Il turismo virtuale in Africa si sviluppa in mezzo alla pandemia del coronavirus.

Il turismo virtuale in Africa si sviluppa in mezzo alla pandemia del coronavirus.

DW racconta come la pandemia sta cambiando l’approccio al turismo in Africa.

I paesi africani offrono ai turisti di tutto il mondo la possibilità di viaggiare per il continente e persino di fare un safari virtuale. Ma questo è un soddisfacente sostituto della realtà?

Il sole sorge lentamente sopra l’orizzonte della savana africana. Contro la sua luce splendente si vedono le sagome di una famiglia di elefanti che si aggira tra i prati alla ricerca della pozza d’acqua più vicina. Impala e zebre si fanno strada nel deserto, gli uccelli cinguettano e si percepisce che la giornata sarà calda.

Questa scena nella Sabi Sand Game Reserve di Mpumalanga, una delle regioni più conosciute per i safari in Sudafrica, sembra molto reale.

Ma, in realtà, i turisti che se la godono non sono seduti in jeep, ma a casa a guardarla sui loro smartphone e tablet. Il safari stesso, però, si sta svolgendo davvero e, come nella vita reale, ogni viaggio è diverso, aggiungendo il piacere di tali esperienze virtuali.

Nella riserva keniota Ol Pejeta si può partecipare a un safari virtuale con i ranger.

Da quando è scoppiata la pandemia di coronavirus, l’industria del turismo è crollata in tutti i paesi dell’Africa. I parchi nazionali e gli alberghi sono vuoti e non c’è traccia di turisti, perché sono tutti bloccati a casa.

Ma diverse associazioni turistiche africane hanno avuto l’idea di fornire ai viaggiatori accaniti impressioni digitali del continente durante la pandemia. Il turismo virtuale è in crescita.

Safari in Kenya, passeggiate nel deserto del Namibia in Namibia, parapendio in Sudafrica o in piedi sul bordo delle Victoria Falls al confine tra Zambia e Zimbabwe: tutte queste esperienze possono ora essere vissute a casa da turisti virtuali come Juan Santiago.
Santiago, che proviene dalla capitale spagnola, Madrid, ha già visitato un paio di volte il Kenya in questo periodo dell’anno per assistere alla migrazione degli gnu nella riserva di caccia Maasai Mara, un fenomeno che è stato spesso definito una delle meraviglie del mondo.

Ma quest’anno le cose sono diverse. Invece di andare in Kenya, Santiago sta facendo una visita virtuale al Parco Nazionale di Nairobi. Se il safari è condotto bene, si ha a casa l’atmosfera del Parco Nazionale di Nairobi”. Tutto avviene in tempo reale”, dice. “Anche se la mia famiglia visita il Kenya senza di me dopo la pandemia di coronavirus, questa tecnologia mi permette di accompagnarli virtualmente”.

I safari convenzionali sono importanti per guadagnare valuta estera, soprattutto in Africa orientale e meridionale.

Il Kenya ha già perso più di 750 milioni di dollari (656 milioni di euro) di entrate derivanti dal turismo dal primo caso di COVID-19 nel paese. Per questo motivo, a giugno, l’autorità per il turismo ha avviato un live-stream drive come parte della sua campagna #TheMagicAwaits. L’obiettivo è quello di dare al mondo un assaggio di ciò che aspetta in Kenya quando il Paese sarà di nuovo aperto ai visitatori, dice Betty Radier, l’amministratore delegato del Kenya Tourism Board.

“La gente è online e cerca luoghi in cui viaggiare. Questa è una grande opportunità per noi di presentarci dal vivo come destinazione”, ha detto a DW. Sedici diverse destinazioni in Kenya vengono trasmesse in live-streaming.

Questo concetto funziona anche in Sudafrica. L’autorità del turismo di Città del Capo, ad esempio, ha lanciato la campagna We Are Worth Waiting For. Offre modi per godersi la città in modo virtuale, compresi i tour a Robben Island, con la sua ex prigione, e a Table Mountain.
L’amministratore delegato del turismo di Città del Capo, Enver Duminy, la descrive come una storia d’amore a distanza.

“Quello che abbiamo fatto utilizzando la tecnologia durante COVID-19 è stato quello di utilizzare i social media e le campagne per ricordare ai turisti perché si sono innamorati della destinazione in primo luogo”, ha detto Duminy a DW. “Diamo immagini di ciò che desideri, di ciò che hai vissuto l’ultima volta che sei stato qui”. E speriamo di poterci collegare e continuare questa storia d’amore quando verrete a trovarci”. La tecnologia è più che altro un’abilitazione che ci permette di transitare nello spazio e nel tempo”.

“Il turismo virtuale è una grande opportunità per vedere se si vuole visitare una particolare destinazione per davvero”, dice Gerald Ferreira, il fondatore della Virtual Reality Company in Sud Africa. “Le persone possono anche provare come è il turismo d’avventura prima di provare qualcosa come il bungee jumping, per esempio”.

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale del Turismo dell’ONU (OMT), all’inizio di giugno il 74% dei governi africani non permetteva ai turisti di entrare nei loro Paesi. Prima che scoppiasse la pandemia, l’Africa era la regione turistica in più rapida crescita. Nel 2018, circa 67 milioni di turisti hanno visitato il continente, portando 38 miliardi di dollari di entrate. Nel 2019, secondo i dati preliminari, il numero di turisti è aumentato del 4,2%. E l’Africa avrebbe potuto contare su un aumento del 3-4% nel 2020.

Ma poi è arrivato COVID-19. Il World Travel and Tourism Council (WTTC) stima il numero di posti di lavoro persi nel solo settore del turismo africano a quasi 8 milioni. Questo ha reso imperativa la ricerca di alternative.

Ma il turismo virtuale può sostituire il viaggio reale? O potrebbe addirittura causare danni a lungo termine all’industria del turismo, con i potenziali viaggiatori che rimangono lontani, contenti di visitare l’Africa virtualmente?

Patrick Karangwa, un informatico del Ruanda, non pensa che lo farà. Egli offre tour virtuali attraverso la capitale, Kigali.
“Non mi vedo in competizione con il turismo tradizionale, ma come partner”, ha detto a DW. “Creo un ulteriore livello di informazione che incoraggia le persone a viaggiare nei luoghi”. È davvero un vantaggio per le aziende di viaggio, gli alberghi, i ristoranti e l’industria in generale”.

Enver Duminy a Città del Capo punta anche sulla continua voglia di viaggiare delle persone. “La realtà virtuale permette esperienze più coinvolgenti, anche se in questa fase non permette di toccare, assaggiare e annusare. Permette solo di vedere. Penso che sia nel nostro DNA; abbiamo bisogno di connetterci, di vedere, di toccare, di abbracciare”.

Tra qualche settimana, i primi pacchetti turistici provenienti dall’Europa torneranno in Ruanda. La Tanzania, nota per il suo approccio lassista alla crisi del coronavirus, sta già accogliendo i turisti, e la Namibia ha riaperto i suoi parchi nazionali. Il Kenya permetterà ai turisti di entrare dal 1° agosto e l’industria turistica sudafricana spera di poter aprire i battenti a partire da settembre 2020 – se sarà davvero così, tuttavia, rimane incerto, dato che i casi di infezione da coronavirus sono attualmente in aumento. Paesi come l’Uganda dovranno probabilmente aspettare ancora un po’.

Juan Santiago a Madrid non è preoccupato per questo. Da quando è iniziata la pandemia, ha già dato uno sguardo virtuale ai famosi reperti archeologici e alle collezioni del Museo Nazionale di Nairobi.

Anche se gli piace viaggiare in questi paesi di persona, crede nel futuro del turismo virtuale. “Un giorno, tutti noi potremo vedere le giraffe di Nairobi da tutto il mondo; andrai al lavoro alle 8 e guarderai le giraffe su schermi dal vivo in ufficio”, dice. “Sarà un bene per la conservazione della natura, perché i fan della natura come me farebbero una donazione per queste giraffe, rinoceronti o elefanti”.

 

 

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 419 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Sud Africa

Uber si allea con Kia per espandersi in Africa

Uber Technologies Inc. sta negoziando offerte speciali con la Kia Motors Corp. per aumentare il numero dei suoi autisti a Lagos, la città più grande dell’africa, arrivando così’ a 3.000 vetture

Kenya

Kenya, 55 Milioni per lo sviluppo del piccolo idroelettrico.

La Kenya Tea Development Agency ha ottenuto un prestito di 55 milioni di dollari per costruire sette piccole centrali idroelettriche per ridurre la dipendenza dalla rete nazionale e tagliare i

Africa Sub Sahariana

Intervista a Luigi Marras, Direttore del Min Affari Esteri

In questa interessante intervista, Luigi Marras, direttore generale per la mondializzazione e le questioni globali del Ministero degli affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, presenta l’African Economic Outlook 2015, il