La Tanzania diventa un paese a medio reddito

La Tanzania diventa un paese a medio reddito

La Tanzania è stata classificata, dalla Banca Mondiale come paese a reddito medio-basso a partire dal 1° luglio, uno sviluppo che è stato celebrato in modo particolare dalle autorità e da uno strato rappresentativo della popolazione tanzaniana.

Secondo la Banca Mondiale, la Tanzania è tra i sette Paesi che questo mese sono passati ad una categoria superiore, mentre altri tre sono scesi nel loro status economico per il 2019.

Il paese ha raggiunto questo obiettivo cinque anni prima del previsto.

Gli economisti hanno detto che il raggiungimento dello status di reddito medio è “un passo avanti” nel processo di sviluppo nazionale, ma hanno aggiunto che questo ha avuto sia vantaggi che svantaggi.
“La categorizzazione riflette il miglioramento nella riduzione della povertà, ed è un passo avanti nello sviluppo del paese”, ha detto il Prof. Delphin Rwegasira del Dipartimento di Economia dell’Università di Dar es Salaam.
“Per un Paese, il passaggio ad uno status di reddito medio-basso aumenta il suo merito creditizio, e questo è un bene per la Tanzania, che ha ambiziosi piani di crescita”, ha detto.

La Banca Mondiale classifica le economie mondiali in quattro gruppi di reddito: paesi a basso, medio-basso, medio-alto e alto reddito. Le classificazioni vengono aggiornate il primo luglio di ogni anno e si basano sul reddito nazionale lordo ( GNI) pro capite – la quantità totale di denaro guadagnato dal popolazione e dalle imprese di una nazione divisa per la sua popolazione.
Il GNI comprende il prodotto interno lordo della nazione più il reddito che riceve da fonti estere.
Il dottor Abel Kinyondo, docente dell’Università di Dar es Salaam, ha detto che gli individui hanno bisogno di festeggiare con cautela perché potrebbero non vedere alcun cambiamento.

“Il problema con le medie è che a volte possono essere fuorvianti generalizzando il reddito di ogni tanzaniano, mentre in realtà il divario tra ricchi e poveri è molto grande”, ha detto.

La Tanzania si è qualificata per lo status di reddito medio-basso dopo che il suo RNL pro capite è salito a 1.080 dollari nel 2019 da 1.020 dollari nel 2018, secondo l’elenco aggiornato.

I Paesi a reddito medio-basso hanno un GNI pro capite compreso tra i 1.036 e i 4.045 dollari.
“Per un Paese, questa è una pietra miliare perché attira credito favorevole, oltre che investitori stranieri, grazie alla sensazione che il tenore di vita e i consumi siano migliorati”, ha detto il Prof. Honest Ngowi dell’Università di Mzumbe.

“Dal lato negativo, la Tanzania sarà considerata ormai matura e quindi non potrà accedere ad alcune sovvenzioni e ad alcuni prestiti agevolati che ha ricevuto come paese a basso reddito”, ha detto.
Secondo lui, la categorizzazione è più vantaggiosa per il Paese rispetto ai singoli cittadini che non vedranno cambiamenti significativi nella loro vita.

Il presidente John Magufuli ha espresso il suo entusiasmo a seguito della nuova categorizzazione da parte della Banca Mondiale, ringraziando i tanzanianiani per il risultato.

“Mi congratulo con tutti i miei compatrioti per questo storico risultato. Avevamo previsto di raggiungere questo status entro il 2025, ma con grande determinazione, questo è stato possibile nel 2020. Dio benedica la Tanzania”, ha postato il dottor Magufuli su Twitter.
Ma gli economisti ritengono che la Tanzania dovrà affrontare un percorso impegnativo per raggiungere l’apice di questo status”.

“La Tanzania ha fatto bene negli ultimi quindici anni ma deve accelerare la crescita all’8-10 per cento. Credo che gli attuali investimenti in infrastrutture e il miglioramento dell’ambiente imprenditoriale miglioreranno lo sviluppo”, ha detto il Prof. Rwegasira.

Altri dicono che la Tanzania dovrebbe ridurre le disuguaglianze in modo che la crescita dell’economia sia condivisa a tutti i livelli, senza tralasciare gli altri.
“Abbiamo bisogno di un’economia inclusiva in cui non solo pochi settori domineranno la crescita economica. In questo modo, le persone vedranno un miglioramento nella loro vita”, ha detto il dottor Kinyondo.

Il direttore della politica e dell’advocacy di Confederation of Tanzania Industries (CTI), Akida Mnyenyelwa, ha detto che l’ingresso nello status di reddito medio è una buona notizia per gli industriali che, ha aggiunto, sono parte del successo.

Ciò significa che il merito di credito del nostro Paese migliorerà e gli investitori industriali avranno l’opportunità di ottenere prestiti all’esterno”. Ritengo che più finanziatori si fideranno di noi e che la Tanzania attirerà più investitori”, ha detto.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Nigeria: Faresin Building cresce nel paese con SIMEST
Nigeria

Nigeria: Faresin Building cresce nel paese con SIMEST

SIMEST, società del polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, rafforza la penetrazione in Nigeria della Faresin Building di Vicenza, primo produttore italiano di sistemi per l’edilizia industrializzata e tra

Tanzania – Scheda Paese
Tanzania

Tanzania – Scheda Paese

L’economia della Tanzania ha continuato a funzionare bene, registrando una crescita del 7,3% nel 2013, rispetto al 6,9% nel 2012, guidato da dell’informazione e comunicazione, costruzioni, la produzione e altri

Tanzania, African Development Bank: approvato nuovo prestito per 1.1 miliardi di dollari
Economia

Tanzania, African Development Bank: approvato nuovo prestito per 1.1 miliardi di dollari

La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha approvato un pacchetto di prestiti del valore di $ 1,1 miliardi in Tanzania da erogare nell’arco di cinque anni per finanziare progetti infrastrutturali