Chakwera , Chi e’ il nuovo presidente del Malawi

Chakwera , Chi e’ il nuovo presidente del Malawi

DW fornisce un ritratto del nuovo presidente del Malawi, Lazarus Chakwera

Lazarus Chakwera ha trascorso gran parte della sua vita come teologo. Ora è il nuovo presidente del Malawi.

Il leader dell’opposizione del Malawi, Lazarus Chakwera, ha vinto le elezioni del Malawi per diventare il nuovo presidente del Paese.

La Commissione elettorale del Malawi lo ha dichiarato vincitore sabato, con il 58,57% dei voti, davanti al presidente in carica Peter Mutharika. Mutharika, che è al potere dal 2014, ha vinto con il 38% dei voti nelle discusse elezioni dello scorso anno, in cui Chakwera ha ottenuto il 35%. Mutharika ha anche prestato giuramento al governo, ma le prove di irregolarità elettorali hanno poi portato alla revoca dei risultati da parte dei tribunali.

L’eliminazione della vittoria di Mutharika nel 2019 da parte del tribunale è stata storica in quanto ha reso il Malawi il secondo Paese dell’Africa subsahariana ad avere i risultati dei sondaggi presidenziali cancellati, dopo il Kenya nel 2017.

Una strada impervia verso le elezioni del 2020

Sia la Corte costituzionale che la Corte suprema hanno criticato duramente il modo in cui la Commissione elettorale del Malawi ha gestito le elezioni, giudicando incompetenti la presidente Jane Ansah e i suoi commissari.

I risultati delle elezioni del 2019 hanno anche scatenato mesi di proteste a livello nazionale, chiedendo nuove elezioni e chiedendo la rimozione dell’Ansah.
Quando Ansah ha finalmente ceduto e ha rassegnato le dimissioni nel maggio di quest’anno, Mutharika ha risposto nominando l’ex giudice dell’Alta Corte Chifundo Kachale come nuovo presidente, che ha promesso che la ripetizione di martedì sarebbe stata una ripetizione libera, equa e credibile.

Il presidente in carica Peter Mutharika ha nominato un nuovo capo della Commissione elettorale del Malawi e si è candidato alla ripetizione delle elezioni del 2020. Nonostante Kachale fosse molto apprezzato sia dall’opposizione che dal partito al potere, molti temevano che il peso politico di Mutharika, il cui fratello Bingu wa Mutharika è stato presidente del Malawi dal 2004 fino alla sua morte nel 2012, gli avrebbe comunque permesso di mantenere il potere.
Questi timori si sono rivelati infondati con la vittoria di Chakwera.

Chi è Chakwera?

Chakwera, 65 anni, è nato da una povera famiglia di contadini in un piccolo villaggio fuori dalla capitale, Lilongwe. È un filosofo, teologo e sacerdote che si è formato e ha studiato in Malawi, in Sudafrica e negli Stati Uniti. Chakwera è presente nella politica malawiana dal 2013 come leader del Malawi Congress Party (MCP), il partito che ha guidato la lotta del Malawi per l’emancipazione dal dominio britannico nei primi anni Sessanta. Sulla piattaforma di quel partito, si è candidato alla presidenza nel 2014 e nel 2019, piazzandosi secondo in entrambe le occasioni.

Dopo ogni elezione, Chakwera, ex pastore, ha predicato la pace e ha esortato i malawiani ad accettare i risultati delle elezioni.
Alleanze di vitale importanza

Chakwera guida l’Alleanza di Tonse, un gruppo di nove partiti dell’opposizione che lui e il suo compagno di corsa Saulosi Chilima hanno forgiato per sconfiggere Mutharika.

Le alleanze di quest’anno sono state più importanti che mai dopo che la Corte Costituzionale a febbraio ha stabilito che il vincitore deve guadagnare più del 50 per cento dei voti, invece del sistema first-past-the-post utilizzato in precedenza.

Lazarus Chakwera ha guidato le proteste contro i risultati delle elezioni dello scorso anno, citando irregolarità di voto
Parlando in una conferenza stampa dopo aver espresso il suo voto martedì, Chakwera ha detto che la commissione elettorale è riuscita finora a “darci la fiducia che la volontà dei malawiani sarà rispettata”.

Rispondendo alle dichiarazioni di Mutharika che alcune roccaforti dell’opposizione hanno visto violenza il giorno delle elezioni, Chakwera ha detto: “Questo è un paese pacifico e tutti noi dobbiamo votare in modo pacifico e tutti dobbiamo rispettarci l’un l’altro”. E non abbiamo bisogno di combattere. Il voto è la lotta”.
Qual è la visione di Chakwera per il Malawi?

Chakwera ha fatto una campagna per trasformare il Malawi in un’economia a medio reddito, costruendo un capace stato democratico e di sviluppo.
Cinque pilastri fondamentali sono alla base del suo approccio alla governance: valorizza la leadership dei funzionari, unire i malawiani, crescere insieme, porre fine alla corruzione, indipendenza giudiziaria e stato di diritto.

Chakwera ha delineato diverse iniziative chiave, tra cui un sussidio universale per i fertilizzanti per garantire la sicurezza alimentare per ogni famiglia, e ha promesso di creare 1 milione di posti di lavoro rinnovando le industrie che avrebbero aggiunto valore ai raccolti dei contadini del Malawi.

Proprio come suggerisce il suo nome biblico, Lazzaro Chakwera ha fatto un ritorno alla politica malawiana, e in grande stile.
Sotto la sua guida, Chakwera vuole far progredire il suo Paese e trasformarlo in “un nuovo Malawi”.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 371 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Politica

Il Rwanda vuole porre fine alla dipendenza dagli aiuti internazionali

Il presidente del Rwanda, Paul Kagame ha proposto di fissare un termine entro il quale il paese cesserà di are affidamento sui finanziamenti dei donatori internazionali. Attualmente, il Ruanda finanzia

Sud Africa

Sud Africa e Cina, dietro al gioco di specchi

I rapporti tra la Repubblica Popolare Cinese ed il Sudafrica si sono rafforzati significativamente negli ultimi anni, come dimostrato da una serie di proclami economici e politici. Il 2014 è stato soprannominato “l’anno del

Politica

Ruanda, un modello di sviluppo?

Immerso nella campagna agricola che si estende lungo la frontiera meridionale del Ruanda con il Burundi, un vasto progetto sta prendendo piede tra le coltivazioni di manioca e banane, con i