Kenia, verso il blocco definitivo dell’import di abiti usati

Kenia, verso il blocco definitivo dell’import di abiti usati

In Kenya, l’industria tessile locale vuole un divieto definitivo di importazione di abbigliamento di seconda mano per incrementare la produzione locale. La misura è stata temporaneamente imposta lo scorso marzo per limitare la diffusione del coronavirus.

L’industria tessile locale sta esortando il governo a mantenere il divieto permanente di importazione di abbigliamento di seconda mano per incrementare la produzione locale. Imposta lo scorso marzo, questa misura temporanea mira a limitare la diffusione del coronavirus nel paese.

Secondo diversi operatori intervistati da Businessdailyafrica, questa restrizione commerciale rappresenta un’opportunità unica per rilanciare il comparto del tessile-abbigliamento, la cui crescita è ostacolata dai prodotti a basso costo.

“Gli operatori locali hanno la capacità di offrire ai consumatori prodotti a prezzi accessibili in un ambiente che offre economie di scala”, dice Beatrice Mwasi dell’organizzazione keniota LASK.

Gli osservatori dubitano che questo appello riceverà una risposta favorevole dal governo keniota. In effetti, il Paese si è già tirato indietro su questo tema qualche anno fa, di fronte alla minaccia di esclusione degli Stati Uniti dall’AGOA a seguito di una denuncia dell’American Secondary Textile Materials Industry Association (SMART).

Recentemente, la SMART ha anche criticato il divieto temporaneo di importazione di capi di abbigliamento usati, mettendo in dubbio l’effettiva trasmissione del virus attraverso i capi di abbigliamento.

Ricordiamo che il Kenya ha speso 17,8 miliardi di scellini (167 milioni di dollari) per l’importazione di abbigliamento di seconda mano nel 2019.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 356 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Senegal

Il dentale in Africa: prospettive e strategie

Il 5 novembre nella sede milanese di UNIDI è stata presentata la ricerca di mercato sul settore dentale in Africa. La ricerca, commissiona da ICE e condotta da Rödl & Partners

Rwanda

Rwanda, eliminazione dei visiti per gli Africani entro il 2018

Il  Rwanda prevede di rimuovere l’obbligo di visto per i cittadini africani in viaggio verso il paese entro il 2018, al fine di attrarre più investitori e turisti dal continente.

Slider

Nigeria: Faresin Building cresce nel paese con SIMEST

SIMEST, società del polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, rafforza la penetrazione in Nigeria della Faresin Building di Vicenza, primo produttore italiano di sistemi per l’edilizia industrializzata e tra