Perché i paesi africani sono riluttanti ad accettare la riduzione del debito COVID-19

Perché i paesi africani sono riluttanti ad accettare la riduzione del debito COVID-19

Un piano di riduzione del pagamento dei debiti è stato approvato da alcuni dei maggiori istituti di credito del mondo per più di 25 paesi africani. L’accordo include la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale, il G20, la Banca Africana di Sviluppo e tutti i creditori del Club di Parigi.

L’obiettivo era quello di liberare più di 20 miliardi di dollari che i governi potrebbero utilizzare per sostenere i loro servizi sanitari.

Alcuni hanno chiesto la cancellazione totale del debito per ridurre l’onere del debito dei Paesi africani che stanno uscendo dalla crisi della pandemia COVID-19. La maggior parte degli Stati africani avrà un debito pubblico elevato, poiché utilizzerà tutte le linee di credito disponibili per assicurarsi le risorse per combattere la pandemia.

Ma i creditori privati che detengono debiti commerciali non sono stati disposti a partecipare alla riduzione del debito. Hanno criticato la richiesta del G20 di congelare tutti i rimborsi del debito. I paesi sono stati inoltre penalizzati dal mercato delle eurobbligazioni da tassi d’interesse elevati. I rendimenti obbligazionari sono aumentati di oltre il doppio del costo per la maggior parte dei paesi che intendono emettere Eurobond.
Dei 25 paesi che possono beneficiare della riduzione del debito, solo quattro hanno richiesto assistenza – Camerun, Costa d’Avorio, Etiopia e Senegal. La maggioranza si è rifiutata di presentare domanda o non ha ancora chiesto una moratoria sul debito.

Le ragioni sono comprensibili. I paesi poveri sanno che i mercati del debito non sono in gran parte favorevoli a loro. E riconoscono il rischio di essere puniti dai creditori esistenti, dai potenziali investitori e dalle agenzie di rating se chiedono una moratoria del debito.

Rischio di declassamento del rating

Alcuni paesi non hanno rifiutato apertamente l’offerta di partecipare alla moratoria sul debito. Da parte sua il Kenya ha apertamente indicato la sua mancanza di interesse.
Ecco i motivi per cui la maggior parte dei Paesi africani ha scelto di non partecipare alla sospensione multilaterale del debito.

In primo luogo, c’è il rischio che i Paesi che chiedono la sospensione del debito abbiano preso in prestito in modo irresponsabile. In futuro saranno considerati come mutuatari ad alto rischio e irresponsabili.
In secondo luogo, i paesi violeranno i termini dei contratti di Eurobond in loro possesso. I prospetti delle eurobbligazioni e le condizioni contrattuali vietano ai Paesi di chiedere la sospensione dei pagamenti del debito nell’ambito di iniziative multilaterali. Le clausole di default delle eurobbligazioni indicano che il mancato pagamento del debito esterno, inclusa la richiesta di una moratoria, sarebbe considerato come un’inadempienza. Ciò farebbe scattare automaticamente una richiesta immediata ai paesi di pagare l’intero valore degli Eurobond in essere.

In terzo luogo, i governi temono che la moratoria sul debito porti a un declassamento del rating del credito a causa dei termini di default degli Eurobond. Moody’s ha messo Camerun, Costa d’Avorio e Senegal sotto valutazione per il downgrade e ha declassato l’Etiopia proprio a causa della loro partecipazione alla Debt Service Suspension Initiative del G20.

Un downgrade del rating eroderebbe i benefici maturati dalla riduzione del debito in quanto i paesi dovrebbero pagare più interessi sullo stesso volume di debito. Le Nazioni Unite hanno criticato le agenzie di rating per il peggioramento della sostenibilità del debito nei Paesi poveri. Ci si aspettava che la riduzione del debito avrebbe liberato circa 20 miliardi di dollari in totale, circa lo stesso importo che è dovuto in interessi e rimborso del capitale entro sei mesi ai creditori privati.

Ciò ostacolerà ulteriormente la capacità dei Paesi di finanziare i disavanzi di bilancio a medio termine attraverso l’accesso ai mercati globali dei capitali. Dato che la pandemia aumenterà la spesa pubblica quando la riscossione delle imposte e la generazione di entrate verranno meno, i disavanzi di bilancio si gonfieranno. L’accesso al capitale globale sarà fondamentale per finanziare la ripresa economica dei Paesi africani dopo il COVID-19.

Infine, si teme che i termini dei pacchetti multilaterali di riduzione del debito e di prestiti limitino l’orientamento politico futuro. La moratoria sul debito viene concessa a condizione che i fondi siano spesi solo per servizi pubblici essenziali. Altre condizioni includono l’adesione alle politiche esistenti, i requisiti di rendicontazione, la supervisione multilaterale e la trasparenza. I paesi che aderiscono al programma di riduzione del debito non sono autorizzati a contrarre debiti da altri creditori durante questo periodo e dovrebbero utilizzare i risparmi solo per affrontare gli shock della pandemia.

La Banca Mondiale ha elaborato risposte di politica fiscale personalizzate che sostengono il superamento della crisi nel breve termine e la ripresa economica nel medio termine per i paesi che ricevono lo sgravio. I prestiti del FMI e i fondi di sospensione del debito del G20 non saranno utilizzati per pagare interessi elevati ai finanziatori privati. Queste condizioni limitano sia lo spazio fiscale che la flessibilità politica di un Paese.

Soluzioni

Lo scopo principale del mantenimento di un buon rating creditizio è quello di accedere ai fondi internazionali a tassi d’interesse relativamente bassi. Per i Paesi africani, l’emissione di Eurobond è un’opzione più interessante rispetto al tradizionale prestito multilaterale, le cui condizioni sono solitamente restrittive.

In tutti gli attuali contratti di Eurobond, i Paesi sono considerati inadempienti se cessano di essere membri del FMI o se non possono più utilizzare le risorse dell’istituzione di Bretton Woods. Quando le condizioni dei contratti Eurobond diventano altrettanto restrittive e i rendimenti delle obbligazioni diventano più costosi, si vanifica l’obiettivo di diversificare i prestiti multilaterali.

Questo è ciò che dovrebbero fare i Paesi africani.

In primo luogo, i paesi che hanno la capacità di rinunciare alla riduzione del debito dovrebbero farlo per evitare di perdere la fiducia degli investitori in futuro. Il beneficio netto di un basso costo del debito maturerà a lungo termine.

I creditori privati non dovrebbero essere costretti ad accettare l’accordo generale di cancellazione del debito per il debito commerciale che è stato contratto a causa delle condizioni di mercato e dei fondamentali. Gli attuali covenant sugli Eurobond dovrebbero essere onorati per mantenere la credibilità e l’integrità dei mutuatari sovrani africani.

In secondo luogo, i Paesi che si trovano ad affrontare sfide per finanziare i loro rimborsi dovrebbero affrontare con cautela le trattative con i loro creditori commerciali. In particolare, dovrebbero assicurarsi di salvaguardare i loro rating sovrani ed evitare l’inadempienza.
Infine, questo episodio dovrebbe fornire ai governi africani una lezione per negoziare tassi di interesse competitivi e accettare solo offerte favorevoli durante l’emissione di Eurobond. L’eccesso di sottoscrizioni di Eurobond africani non è un segno assoluto di attrattiva. Riflette anche l’eccesso di prezzo degli strumenti emessi.

I governi dovrebbero assumere il controllo del processo di emissione delle obbligazioni per strutturare le obbligazioni a condizioni favorevoli. Questo processo non dovrebbe essere interamente affidato a sindacati di banchieri d’investimento che hanno una motivazione di profitto e ottengono enormi bonus per le sottoscrizioni in eccesso. Ciò ridurrà in futuro le condizioni restrittive della politica e l’elevato onere degli interessi.

About author

Cristiano Volpi
Cristiano Volpi 369 posts

Appassionato di economia, politica e geopolitica, ho deciso di creare questo sito per mostrare una diversa faccia dell'africa, un continente pieno di opportunità di business e di investimento, un continente in continuo cambiamento.

View all posts by this author →

You might also like

Africa Sub Sahariana

La strategia per il Nucleare della Russia in Africa

Il parlamento ruandese ha appena approvato un piano per il gruppo di Stato russo Rosatom per la costruzione di un centro di ricerca nucleare e di un reattore nella capitale,

Politica

Kenya – Il Cinese come lingua straniera

Dopo il Sud Africa un altro paese africano ha deciso di inserire il mandarino come lingua straniera nel programma scolastico pubblico. Il Kenya ha recentemente annunciato che il cinese verra’

Nigeria

SmartCity, lo stato di Lagos firma uno storico accordo con Dubai

Lagos ha firmato uno storico accordo con Dubai per diventare la prima Smart City dell’Africa. Il Memorandum of Understanding (MoU) è stato firmato presso la Emirates Tower di Dubai dal