiti all’Africa tra il 2000 e il 2018, secondo la China Africa Research Initiative di Johns Hopkins. Questo rappresenta circa il 20% degli obblighi esterni del continente, secondo i calcoli della Jubilee Debt Campaign, un gruppo con sede a Londra che sostiene il sostegno ai Paesi poveri.

Tuttavia, i termini di gran parte di quel debito sono stati opachi e anche i futuri negoziati per i riscadenziamenti secondo lo studio.

“Il successo del sostegno dipenderà se questi paesi hanno progetti commercialmente validi che possono sostenere la loro ripresa economica, altrimenti, se non un alleggerimento, è da considerarsi solo un ritardo di le loro difficoltà”, ha detto Kaho Yu, analista senior dell’Asia con rischio società di consulenza Verisk Maplecroft.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 373 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Economia

Il Kenia si prepara ad un nuovo Eurobond

Il Kenya potrebbe diventare il primo paese africano ad affacciarsi sui mercati internazionali quest’anno, in quanto sta cominciano un roadshow questa settimana, ma il finanziamento degli Eurobond rischia di rimanere

Nigeria

E-commerce in Africa, il caso MallForAfrica

MallforAfrica è un servizio online che consente ai clienti in Africa di accedere all’ecommerce mondiale, ed avere i prodotti consegnati a casa. Molti negozi on line Americani ed Europei non spediscono

Africa Sub Sahariana

L’Africa ha più grandi imprese di quanto si immagini

McKinsey & Co. Inc. ha identificato 700 aziende africane con un fatturato annuo di più di $ 500 milioni, molte dei quali sono in crescita e stanno reinvestendo gli utili,